TI CHIAMO SUL FISSO - Edizioni TI CHIAMO SUL FISSO. RAINBOW ROWELL TI CHIAMO SUL FISSO Traduzione di

download TI CHIAMO SUL FISSO - Edizioni TI CHIAMO SUL FISSO. RAINBOW ROWELL TI CHIAMO SUL FISSO Traduzione di

of 30

  • date post

    17-Apr-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of TI CHIAMO SUL FISSO - Edizioni TI CHIAMO SUL FISSO. RAINBOW ROWELL TI CHIAMO SUL FISSO Traduzione di

  • TI CHIAMO SUL FISSO

  • RAINBOW ROWELL

    TI CHIAMO SUL FISSO

    Traduzione di Federica Merani

  • Titolo originale: Landline Copyright © 2014 by Rainbow Rowell All rights reserved.

    Questo romanzo è un’opera di fantasia. Personaggi e situazioni sono invenzioni dell’au- trice e hanno lo scopo di conferire veridicità alla narrazione e sono quindi utilizzati in modo fittizio. Qualsiasi analogia con fatti, eventi, luoghi e persone, vive o scomparse, è puramente casuale.

    Realizzazione editoriale: Conedit Libri Srl - Cormano (MI)

    ISBN 978-88-566-6178-1

    I Edizione 2017

    © 2017 - EDIZIONI PIEMME Spa, Milano www.edizpiemme.it

    Anno 2017-2018-2019 - Edizione 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

  • Questo libro è dedicato a Kai. (Come tutto ciò che conta.)

  • 7

    1

    Martedì 17 dicembre 2013

    Georgie imboccò il vialetto d’ingresso sterzando brusca- mente per evitare una bici.

    Neal non obbligava mai Alice a rimetterla a posto. Nel Nebraska, a quanto pareva, nessuno rubava bici-

    clette né provava mai a scassinarti la porta di casa. La sera, il più delle volte, Neal non la chiudeva nemmeno a chiave finché Georgie non rientrava, anche se lei gli aveva detto che era come piazzare in giardino un cartello con su scrit- to prego, rapinateci pure. «Non mi pare la stessa cosa» le aveva risposto lui.

    Georgie issò la bici sulla veranda e aprì la porta (che non era chiusa a chiave).

    In soggiorno le luci erano spente, ma la tivù era ancora accesa. Alice si era addormentata sul divano davanti ai cartoni della Pantera Rosa. Georgie fece per spegnere il televisore e inciampò in una scodella di latte poggiata per terra. Prese la prima cosa che trovò in cima alla pila di biancheria ripiegata che era sul tavolinetto e ripulì il tutto.

    Quando Neal comparve sotto l’arco che divideva il sog- giorno dalla sala da pranzo, era accovacciata per terra, intenta ad asciugare il latte con un paio delle sue mutan- dine.

  • 8

    «Scusa» esordì lui. «Alice ha voluto preparare il latte per Noomi.»

    «Non importa, ero distratta.» Georgie si alzò, appallot- tolando con la mano le mutande bagnate. «Si sente be- ne?» gli domandò, riferendosi a Alice.

    Neal le tolse di mano gli slip e raccolse la scodella. «Sta bene. Le ho detto che poteva aspettarti alzata. È stata tut- ta una negoziazione perché mangiasse il cavolo e la smet- tesse di dire “letteralmente” ogni due parole, perché mi sta facendo letteralmente impazzire.» Poi, diretto in cuci- na, si voltò e le chiese: «Hai fame?».

    «Sì» rispose lei, e lo seguì. Quella sera Neal era di buonumore. Di solito quando

    Georgie rientrava così tardi... Be’, di solito quando rien- trava così tardi, non lo era per niente.

    Georgie si sedette al bancone e trovò un po’ di spazio per i gomiti tra le bollette, i libri della biblioteca e le sche- de con i compiti di seconda elementare.

    Neal andò ai fornelli e ne accese uno. Indossava i pan- taloni del pigiama e una maglietta bianca, e dava l’im- pressione di essersi appena tagliato i capelli, probabil- mente in vista del loro viaggio. Se in quel momento Geor- gie gli avesse accarezzato la nuca, avrebbe avuto la sensa- zione di toccare del velluto in una direzione e degli aghi nell’altra.

    «Non sapevo bene cosa volevi mettere in valigia» le disse. «Ma ho lavato tutto quello che c’era nel tuo cesto della biancheria. Non dimenticarti che fa freddo lassù, te ne scordi ogni volta.»

    Georgie finiva sempre per rubargli i maglioni. Quella sera Neal era così di buonumore... Le preparò la cena con il sorriso sulle labbra. Verdure

    saltate in padella. Salmone. Cavolo. Altre verdure. Con la

  • 9

    mano sbriciolò un pugnetto di anacardi e li distribuì sul cibo, dopodiché le mise il piatto davanti.

    Quando sorrideva, sulle gote gli comparivano due fos- sette ricurve, due parentesi irsute. Georgie provò il desi- derio di agguantarlo e strofinargli il naso sulle guance. (Era la sua tipica reazione quando lo vedeva sorridere.) (Anche se lui probabilmente non lo sapeva.)

    «Credo di averti lavato tutti i jeans...» continuò Neal, versandole un bicchiere di vino.

    Georgie trasse un respiro profondo. Doveva togliersi quel peso di dosso. «Oggi ho ricevuto una bella notizia.»

    Neal appoggiò la schiena al bancone e alzò un soprac- ciglio. «Ah, sì?»

    «Già. Ecco... Maher Jafari è interessato alla nostra sit- com.»

    «Chi diamine è Maher Jafari?» «È il produttore con cui siamo in trattative. Il tizio che

    ha lanciato The Lobby e quel nuovo reality show sui colti- vatori di tabacco.»

    «Giusto.» Neal annuì. «Il produttore. Pensavo che vi stesse snobbando.»

    «Credevamo che ci stesse snobbando» proseguì Geor- gie. «Invece pare sia soltanto il suo modo di fare.»

    «Ah. Wow. Proprio una bella notizia. Ma allora...» Neal la guardò perplesso. «...Perché non sembri contenta?»

    «Sono al settimo cielo» rispose lei. Con la vocetta stri- dula. Oddio. Forse stava persino sudando. «Vuole un epi- sodio pilota, dei copioni. Abbiamo una riunione impor- tante per parlare del casting...»

    «Fantastico» commentò Neal sulle spine, sicuro che stesse menando il can per l’aia.

    Georgie chiuse gli occhi. «...Sarà il ventisette.» E, nel silenzio che subito calò nella stanza, li riaprì. Ah,

  • 10

    ecco il Neal che conosceva e amava. (Entrambe le cose profondamente.) Le braccia conserte, gli occhi socchiusi, i muscoli contratti agli angoli delle mascelle.

    «Il ventisette saremo a Omaha» le ricordò. «Lo so» replicò lei. «Neal, lo so.» «E quindi? Stai pensando di tornare a Los Angeles in

    anticipo?» «No, io... dobbiamo avere i copioni pronti prima di

    quella data. Seth pensava...» «Seth.» «Di pronto abbiamo solo l’episodio pilota» proseguì

    Georgie. «Ci restano nove giorni per scrivere quattro pun- tate e prepararci per la riunione... è una vera fortuna che questa settimana Jeffato in pieno! ci dia un po’ di tregua.»

    «Vi dà un po’ di tregua perché è Natale, Georgie.» «Lo so che è Natale, Neal... non ho intenzione di per-

    dermi il Natale.» «Ah, no?» «No. Mi perderò soltanto... Omaha. Pensavo che po-

    tremmo perdercela tutti.» «Abbiamo già i biglietti aerei.» «Neal. È un episodio pilota. Un colpo grosso. Con l’e-

    mittente dei nostri sogni.» Georgie ebbe l’impressione di leggere le battute di un

    copione. Quel pomeriggio aveva già avuto una conversa- zione più o meno identica con Seth...

    «Ma è Natale» aveva protestato. Erano in ufficio e lui le sedeva accanto alla grossa scrivania a L che condivide- vano. L’aveva messa all’angolo.

    «Dai, Georgie, festeggeremo il Natale lo stesso... e proba- bilmente sarà il migliore Natale della nostra vita.»

    «Vallo a dire alle mie figlie.» «Lo farò. Le tue figlie mi adorano.»

  • 11

    «Seth, è Natale. Questa riunione non può aspettare?» «È dall’inizio della nostra carriera che aspettiamo. Or-

    mai ci siamo, Georgie. Ci siamo, finalmente.» Seth non faceva che ripetere il suo nome. Neal era furente. «Mia madre ci aspetta» insistette. «Lo so» sussurrò Georgie. «E le bambine... Alice ha spedito a Babbo Natale un

    biglietto con il cambio di indirizzo, per informarlo che sarebbe stata a Omaha.»

    Georgie tentò di sorridere, ma con scarsi risultati. «La troverà lo stesso, ne sono convinta.»

    «Non è...» Neal aprì un cassetto per riporvi il cavatappi e lo richiuse con violenza. «Non è questo il punto» sog- giunse a voce più bassa.

    «Lo so.» Georgie si sporse sul piatto. «Ma possiamo andare a trovare tua madre il mese prossimo.»

    «E far saltare la scuola a Alice?» «Se proprio dobbiamo...» Neal aveva le mani appoggiate sul bancone e i muscoli

    degli avambracci contratti. Come se, retroattivamente, si stesse preparando a ricevere una brutta notizia, a testa bassa e con i capelli che gli pendevano dalla fronte.

    «Potrebbe essere la nostra occasione» insistette Geor- gie. «Un programma tutto nostro.»

    Lui annuì senza alzare la testa. «Giusto» sussurrò in tono inespressivo.

    Georgie restò in attesa. A volte quando litigava con Neal si perdeva qualche

    passaggio. E, senza che nemmeno se ne accorgesse, la di- scussione si trasformava in qualcos’altro, qualcosa di più pericoloso. Neal troncava il discorso o si estraniava men- tre lei stava ancora chiarendo la propria posizione, e Geor-

  • 12

    gie continuava a polemizzare anche se per lui la questione era già chiusa da un pezzo.

    Stavolta non era nemmeno convinta che si trattasse di un vero e proprio litigio. Per il momento.

    Così restò in attesa a fissare Neal ancora a capo chino. «Che significa “giusto”?» si decise a chiedergli. Con una spinta lui si scostò dal bancone, tutto braccia

    nude e spallone squadrate. «Significa che hai ragione. Ov- viamente.» E si mise a rassettare la cucina. «Devi andare a questa riunione. È importante.»

    Lo disse in tono quasi disteso. Forse le cose si sarebbe- ro sistemate, dopotutto. Forse Neal sarebbe stato addirit- tura emozionato per lei. A un certo punto.

    «Okay» azzardò Georgie, tastando il terreno. «Faremo in modo di andare a trovare tua madre il mese prossimo?»

    Neal aprì la lavastoviglie e cominciò a tirar fu