Comunicazione mmg

Click here to load reader

download Comunicazione mmg

of 21

  • date post

    07-Apr-2017
  • Category

    Documents

  • view

    299
  • download

    1

Embed Size (px)

Transcript of Comunicazione mmg

  • Programma del corsocomunicazione Medico-Paziente

    FilmatiCounselingComunicare una cattiva notiziaCome affrontare il Burn-outDiscussionePost-test

    Prof. Vincenzo Masini Dott.Giorgio.Rizzardi Psicologo Animatore di Formazione

  • Il processo di empatia :la percezione e il coglimento del vissuto altrui

  • I processi di empatia consentono di interpretare il vissuto altrui come esito di processi di:

    a) proiezione

    b) scissione

    c) negazione

  • Proiezione:

    trasferimento su altri di vissuti propri tramite l'attivazione del proprio stato emozionale e mentale verso processi di azione.

    E' uno dei principali meccanismi di difesa indicati da Freud per esternalizzare da s parti non - buone. Difende prevalentemente dal senso di colpa. Non un meccanismo di controllo ma di attivazione, se c qualcosa che non va allora si attiva la proiezione sullaltro. Questo tipo di meccanismo dinamico nei confronti dellaltro e vi si strutturano le forme di aggressivit, di tensione negativa. Tipico di alcune personalit disturbate come i borderline, paranoci o gli antisociali

  • Negazione:

    processo di evitamento degli aspetti sgradevoli della realt trattandoli come se non esistessero.

    Il modello pi tipico e quello della rimozione: processo di eliminazione dalla coscienza di vissuti negativi. In ambito psicoanalitico un meccanismo di difesa consistente nel trasformare i dati psichici consci in inconsci o mantenere tali i dati psichici inconsci.

  • Scissione:

    frattura tra sentimenti e comportamento. Ma anche: processo di scissione dell'Io che si distanzia da se stesso.

    I disturbi dissociativi riguardano la perdita dell'integrazione normale dei propri ricordi, percezioni, identit o coscienza. Chiunque pu sperimentare occasionalmente la dissociazione, senza effetti dirompenti. Per esempio guidare per un certo tragitto e poi accorgersi di non ricordarne i particolari, perch era assorto in pensieri, nell'ascolto della radio, nella conversazione. Quando l'identit frammentata insieme alla memoria, si manifesta la fuga dissociativa o il disturbo dissociativo dell'identit. I disturbi dissociativi di solito sono associati a uno stress insopportabile: traumi, incidenti o disastri vissuti in prima persona o di cui si stati testimoni, oppure un conflitto interiore intollerabile che costringe la mente a separarsi da informazioni e sentimenti incompatibili o inaccettabili.

  • Questi tre modelli base percepiti nella comunicazione sono tipici di alcune forme di comunicazione verbale e non verbale

  • PROCESSI FORME TEMPERAMENTALIMODELLI COMUNICATIVIFORME DEL PARLARE proiezioniattivazionedinamicaillocutorio

    negazioniarousalnarrativalocutorio

    scissionicontrollo simbolica perlocutorio

  • E richiedono approcci di counseling verso il paziente di tipo:

    proiezioniascolto e spegnimento

    negazioniconsolazioni

    scissionicontatto con s

  • La consapevolezza immediata del vissuto di base del paziente sempre importante ma indispensabile quando si deve comunicare una brutta notiziaIl paziente infatti pu:Proiettare su altri il proprio risentimento mediante aggressivit o distruttivitNegare la notizia a se stesso e non responsabilizzarsiPerdere il contatto con se stesso ed andare in confusione

  • Occorre dunque prepararsi mentalmente a reggere psicologicamente le sue reazioni ed a produrre la comunicazione pi adeguataNel caso di processi proiettivi (rabbia ed ansia anche generalizzata) il paziente deve essere ascoltato ed indotto a spegnere la sua tensione interna Io la capisco!Nel caso di negazioni o rimozioni (chiusura in se stesso, rassegnazione eccessiva, pallore da panico) il paziente deve essere consolato mediante narrazioniC un mio paziente che Nel caso di scissioni il paziente deve contenere la confusione mentale mediante contatto con se stessoLei una persona che si ricorda quando

  • Cos infatti il feed back?

    una retroazione comunicativa

    Concetto mutuato dalla scienza della comunicazione e dalla cibernetica alla medicina e alle scienze biologiche per indicare quei processi circolari la cui conclusione agisce retroattivamente sull'innesco iniziale del processo. Nel counseling la forma di dichiarazione dei propri vissuti in seguito all'esternalizzazione dei sentimenti di un'altra persona.

  • Le implicature comunicative nella relazione con il paziente sono fondate su continui feed back reciproci

    Se sono armonici e sintonici chiudono la relazione positivamente per il paziente che prende atto della sua condizione e riorganizza la sua esistenza e per il medico che metabolizza il suo disagio

    Se non si chiudono nella comprensione reciproca conducono a sofferenza psichica il paziente ad al burn out il medico.

  • Il concetto di burn-out (alla lettera essere bruciati, esauriti, scoppiati) stato introdotto per indicare una serie di fenomeni di affaticamento, logoramento e improduttivit lavorativa registrati nei lavoratori inseriti in attivit professionali a carattere sociale.

  • Fasi del burn outEntusiasmo idealistico: aspettative di onnipotenza, di soluzioni semplici, di successo generalizzato e immediato, di apprezzamento.Stagnazione: da un superinvestimento iniziale a un graduale disimpegno. Profonda sensazione di inutilit e di non rispondenza ai reali bisogni dellutenza.Frustrazione: atteggiamenti aggressivi (verso se stesso o verso gli altri), comportamenti di fuga (allontanamenti, pause prolungate, assenze per malattia).Apatia: morte professionale, mancanza di sensibilit, cinismo.

  • Sintomi del burn outIl soggetto colpito da burn-out manifesta sintomi aspecifici (irrequietezza, senso di stanchezza ed esaurimento, apatia, nervosismo, insonnia), sintomi somatici (tachicardia, cefalee, nausea, ecc.), sintomi psicologici (depressione, bassa stima di s, senso di colpa, sensazione di fallimento, rabbia e risentimento, alta resistenza ad andare al lavoro ogni giorno, indifferenza, negativismo, isolamento, sensazione di immobilismo, sospetto e paranoia, rigidit di pensiero e resistenza al cambiamento, difficolt nelle relazioni con gli utenti, cinismo, atteggiamento colpevolizzante nei confronti degli utenti). Tale situazione di disagio molto spesso induce il soggetto ad abuso di alcool o di farmaci.

  • Il burn-out si manifesta infatti come : ridotta realizzazione personale, esaurimento emotivo e depersonalizzazione. La ridotta realizzazione personale riguarda la percezione della propria inadeguatezza al lavoro con caduta dell'autostima e risentimenti verso altri (colleghi e pazienti) visti come causa dellinsuccesso nel proprio lavoro. (Proiezione)

    Lesaurimento emotivo consiste nel sentimento di essere emotivamente svuotato e annullato dal proprio lavoro, per effetto di un inaridimento emotivo del rapporto con gli altri. (Negazione).La depersonalizzazione si manifesta come un atteggiamento di allontanamento, di distacco e di rifiuto nei confronti di coloro che richiedono o ricevono la prestazione professionale, il servizio o la cura. (Scissione da s).

  • Antidoti al burn out da ridotta realizzazione personale e da proiezioni: Occasioni di confronto con colleghi, apertura al dialogo motivazionale mediante processi dinamico-interattivi.Solo il gruppo pu stimolare a svolgere unazione o a perseguire un cambiamento. (Il mondo dei colleghi).

  • Antidoti al burn out da esaurimento emotivo e negazioni:

    La possibilit di entrare in contatto relazionale profondo con interlocutori capaci di comprendere il peso della propria sofferenza per riorganizzare e dare maggior struttura alla propria personalit. (Il mondo degli affetti).

  • Antidoti al burn out da depersonalizzazione e da scissioni: Il ricorso a vecchi amici e il ricordo dei precedenti sogni, ideali, cognizioni e simboli che consentano di mettere in contatto diversi punti di vista e diverse culture professionali. (il mondo degli amici).

  • FINEvincenzo masini335 5475302masini@prepos.it