Diete Sane a partire da Sistemi Alimentari Sostenibili ... ... Diete Sane Sebbene la dieta della...

Click here to load reader

  • date post

    10-Mar-2021
  • Category

    Documents

  • view

    1
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Diete Sane a partire da Sistemi Alimentari Sostenibili ... ... Diete Sane Sebbene la dieta della...

  • Alimentazione Pianeta

    Salute

    Diete Sane a partire da Sistemi Alimentari Sostenibili

    Sum m

    ary report della EAT-Lancet C om

    m ission

  • Indice

    04 Introduzione 06 1 Obiettivo 08 2 Target 20 5 Strategie 26 Conclusione 27 Glossario 28 La Commissione EAT-Lancet 30 Chi è EAT

    Photo credit: Shutterstock (page 8, 20, 22, 24, 25), iStock (page 6), Mollie Katzen (page 11).

    This report was prepared by EAT and is an adapted summary of the Commission Food in The Anthropocene: the EAT-Lancet Commission on Healthy Diets From Sustainable Food Systems. The entire Commission can be found online at thelancet.com/commissions/EAT.

    The EAT-Lancet Commission and this summary report were made possible with the support of Wellcome Trust.

    This report was translated by an independent party and has not been officially certified. EAT does not take responsibility for any inaccuracies. The original English version is available at the EAT website: eatforum.org/eat-lancet-commission/

  • 3

    Summary report

    La transizione entro il 2050 verso diete sane imporrà notevoli cambiamenti nelle abitudini alimentari. La quantità di frutta, verdura, frutta a guscio e legumi consumata a livello globale dovrà raddoppiare, mentre quella di alimenti come carne rossa e zucchero dovrà ridursi di oltre il 50%. Una dieta ricca di alimenti di origine vegetale con piccole quantità di cibi di origine animale comporta benefici sia per la salute che per l’ambiente.

    Prof. Walter Willett MD Harvard T.H. Chan School of Public Health

  • 4

    Diete Sane a partire da Sistemi Alimentari Sostenibili

    La nostra alimentazione nell’Antropocene: Diete sane a partire da sistemi alimentari sostenibili

    Introduzione

    #foodcanfixit

    In mancanza di azioni concrete, il mondo rischia di non soddisfare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) dell’ONU e l’Accordo di Parigi, e le future generazioni erediteranno un pianeta gravemente danneggiato in cui gran parte della popolazione soffrirà sempre più di malnutrizione e malattie prevenibili.

  • 5

    Summary report

    Figura 1 Un'agenda alimentare integrata nell’epoca dell’Antropocene riconosce che il cibo crea un legame inestricabile tra salute dell'uomo e sostenibilità ambientale. Il sistema alimentare globale si impegna ad agire entro i confini della salute dell’uomo e della produzione alimentare per garantire, entro il 2050, diete sane a partire da sistemi alimentari sostenibili a circa 10 miliardi di persone.

    Il cibo è la principale leva in grado di migliorare la salute dell’uomo e la sostenibilità ambientale sulla Terra. Tuttavia il cibo sta minacciando sia le persone che il pianeta. C’è un enorme sfida da affrontare: fornire a una popolazione mondiale in costante crescita diete sane a partire da sistemi alimentari sostenibili. Nonostante la produzione alimentare globale di calorie abbia generalmente tenuto il passo della crescita della popolazione, più di 820 milioni di persone continuano a non disporre di quantità di cibo sufficienti, mentre un numero ancora maggiore consuma alimenti di bassa qualità o assume quantità smisurate di cibo. Una cattiva alimentazione costituisce oggi un pericolo in termini di morbilità e mortalità maggiore rispetto al sesso non protetto, al consumo di alcol, droghe e tabacco messi insieme. La produzione alimentare globale minaccia la stabilità climatica e la resilienza degli ecosistemi, costituendo allo stesso tempo il principale fattore di degrado ambientale e di violazione dei confini planetari. Considerate queste premesse, le conseguenze sono gravissime. Urge una radicale trasformazione del sistema alimentare globale. In mancanza di azioni concrete, il mondo rischia di non soddisfare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) dell’ONU e l’Accordo di Parigi, e le future generazioni erediteranno un pianeta gravemente danneggiato in cui gran parte della popolazione soffrirà sempre più di malnutrizione e malattie prevenibili.

    Prove scientifiche rilevanti indicano che le diete siano collegate alla salute dell’uomo e alla sostenibilità ambientale. Eppure l’assenza di obiettivi scientifici

    condivisi su scala globale in materia di diete sane e di produzione alimentare sostenibile ha ostacolato gli sforzi coordinati e su vasta scala volti a trasformare il sistema alimentare globale. Per rispondere a questo urgente bisogno, la EAT-Lancet Commission ha riunito 37 rinomati scienziati provenienti da 16 paesi diversi, esperti in varie discipline tra cui la salute dell’uomo, l’agricoltura, le scienze politiche e la sostenibilità ambientale al fine di definire obiettivi scientifici globali per diete sane e una produzione alimentare sostenibile. Questo rappresenta il primo tentativo di fissare obiettivi scientifici universali per il sistema alimentare che possano essere validi sia per la popolazione che per il pianeta.

    La Commissione ha deciso di concentrarsi sui due “poli” del sistema alimentare globale: il consumo finale (le diete sane) e la produzione (la produzione alimentare sostenibile, cfr. Figura 1). Questi fattori incidono enormemente sulla salute dell’uomo e sulla sostenibilità ambientale. La Commissione riconosce l’impatto ambientale dei sistemi alimentari su tutta la filiera agroalimentare, dalla produzione fino alla trasformazione e alla vendita al dettaglio, e sostiene che questo si spinga ben oltre la salute umana e ambientale, colpendo anche la società, la cultura, l’economia, la salute e il benessere degli animali. Tuttavia, data la vastità e la complessità di ciascuno di questi temi, la Commissione ha ritenuto opportuno non includere altre importanti questioni.

    Il cibo è la principale leva in grado di migliorare la salute dell’uomo e la sostenibilità ambientale sulla Terra.

    Sistem a A

    lim entare

    C on

    fin i p

    lal

    en tar

    i Confini della salute

  • 6

    Diete Sane a partire da Sistemi Alimentari Sostenibili

    Realizzare entro il 2050 diete della salute planetaria per circa 10 miliardi di persone

    1 Obiettivo – 2 Target – 5 Strategie

    #foodcanfixit

  • 7

    Summary report

    È stata elaborata una vasta mole di studi in merito all’impatto ambientale delle diverse diete e molti sono concordi nell’affermare che una dieta ricca di alimenti di origine vegetale con piccole quantità di cibi di origine animale comporti benefici sia per la salute che per l’ambiente. Nel complesso, la letteratura afferma che tali diete sono “win-win” in quanto positive sia per l'uomo che per il pianeta. Ad ogni modo, a livello globale non vi è ancora un accordo su cosa si intenda per dieta sana e per produzione alimentare sostenibile e se entro il 2050 si possa raggiungere l’obiettivo di creare diete della salute planetaria* per una popolazione mondiale di 10 miliardi di persone.

    Mediante la valutazione delle prove scientifiche esistenti, la Commissione ha elaborato degli obiettivi scientifici globali per la creazione di diete sane e di una produzione alimentare sostenibile. Li ha inseriti all’interno di un quadro comune, lo spazio operativo sicuro per i sistemi alimentari, in modo da poter delineare diete della salute planetaria (sane e allo stesso tempo sostenibili dal punto di vista ambientale).

    Tale spazio operativo sicuro è definito da obiettivi scientifici riguardo l’assunzione di specifiche categorie alimentari (per esempio dai 100 ai 300 g di frutta al giorno) al fine di migliorare la salute dell’uomo e da obiettivi scientifici per una produzione alimentare sostenibile con lo scopo di garantire stabilità al sistema Terra (cfr. Figura 2).

    I confini di questo spazio operativo sicuro sono posti all’estremità inferiore dell’intervallo di incertezza scientifica, creando uno “spazio sicuro” che, se superato, spingerebbe l’umanità in una zona di incertezza dai crescenti rischi. Operare al di fuori di questo spazio per qualsiasi processo del sistema Terra (p. es. alti tassi di perdita di biodiversità) o categoria alimentare (p. es. apporto insufficiente di verdura) aumenta il rischio di provocare danni alla stabilità del sistema Terra e alla salute umana. Se considerati insieme come punti della stessa agenda sulla salute e sostenibilità, gli obiettivi scientifici che definiscono questo spazio operativo sicuro per i sistemi alimentari permettono di valutare quali diete e quali pratiche di produzione alimentare consentiranno il rispetto degli SDGs e dell’Accordo di Parigi.

    *Con salute planetaria si intende «la salute della civiltà umana e lo stato dei sistemi naturali da cui dipende». Questo concetto è stato proposto nel 2015 dalla Rockefeller Foundation-Lancet Commission on Planetary Health con lo scopo di trasformare l’ambito della salute pubblica, che da sempre ha riguardato la salute dell’uomo non prendendo in considerazione i sistemi naturali. La EAT-Lancet Commission si fonda sul concetto di salute planetaria e propone il nuovo termine “dieta della salute planetaria” per sottolineare il ruolo fondamentale che le diete svolgono nel legare la salute umana alla sostenibilità ambientale e il bisogno di integrare queste agende, spesso separate, in un’unica agenda globale per la trasformazione del sistema alimentare in linea con gli SDGs e l’Accordo di Parigi.

    LOSE-W INLO

    SE

    -LO SE

    WI

    N- W

    IN

    W IN-LOSE

    Gli obiettivi scientif