Respira, Daniele Puppi per la Galleria Borghese - ?· Ne parlano l’artista e la curatrice Maria...

download Respira, Daniele Puppi per la Galleria Borghese - ?· Ne parlano l’artista e la curatrice Maria Silvia…

of 15

  • date post

    16-Feb-2019
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Respira, Daniele Puppi per la Galleria Borghese - ?· Ne parlano l’artista e la curatrice Maria...

s

c

RESPIRA, DANIELE PUPPI PER LA GALLERIA BORGHESEA Roma la Galleria Borghese celebra i ventanni dalla riapertura al pubblico con il nuovoprogetto site specific di Daniele Puppi. Ne parlano lartista e la curatrice Maria Silvia Farci.

Sonia S. Braga

a d

9 - 9 DANIELE PUPPI, INSTALLATION VIEW

Art corner

NEWS INTERIOR ARCHITETTURA DESIGN MAGAZINE ART CORNER MILANO DESIGN WEEK f

http://www.vanityfair.it/http://googleads.g.doubleclick.net/pcs/click?xai=AKAOjsuN3WLw7G0arIRz6FOxA5Zk6y2eohzkTsWB_Qc4-OYv5SwHSBIY1yRljSeeh4gQHEBPdLpy7stmF4c-OUqM2Kfd19Yhs_yNSP5wTN8B_Y6dX8ILViEK10CPaWlHaaAjwekr02OY61UmvLMebwNGoFRLPA4zP5-QnUwY0mtoE8s2yQR4UjKEex8RhZpuSYLXj3jtsLoB5NYNbIBaLq438hm0mlMsgvvPO0Bl82eP4aySK7h6tYr7_4RRwMoF&sig=Cg0ArKJSzLrDmtPODk6H&adurl=http://www.arflex.it&nm=1http://ad.vfnetwork.it/http://ad.vfnetwork.it/news/http://ad.vfnetwork.it/interior/http://ad.vfnetwork.it/architettura/http://ad.vfnetwork.it/design/http://ad.vfnetwork.it/magazine/http://ad.vfnetwork.it/artcorner/http://ad.vfnetwork.it/milano-design-week/

Mostre, eventi e appuntamenti per unanno

ustodisce quella che stata definita "la pi bella collezione del

mondo" Galleria BorgheseGalleria Borghese, il museo capitolino voluto dal

cardinale Scipione Caffarelli Borghese (1577-1633) e

vanta capolavori di Caravaggio, Tiziano, Rubens, Raffaello,

Bernini, Canova, oltre a sculture, marmi archeologici,

bassorilievi e mosaici antichi. Per celebrare il ventennale dalla sua riapertura al

pubblico, la Galleria Borghese inaugura oggi - 26 giugno - RespiraRespira, il nuovo

progetto site-specific di Daniele PuppiDaniele Puppi, inserito nel programma "Committenze

Contemporanee" e concepito per gli spazi del museo.

Daniele Puppi (Pordenone, 1970) considera il suo lavoro in diretto rapporto con

lo spazio espositivo, sviluppando immaginari che rimettono in discussione i

nostri meccanismi percettivi. L'impiego di tecnologie come videoproiettori,

sincronizzatori, amplificatori, sub woofers, speakers, microfoni delineano una

nuova dimensione che prima di tutto spazio-sensoriale, dove anche il suono

materia creativa. Lo spettatore parte integrante dell'opera, protagonista attivo

sollecitato a vivere un'esperienza multisensoriale.

Per conoscere e apprezzare il lavoro di Daniele Puppi, proponiamo una

conversazione con Maria Silvia FarciMaria Silvia Farci, curatrice della personale a lui dedicata.

Daniele Puppi: ... avevo 3 anni, stavo sul davanzale della mia casa di Pordenone

a giocare con dei pesci rossi e mi venuta l'idea di vederli volare, li ho presi e

lanciati verso il cielo. L'impressione di quei pochi istanti e ancora fortissima.

Ricordo la gioia dei miei occhi di fronte al luccichio di quella girandola che

volava...

Maria Silvia Farci: Mi stai dicendo che hai sempre cercato la crudelt Mi stai dicendo che hai sempre cercato la crudelt

della poesia?della poesia?

D.P. Forse, ma senza una vera consapevolezza. Istintivamente, sin da bambino,

ho voluto preservare il mio guardare sbieco che attraversava le montagne e mi

faceva sognare di poterle sorvolare. Ho perseguito una non-conoscenza

diffidando di ogni classificazione. Sar per questo che non ho mai capito il senso

del limite. Per temperamento coltivo un sentire vegetale con l'esperienza che si

incide sulle foglie.

M.S.F. Di fronte ai i tuoi lavori non mi pare di avvertire mormorio di Di fronte ai i tuoi lavori non mi pare di avvertire mormorio di

foglie ma piuttosto l'onda quadra di un circuito elettrico.foglie ma piuttosto l'onda quadra di un circuito elettrico.

D.P. Hai mai sentito la frescura dell'ombra di una quercia sotto un sole a picco?

L'albero crea un "campo", un'aurea diversa che il corpo avverte fisicamente. I

miei lavori cercano quell'aurea. Spesso l'orecchio vede e l'occhio sente.

Rimescolando i cinque sensi cerco di dare allo spettatore lo spaesamento di una

percezione "altra". Mi piacerebbe davvero essere una quercia a cui stato

innestato un microchip emozionale.

28 . 6 . 2017

L'ARTE CONTEMPORANEA SULPALATINO

Una mostra che intreccia passato e presente,archeologia e contemporaneo, invitando a rifletteresul valore del patrimonio storico-artistico.

C

http://galleriaborghese.beniculturali.it/ithttp://galleriaborghese.beniculturali.it/it/opere-e-autorihttp://www.danielepuppi.com/about/http://ad.vfnetwork.it/senza-categoria/2017/06/28/larte-contemporanea-sul-palatino/http://ad.vfnetwork.it/senza-categoria/2017/06/28/larte-contemporanea-sul-palatino/http://ad.vfnetwork.it/senza-categoria/2017/06/28/larte-contemporanea-sul-palatino/http://googleads.g.doubleclick.net/pcs/click?xai=AKAOjss44JIfNisxXoK28B-bz2Wcfj81jB5BxF8WXsvBmzrmB-k8qqV-dxBzqL3PWgUoSGESOOL1AqVKA7-44YjMU2PohwjZJT9V0OCKo55zi8h915PGvaipABs8x_vy4FoklVCX_R2LVd4uCS3soRoHl2sVTQc2-g1GKlnKz6zd4yNCKRPJ5qAhzS5yQk7rulDJoaYWLjiDdA19AloU95fTJekJpSAy9egkYrHzyRRb9iRxu-gVJmFH2m37AKbY&sig=Cg0ArKJSzG3TAGzF-uV0&adurl=http://www.arflex.it&nm=1

M.S.F. Nella tua investigazione artistica si capta un'ansia sperimentale Nella tua investigazione artistica si capta un'ansia sperimentale

che si autoalimenta. Cosa cerchi alla Galleria Borghese?che si autoalimenta. Cosa cerchi alla Galleria Borghese?

D.P. ... di fare mio quello spazio. Camminando tra le sale del Museo sentivo un

senso di fisica oppressione. Come se fossi prigioniero di quel luogo saturato da

un pensiero tanto potente da risucchiare ogni tentativo di uscire da un Canone

estetico nitidamente costituito e per me del tutto alieno. E ho cominciato a

meditare in che modo potevo osare...

M.S.F. Osare che cosa? Osare che cosa?

D.P. Un ritmo. A una frequenza che devia e altera quell'inerte indipendenza

sovvertendo la percezione dello spazio. So che volevo trasmutarne la fisicit,

scuoterlo dal di dentro. Attraversarlo e andare oltre Scipione, oltre i capolavori e

bypassare larchitettura-scrigno che li contiene.

M.S.F. Ma in che modo? Ma in che modo?

D.P. Le porte della Galleria si spalancano e il dentro si riversa violentemente

fuori. Linterno compresso in "respiri" si fa "urlo" che scuote gli alberi del Parco

e arriva come una allucinazione acustica che disorienta la gente all'esterno.

M.S.F. Mai in pace. Come se fossi incalzato dalla necessit di trovare Mai in pace. Come se fossi incalzato dalla necessit di trovare

nuove modalit di espressione artistica che afferrino e diano "forma" alnuove modalit di espressione artistica che afferrino e diano "forma" al

radicale cambiamento del sentire contemporaneo.radicale cambiamento del sentire contemporaneo.

D.P. Infatti... non pensi che la semplice potenza di un respiro sia sufficiente a

sgretolare l'estasi pietrificata, fissata dagli artisti eletti da Scipione? Non pensi

che si possa usare l'invisibile tangibilit di un suono come potente getto

disorientante? Il respiro decontrae, porta energia e movimento.

M.S.F. Dunque il "suono" come sovvertimento? Come decontrazione e Dunque il "suono" come sovvertimento? Come decontrazione e

energia, che rianima e muta la percezione. E tu come un sismografoenergia, che rianima e muta la percezione. E tu come un sismografo

registri questo sottosuolo invisibile che afferri attraverso lacustica:registri questo sottosuolo invisibile che afferri attraverso lacustica:

punctum del tuo operare. Quanto dominante lacustica nel tuo lavoro?punctum del tuo operare. Quanto dominante lacustica nel tuo lavoro?

D.P. tutto. Il suono, quasi sempre usato come una sorta di vibrazione, la

componente principale di tutti i miei lavori dal 1996 a oggi. E continua a esserlo.

La Vibrazione... Come un sentire che arriva dal corpo per giungere poi alle

orecchie. Il termine suono sviante: pi che il suono io cerco un ritmo interno

ad ogni cosa. La diversit di frequenze di ci che sta fermo o si muove. Nelle

"Fatiche", il mio corpo si fa strumento ritmico a frequenze differenti, lo stesso

accade a Ponte Marconi, "Interazioni d'urto n 2", dove il ponte si anima come un

diapason percosso da un sisma autoctono. Quando lavoro non sento e non mi

interessa la differenza tra organico e inorganico, spesso mi capita di essere

attratto da speciali vibrazioni che emanano certi oggetti, certe essenze.

necessario riconsiderare la forma dando la precedenza alle emanazioni sottili,

all'intensit radiante dell'energia insomma a tutto quello che sfugge alle gabbie

della logica euclidea e cominciare finalmente a fidarsi di pi della visione

intuitiva e meno del pensiero.

26 . 6 . 2017

PIRANESI IN MOSTRA A PALAZZOBRASCHI

A Roma la grande mostra dedicata al geniovisionario: oltre 200 incisioni, oggetti darterealizzati sui suoi disegni, e una sala dedicata alleCarceri dinvenzione in 3D.

24 . 6 . 2017

RESPIRA, DANIELE PUPPI PER LAGALLERIA BORGHESE

A Roma la Galleria Borghese celebra i ventannidalla riapertura al pubblico con il nuovo progettosite specific di Daniele Puppi. Ne parlano lartista ela curatrice Maria Silvia Farci.

http://ad.vfnetwork.it/artcorner/2017/06/26/piranesi-mostra-palazzo-braschi/http://ad.vfnetwork.it/artcorner/2017/06/26/piranesi-mostra-palazzo-braschi/http://ad.vfnetwork.it/artcorner/2017/06/26/piranesi-mostra-palazzo-braschi/http://ad.vfnetwork.it/artcorner/2017/06/24/il-ventennale-della-galleria-borghese/http://ad.vfnetwork.it/artcorner