Studiosulla ricetta digitale:! un ... - Consorzio Arsenal

Click here to load reader

  • date post

    28-Feb-2022
  • Category

    Documents

  • view

    1
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Studiosulla ricetta digitale:! un ... - Consorzio Arsenal

atti_15072015 
 
Dott.  Claudio  Saccavini    
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
           
3   Obblighi  normativi  e  scenario  nazionale  ....................................................................  10  
4   Le  nuove  opportunità  emergenti  ...................................................................................  21  
4.1   Ricetta  smart  -­  Le  opportunità  per  il  cittadino  .................................................................  21  
4.2   Connected  people  –  Le  opportunità  per  gli  operatori  del  Sistema  Sanitario  .......  23  
4.3   Dynamic  governance  -­  Le  opportunità  per  le  organizzazioni  .....................................  26  
4.4   Welcome  to  the  next  level  –  Le  opportunità  per  il  mercato  ........................................  28  
5   Dalle  proposte  ai  fatti  ........................................................................................................  32  
6   Hanno  collaborato  con  noi  ...............................................................................................  41  
 
   
 
           
Un’esperienza  di  community    
La   dematerializzazione   del   ciclo   prescrittivo,   ossia   delle   ricette   rosse,   in   Italia   è   un   obbligo   normativo  che  ha  permesso  di  sviluppare  differenti  esperienze  a  livello  regionale.  In  Veneto  si   è  colta  l’occasione  per  definire  e  mettere  in  pratica  un  nuovo  modello  organizzativo,  capace  di   introdurre   elementi   di   innovazione   nel   sistema   sanitario   regionale.   Raccolti   i   suggerimenti   attraverso  focus  group  con  medici,  personale  di  studio,  farmacisti  e  associazioni  dei  cittadini,   Arsenàl.IT  ha  promosso  la  creazione  di  una  comunità  di  esperti  con  l’obiettivo  di  elaborare  le   principali  opportunità  derivanti  dall’introduzione  dell’e-­prescription.  Oltre  100  professionisti   da  tutta  Italia,  grazie  a  un  percorso  appositamente  ideato,  hanno  discusso,  prima  virtualmente   e   poi   di   persona,   quali   nuovi   processi   virtuosi   potessero   essere   abilitati   dalla   dematerializzazione   della   ricetta   a   favore   del   cittadino,   dell’operatore,   delle   organizzazioni/istituzioni  e  del  mercato.  
Rappresentanti   delle   associazioni   dei   cittadini,   dei   medici   di   medicina   generale   e   delle   farmacie,  dell’università,  delle  aziende  socie,  delle  diverse  regioni  e  delle  loro  in-­house,  e  delle   principali  aziende  operanti  nel  mercato  dell’ICT    si  sono  ritrovati  il  15  luglio  2015  a  Treviso.    
L’incontro   si   è   aperto   con   la   presentazione   della   dr.ssa   Antonietta   Cavallo   del   Ministero   dell’Economia   e   delle   Finanze   che   ha   fornito   il   quadro  normativo   e   lo   stato   di   attuazione   a   livello  nazionale  per  quanto  concerne  la  ricetta  digitale.  La  dr.ssa  Lidia  Di  Minco  del  Ministero   della   salute   ha   parlato   invece   dell’evoluzione   della   ricetta   digitale,   collocandola   nell’ampio   percorso  di  realizzazione  del  fascicolo  sanitario  elettronico.    
Successivamente,   i  partecipanti  all’evento,   suddivisi   in  quattro  gruppi  hanno  sviluppato  una   esperienza  di  co-­creation  elaborando  delle  schede  contenenti  vantaggi,  punti  e  parole  chiave,   priorità  e  dimensione  dell’impatto  di  ciascuna  opportunità  individuata.  
Ricetta  smart.  Nel  gruppo  dedicato  alle  opportunità  per  il  cittadino  è  emersa  la  possibilità  di   far  coincidere  la  prescrizione  con  la  prenotazione  della  prestazione  specialistica,  visto  che  la   ricetta  digitale  garantisce  la  gestione  dei  dati  in  tempo  reale.    
 
           
5  
discusso   sul   come   l’informatizzazione   può   favorire   una   migliore   gestione   delle   patologie   governate   da   PDTA.   La   proposta   emersa   è   quella   di   un   trasferimento   della   fase   di   prenotazione   dall’attuale   CUP   al   prescrittore,   medico   di   medicina   generale   e   pediatra,   per   rendere  più  efficiente  la  gestione  del  paziente  nella  fase  di  accesso  al  sistema  sanitario.    
Dynamic   governance.  Riguardano   il   sistema  di   governo   le   opportunità   emerse  dal   gruppo   dedicato  alle  organizzazioni  e  alle  istituzioni.  Come  nei  precedenti  gruppi,  si  è  rilevato  che  la   ricetta   digitale   permette   di   superare   il   concetto   di   centro   unico   di   prenotazione,   offrendo   inoltre  la  possibilità  di  un  monitoraggio  in  tempo  reale  delle  prestazioni  prescritte  ed  erogate.    
Welcome  to  the  next  level.  Infine  dal  gruppo  che  ha  sviluppato  il  tema  delle  opportunità  che   la  ricetta  digitale  permette  al  sistema  delle  aziende  che  offrono  servizi  ICT  alla  sanità  è  emersa   la  necessità  di  ripensare  l’offerta  in  funzione  della  disponibilità  del  dato  digitale,  ma  anche  alla   possibilità   di   co-­creazione   dei   nuovi   servizi   in   collaborazione   con   operatori   e   cittadini,   orientando  sempre  più  l’offerta  verso  il  mobile.    
In  conclusione    
Un   comitato   scientifico   composto   da   Luca   Buccoliero   (Università   Bocconi),   Carla   Collicelli   (Fondazione  CENSIS),  Claudio  Saccavini  (Arsenàl.IT),  Lorenzo  Gubian  (Regione  del  Veneto)  e   supportato   dai   componenti   ministeriali   presenti   ha,   infine,   discusso   in   tempo   reale   le   principali   opportunità   emerse   dai   gruppi   elaborando   un   insieme   di   considerazioni   sintetizzabili   nell’espressione   “Oltre   il   CUP”.   La   dematerializzazione   del   ciclo   prescrittivo,   infatti,   oggi   rende  possibile   la   realizzazione  di   un   sistema   che   va   incontro   alle   esigenze   dei   cittadini,   favorendo   il   loro   accesso   alle   prenotazioni   direttamente   nello   studio   medico   nel   quale  il  paziente  si  è  recato  per  ottenere  la  prescrizione  e  supportando  un’azione  diagnostico-­ terapeutica  da  parte  del  medico.    
 
           
1 Metodologia  utilizzata  
Per  realizzare  questa  esperienza  di  community,  che  ha  prodotto  un  significativo  esercizio  di   co-­creation,  è  stata  adottata  una  specifica  dinamica  partecipativa.    
I  primi  stimoli  e  le  prime  indicazioni  sono  stati  raccolti  attraverso  l’organizzazione  di  tre  focus   group  realizzati  in  tre  aziende  sociosanitarie  a  vocazione  rurale,  montana  e  urbana  con  medici   di  medicina  generale,  pediatri  di  libera  scelta,  personale  di  studio  e  farmacisti.  Un  quarto  focus   group  ha  coinvolto  le  principali  associazioni  di  pazienti  e  cittadini  presenti  a  livello  regionale.  
Sulla  base  delle  indicazioni  raccolte,  è  stato  definito  un  elenco  di  partecipanti,  seguendo  criteri   di   competenza   e   territorialità   rispetto   al   tema   della   dematerializzazione   della   ricetta   rossa,   suddividendo  poi  i  professionisti  che  hanno  dato  la  loro  adesione  in  quattro  gruppi,  in  modo   che   ciascuno   di   essi   fosse   esperto   sul   tema   e,   al   contempo,   garantisse   un   approccio   multidisciplinare  al  problema.    
Gli   esperti   sono   stati   invitati   ad   iscriversi   a   quattro   gruppi   chiusi   nella   piattaforma   social   LinkedIn  dedicati  a:   ricetta   smart,   connected  people,  dynamic  governance  e  welcome   to   the   next   level.  Ciascun  gruppo  è  stato  coordinato  dal   team  di  Arsenàl.IT  che  ha   fornito  stimoli  e   spunti   di   riflessione   per   preparare   il   terreno   di   discussione   atto   all’individuazione   delle   opportunità  derivanti  dalla  ricetta  digitale  per   i  gruppi  di  stakeholders   identificati:  cittadini,   operatori   del   Sistema   Sanitario,   organizzazioni   e   mondo   delle   imprese   ICT   che   operano   in   sanità.    
Con  queste  premesse  si  è  giunti  all’evento  vero  e  proprio  durante  il  quale  sono  stati  adottati   strumenti  social  per  favorire  l’interazione  tra  i  partecipanti  in  sala  e  un  ulteriore  pubblico  di   esperti  collegati  via  web.  Gli  interventi  della  giornata  sono  stati  trasmessi  in  streaming  dal  sito   www.consorzioarsenal.it,  via  YouTube  e  via  Periscope/Twitter,  mentre  tutti  i  lavori  sono  stati   virtualmente  commentati  attraverso  un  live  twitting.    
 
           
7  
Inoltre   le   discussioni   dei   gruppi   sono   state   seguite   in   tempo   reale   utilizzando   strumenti   di   web-­collaboration   da   un   comitato   scientifico   composto   da   Luca   Buccoliero   (Università   Bocconi),   Carla   Collicelli   (Fondazione   CENSIS),   Lorenzo   Gubian   (Regione   del   Veneto)   e   Claudio   Saccavini   (Arsenàl.IT)   ai   quali   si   sono  uniti   Antonietta   Cavallo   e   Lidia  Di  Minco  dei   Ministeri  dell’Economia  e  della  Salute.  Tale  board  ha  provveduto  ad  elaborare  in  tempo  reale   le  proposte  emerse.  
Nel   corso   di   una   plenaria   un   portavoce   per   ciascun   gruppo   ha   presentato   l’esito   della   discussione,  commentato  poi  dalla  platea.  Infine  il  board  ha  presentato  le  proprie  conclusioni.    
Arsenàl.IT   ha   quindi   analizzato   gli   spunti   emersi,   andando   a   definire   prima   uno   studio   di   fattibilità  e  poi  un  progetto  pilota  che  sarà  presentato  in  sede  istituzionale  dopo  aver  superato   una  ulteriore  fase  di  condivisione  con  tutti  i  partecipanti.  
 
           
Claudio  Dario  –  Presidente  Arsenàl.IT  
Molti  sostengono  che  la  dematerializzazione  sia  semplicemente  un  adempimento  normativo,   noi   tutti   che   siamo   convenuti   all’incontro   lo   interpretiamo   invece   come   una   opportunità   raccolta  dagli  adempimenti  normativi.  Si  tratta  di  una  tappa  da  raggiungere  perché  il  resto  del   mondo  sta  andando   in  questa  direzione.   Il  primo  aspetto  che  emerge  è  che  stiamo  andando   avanti  e  per  fortuna  esiste  anche  l’adempimento  normativo  che  tende  a  uniformare  i  percorsi.   Ma,  prima  di  tutto,  siamo  qui  perché  convinti  che  si  tratti  di  una  opportunità.    
La  giornata  nasce  da  questo  presupposto  perché  le  considerazioni  fatte  tra  di  noi  –  sottolineo   che  molti  partecipanti  provengono  da  altre  Regioni  d’Italia  -­  dicono  che  Arsenàl.IT  deve  essere   una  zona   franca,  una  zona  di   confronto   inter-­specialistico  ed   inter-­professionale,   in  qualche   modo  un’area  di  creatività.  La  giornata  intende  continuare  su  questa  linea  perché  abbiamo  la   netta   percezione   che   con   la   dematerializzazione   siamo   arrivati   ad   un   nuovo   livello   del   videogioco:   quando   entri   al   nuovo   livello   devi   capire   le   nuove   regole.   Per   questo   abbiamo   pensato   di   organizzare   una   specie   di   “social”   fisico,   comunicativo   per   confrontarci   e   capire   quali  possano  essere  queste  nuove  regole  e  le  nuove  opportunità  che  scaturiscono  in  questo   contesto.   Ciò   avverrà   secondo   il   tipico   approccio   di   Arsenàl.IT,   attraverso   un   modello   partecipativo  con  il  coinvolgimento  dei  diversi  soggetti.  Arsenàl.IT  opera  secondo  quello  che  è   tutt’altro  che  un  approccio  top  down:  la  normativa  è  un’opportunità,  le  valutazioni  e  le  regole   tecniche  sono  occasioni  di  sviluppo  del  lavoro  insieme.  E  non  c’è  alcun  dubbio  che  per  quanto   riguarda   il   Veneto   il   coinvolgimento   e   la   partecipazione   sono   le   chiavi   del   successo:   5.000   professionisti  del  sistema  sanitario  regionale  hanno  partecipato  al  percorso  di   realizzazione   della  ricetta  digitale  collocato  nell’ambito  del  fascicolo  sanitario  elettronico  regionale.  Hanno   contribuito   a   tutte   le   fasi   di   preparazione,   presenziando   a   oltre   un   centinaio   di   incontri   in   tutto  il  Veneto  con  la  partecipazione  attiva  di  questi  professionisti  che  hanno  consentito  che   allo  start,   in  poche  settimane,   il  sistema  sia  andato  sostanzialmente  a  regime.  Vedremo  poi   i   dati.    
 
           
9  
Noi   tutti   del   resto   ci   stiamo   adeguando   ad   un   mondo   che   questi   cambiamenti   li   gestisce.   Pensiamo   a   cosa   significa   il   mondo   dei   social   per   la   nostra   vita   quotidiana,   personale   ma   anche  professionale.  Dobbiamo  stare  molto  attenti  che  il  mondo  non  vada  da  una  parte  e  noi,   professionisti   della   sanità,   andiamo   da   un’altra.   Dobbiamo   chiederci   come   mai   quando   vestiamo  in  maniera  civile  comunichiamo  attraverso  i  social  network  e  via  Skype,  ma  quando   ci  mettiamo  il  camice  quasi  regrediamo  alla  preistoria  tecnologica,  riprendendo  la  clava.  
Arsenàl.IT   cerca   di   mettere   a   fattor   comune   molti   di   questi   aspetti   a   partire   dalle   regole   tecniche   anche   quelle   relative   alle   verifiche.   Perché,   ad   esempio,   abbiamo   creato,   in   via   sperimentale,  un  cruscotto  di  monitoraggio  delle  prescrizioni  che,   in  tempo  reale,  è  messo  a   disposizione  di   tutto   il   sistema  sanitario  regionale   in  cloud.  Nella   sede  di  Arsenàl.IT  non  c’è   alcun  server  e  non  scriviamo  una  riga  di  software.  Non  siamo  fornitori  di  servizi   ICT,  siamo   semplicemente   un   soggetto   deputato   a   rendere   armonico   il   processo   di   digitalizzazione   attraverso  la  definizione  di  regole  comuni  capaci  di  rendere  interoperabili  i  sistemi  sanitari  su   base  regionale.      
Faccio   un   esempio   per   spiegare   meglio   di   che   cosa   ci   occupiamo.   La   sincronizzazione   dei   metronomi  che  vengono  attivati  casualmente  avviene  per  un  fenomeno  fisico.  L’accordo  è   la   sincronizzazione   dei   metronomi:   si   sincronizzano   quanto   più   vicini   sono   e   quello   che   permette  di  sincronizzare  è  la  base.  Noi,  chi  opera  in  sanità,  siamo  i  metronomi  e  Arsenàl.IT   cerca  di  essere  il  sincronizzatore  per  portare  i  risultati  come  quelli  che  abbiamo  raggiunto  e   dei  quali  parliamo  oggi,  mettendo  insieme  i  vari  attori.  Il  valore  aggiunto  è  quello  di  metterci  a   confronto  con  tutti.    
   
 
           
Antonietta  Cavallo  –  Dirigente  Ufficio  VI,  Ispettorato  Generale  del  Sistema  Informativo  del   Ministero  dell’Economia    
Vorrei   premettere   che   è   importante   costruire   un’impalcatura   normativa   capace   di   dare   robustezza   ad   un   progetto.   Oggi   infatti   siamo   a   parlare   di   dematerializzazione   perché   dal   2003   abbiamo   avviato   un   percorso   relativo   al   tema   della   raccolta   dei   dati   nelle   ricette   mediche   che   non   era   un   tema  molto   diffuso   in   tutte   le   Regioni,   le   quali   però   presentavano   situazioni  molto  differenziate.  Regione  Veneto  evidenziava  un  patrimonio  formativo  fin  dagli   inizi,  ma  questo  non  si  poteva  certo  dire   in   tutte   le  regioni.  All’epoca   l’obiettivo  era    partire   con  regole  diffuse  in  tutte  le  Regioni  per  condividere  le  informazioni  affinché  potessero  essere   confrontabili.  Siamo  partiti  quindi  nel  2003  con  quello  che  abbiamo  chiamato  Sistema  Tessera   Sanitaria  perché  si  basa  sul  sistema  del  tesserino  che  è  stato  diffuso  a  partire  dal  2003  e  da   quell’anno   si   è   partiti   con   il   collegamento   telematico   delle   farmacie   e   degli   ambulatori,   basandoci  sulla  ricetta  cartacea  che  era  quella  in  vigore.  L’obiettivo  era  capire  quali  erano  le   informazioni   contenute   nelle   ricette,   le   prestazioni   erogate.   Nel   2009   è   stato   avviato   il   collegamento   dei   medici,   per   arrivare   poi   al   controllo   delle   esenzioni   per   reddito   con   un   risultato   molto   importante   a   tutti   i   livelli   sia   di   amministrazione   centrale   sia   locale.   E   poi   abbiamo  fatto  un  salto,  quel  cambio  di  livello  del  videogame  del  quale  parlava  il  dottor  Dario,   quel   salto   oltre   la   linea   tratteggiata   grazie   ad   un   adeguamento   tecnologico.   Abbiamo   l’evoluzione  della  tessera  con  microchip  che  serve  per  accedere  alle  informazioni  in  rete  della   pubblica   amministrazione.   Arriviamo   quindi   nel   2010   alla   dematerializzazione   delle   ricette   con  un  Decreto  Legge,  vale  a  dire  l’introduzione  di  una  norma  che  ha  carattere  di  urgenza  che   garantisce   una   importante   innovazione.   E   nell’Agenda   Digitale   si   procede   dando   un   programma  di  attuazione:  60-­80-­90%  i  livelli  di  realizzazione  che  però  è  stato  posticipato  con   proroga   a   termine   per   quanto   riguarda   il   raggiungimento   del   90%.   Il   tutto   per   dire   che   il   tassello  ha  avuto  una  sua  funzione  per  garantire  che  si  arrivasse  al  risultato  attuale.    
Il  Sistema  Tessera  Sanitaria  è  un  sistema  centrale  gestito  dal  Ministero  dell’Economia  tramite   Sogei,   concertato   con   il  Ministero   della   Salute   che   serve   a   raccogliere   i   dati,   certificarli   e   a   darli,  restituirli  a  coloro  che  poi  devono  materialmente  utilizzarli:  le  aziende  asl,  le  regioni,  il   Ministero   della   Salute.   Questo   può   avvenire   anche   tramite   un   sistema   regionale   (SAR)   riconosciuto  solo  però  se  conforme  a  quello  nazionale,  come  quello  della  Regione  Veneto.    
 
           
11  
arginare   la   spesa:   cercare   di   trovare   indicatori   che   possano   consentire   il   monitoraggio   di   questi   elementi   e,   quindi,   poterne   verificare   l’impatto.   Questo   avviene   attraverso   la   certificazione  dei  dati:  l’assistito,  il  medico  prescrittore,  l’esenzione  e  la  prestazione  stessa.    
Il  salto  fatto  con  la  dematerializzazione  è  sicuramente  tecnologico  ma,  dal  punto  di  vista  del   controllo  dei  dati,  è  un  salto  che  consente  una  verifica  ex-­ante  dei  dati.  Quindi,  una  ricetta  non   viene  emessa  se  non  corrisponde  a  determinate  caratteristiche.  Ciò  significa  tantissimo  ai  fini   della   verifica   dell’appropriatezza,   dell’eliminazione   -­   o   per   lo  meno   il   contenimento   -­   delle   truffe  e  delle  falsificazioni,  vero  obiettivo  al  quale  puntano  gli  operatori  del  settore.    
Questo   si   attua   nel   territorio   attraverso   dei   piani   di…