Origine Preferenziale delle merci - Confcommercio · PDF fileORIGINE DELLE MERCI Gli accordi...

Click here to load reader

  • date post

    04-Mar-2018
  • Category

    Documents

  • view

    219
  • download

    3

Embed Size (px)

Transcript of Origine Preferenziale delle merci - Confcommercio · PDF fileORIGINE DELLE MERCI Gli accordi...

  • Origine Preferenziale delle merci (apertura lavori)

    20 e 27 Maggio 2015 ore 8,45

    Sala Turismo

  • ORIGINE DELLE MERCI CONCETTO DI BASE

    Per origine preferenziale si intende uno status della merce grazie al quale viene assegnato il diritto ad un trattamento tariffario preferenziale; tale trattamento si sostanzia in un dazio ridotto ovvero in unesenzione del dazio in virt di specifici accordi di libero scambio sottoscritti fra il paese di esportazione e il paese di destinazione della merce.

    1

  • ORIGINE DELLE MERCI CONCETTO DI BASE

    LUnione Europea ha infatti stipulato accordi di commercio preferenziale di:

    natura bilaterale mediante la creazione di unarea di libero scambio. Questi accordi stipulati dallUnione Europea prevedono esenzioni o riduzioni daziarie per i prodotti originari di uno dei due paesi contraenti.

    2

  • ORIGINE DELLE MERCI

    natura unilaterale. Tali accordi, stipulati dallUnione Europea, prevedono la concessione di riduzioni o esenzioni daziarie ai prodotti originari di alcuni paesi terzi nel momento in cui detti prodotti vengono importati in territorio comunitario. Questi accordi nascono dalla volont di favorire la competitivit dei prodotti originari di paesi meno sviluppati.

    Gli accordi di natura unilaterale si distinguono in due gruppi:

    Accordi con i paesi ACP (Africa, Caraibi, Pacifico)

    Accordi SPG (sistema delle preferenze generalizzate)

    3

  • ORIGINE DELLE MERCI

    E i cosiddetti accordi di Unione Doganale. A differenza delle due tipologie precedenti laccordo di Unione Doganale non si basa sulla nozione di origine della merce ma si basa sul fatto che le merci siano in libera circolazione; in buona sostanza sufficiente che un prodotto sia in libera circolazione perch possa beneficiare dellesenzione daziaria senza che lo stesso sia necessariamente originario dellaltro paese aderente allaccordo.

    attualmente lUnione Eurpea ha stipulato accordi di Unione Doganale con tre paesi: Turchia, San Marino, Andorra.

    4

  • ORIGINE DELLE MERCI Gli accordi preferenziali con il resto del mondo

    Accordi Bilaterali: ALBANIA AL ALGERIA DZ BOSNIA ERZEGOVINA BA CEUTA E MELILLA EA CILE CL CISGIORDANIA E STRISCIA DI GAZA PS COLOMBIA CO COREA DEL SUD KR CROAZIA HR EGITTO EG REPUB DI MACEDONIA MK GIORDANIA JO ISLANDA IS ISOLE FAEROER FO KOSOVO XK ISRAELE IL LIBANO LB MAROCCO MA MESSICO MX MONTENEGRO ME NORVEGIA NO PERU PE SERBIA RS SIRIA SY SUD AFRICA ZA SVIZZERA CH TUNISIA TN TURCHIA (1) TR (1) Il modello EUR 1 pu essere emesso per attestare esclusivamente lorigine preferenziale per le merci oggetto del trattato CECA [carbone e acciaio] e per i prodotti agricoli.)

    5

  • ORIGINE DELLE MERCI Gli accordi preferenziali con il resto del mondo

    PTOM (Paesi e territori doltremare)

    Anguilla AI Antille olandesi AN

    Aruba AW Bonaire BQ

    Curaao CW Groenlandia GL

    Georgia del Sud e Isole Sandwich del Sud GS Isole Cayman KY

    Isole Falkland FK Isole Vergini britanniche VG

    Isole Wallis e Futuna WF Mayotte YT

    Montserrat MS Nuova Caledonia e dipendenze NC

    Pitcairn PN Polinesia francese PF

    Saba BQ Saint-Pierre e Miquelon PM

    Sant'Elena, Isola Ascensione e Tristan Sint Eustatius BQ

    da Cunha SH Sint Maarten MF

    Terre australi e antartiche francesi FQ Territori dell'Antartico britannico BQ

    Territorio britannico dell'Oceano Indiano IO Turks e Caicos TC

    6

  • PAESE CODICE ISO Antigua e Barbuda AF

    Commonwealth delle Bahamas BS

    Barbados BB

    Belize BZ

    Repubblica del Botswana BW

    Repubblica di Burundi BI

    Repubblica del Camerun CM

    ORIGINE DELLE MERCI Gli accordi preferenziali con il resto del mondo

    Accordi Unilaterali

    Il sistema ACP prevede una riduzione daziaria unilaterale per i prodotti originari di questi

    paesi.

    7

  • UNIONE DELLE COMORE KM

    REPUBBLICA DELLA COSTA DAVORIO CI

    COMMONWEALTH DI DOMINICA DM

    REPUBBLICA DOMINICANA DO

    REPUBBLICA DELLE ISOLE FIGI FJ

    REPUBBLICA DEL GHANA GH

    GIAMAICA JM

    GRENADA GD

    REPUBBLICA COOPERATIVISTICA DELLA GUYANA GY

    REPUBBLICA DI HAITI HT

    REPUBBLICA DEL KENYA KE

    REGNO DI LESOTHO LS

    ORIGINE DELLE MERCI Gli accordi preferenziali con il resto del mondo

    8

  • ORIGINE DELLE MERCI Gli accordi preferenziali con il resto del mondo

    REPUBBLICA DEL MADAGASCAR MG REPUBBLICA DI MAURITIUS MU REPUBBLICA DEL MOZAMBICO MZ REPUBBLICA DI NAMIBIA NA STATO INDIPENDENTE DI PAPUA NUOVA GUINEA PG REPUBBLICA DEL RUANDA RW FEDERAZIONE DI SAINT KITTS E NEVIS KN SAINT LUCIA LC SAINT VINCENT E GRENADINE VC REPUBBLICA DELLE SEICELLE SC REPUBBLICA DI SURINAME SR REGNO DELLO SWAZILAND SZ REPUBBLICA UNITA DI TANZANIA TZ REPUBBLICA DI TRINIDAD E TOBAGO TT REPUBBLICA DELLUGANDA UG REPUBBLICA DELLO ZIMBABWE ZW

    9

  • Accordo UE-Corea del Sud Si segnala che, come previsto dallAccordo UE-Corea del Sud, lorigine preferenziale delle merci deve essere

    attestata in fattura, non essendo previsto in tale Accordo il rilascio dei certificati EUR 1. Per spedizioni con

    valore superiore a Euro 6.000,00 lorigine preferenziale pu essere attestata solamente da parte dei

    soggetti che abbiano ottenuto lo status di Esportatore Autorizzato dallAgenzia delle Dogane ai sensi

    dellart.90 del DAC (Regolamento CEE 2454/93).

    Accordo tra Unione europea e Turchia

    Il certificato ATR, utilizzato esclusivamente nellambito dellaccordo tra

    Unione europea e Turchia, attesta solo la posizione di libera pratica in cui

    si trovano i prodotti.

    ORIGINE DELLE MERCI Gli accordi preferenziali con il resto del mondo

    10

  • ORIGINE DELLE MERCI

    Cambio di classificazione doganale del SA: La nomenclatura del prodotto finito, devessere diversa da quella delle merci terze utilizzate.

    Il C.D. salto di codice, pu riferirsi al cambio della voce doganale (costituita dalle prime 4 cifre)

    o al cambio di sottovoce. (Prime 6 cifre del codice)

    ORIGINE PREFERENZIALE DELLE MERCI

    http://ec.europa.eu/taxation_customs/customs/customs_duties/rules_origin/preferential/index_en.htm

    Come funzionano le regole di origine

    Le merci di origine terza, possono ottenere lo stato di prodotto originario ed essere scambiate

    con trattamento daziario agevolato tra i partner di un accordo di libero scambio purch

    subiscano una lavorazione sufficiente come descritta nellallegato II dei vari accordi. Le regole

    di trasformazione possono essere di tre tipi

    11

    http://ec.europa.eu/taxation_customs/customs/customs_duties/rules_rigin/preferential/index_en.htm

  • ORIGINE DELLE MERCI

    Valore aggiunto:

    Il valore in dogana delle merci terze utilizzate, non deve superare una

    percentuale del prezzo franco fabbrica del prodotto finito

    Trasformazioni specifiche:

    Per taluni prodotti, sono previste regole nelle quali vengono indicate in

    dettaglio le trasformazioni industriali che conferiscono lorigine preferenziale

    ai prodotti. Pertanto, lesecuzione di lavorazioni o trasformazioni pi

    complesse conferisce lorigine preferenziale, mentre lesecuzione di

    lavorazioni o trasformazioni inferiori non pu conferire tale origine.

    12

  • ORIGINE DELLE MERCI

    Le prove di origine:

    Ogni accordo prevede le certificazioni che devono essere presentate in dogana

    per ottenere il trattamento preferenziale:

    - Certificati FORM A, EUR 1, EUR-MED

    - Dichiarazioni di origine in fattura sostitutive dei certificati

    13

  • ORIGINE DELLE MERCI

    Dichiarazioni di origine su fattura dellesportatore:

    Per agevolare il rilascio della prova di origine, gli accordi prevedono in

    alternativa allemissione del modello di certificato preferenziale la

    possibilit di apporre sul documento commerciale una dichiarazione

    di origine con firma manoscritta originale dellesportatore.

    Ci consentito quando:

    - il valore totale della spedizione non supera i 6000 euro

    -

    indipendentemente dal valore della spedizione, lesportatore ha ottenuto lo status di esportatore autorizzato dalle proprie autorit doganali

    14

  • ORIGINE DELLE MERCI

    Testo della dichiarazione: Lesportatore delle merci contemplate nel presente documento (autorizzazione doganale n

    ...) dichiara che, salvo indicazione contraria, le merci sono di origine

    preferenziale...

    (luogo e data). (Firma dellesportatore; il cognome della persona che firma la dichiarazione deve essere scritto in modo leggibile).

    Testo della dichiarazione EUR-MED: Lesportatore delle merci contemplate nel presente documento (autorizzazione doganale n

    ...) dichiara che, salvo indicazione contraria, le merci sono di origine

    preferenziale...

    cumulation applied with.... (nome del paese/dei paesi)

    no cumulation applied

    (luogo e data)... (Firma dellesportatore; il cognome della persona che firma la dichiarazione devessere scritto in modo leggibile)....

    15

  • ORIGINE DELLE MERCI

    Dichiarazione del fornitore: Lesportatore che necessita di una certificazione di origine ma non il

    produttore della merce o acquista prodotti utilizzati nel processo produttivo da altre aziende nazionali o comunitarie si fa rilasciare dal fo