MMG e obesità

Click here to load reader

download MMG e obesità

of 31

  • date post

    25-Jan-2016
  • Category

    Documents

  • view

    57
  • download

    0

Embed Size (px)

description

IL RUOLO DELMEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA PREVENZIONE DELL’ OBESITA’ PATOLOGICA. MMG e obesità. Enza Bruscolini mmg. L’obesità è una delle patologie più diffuse, al punto da essere considerata quasi un’epidemia tra i paesi industrializzati e in quelli in fase di evoluzione tecnologica . - PowerPoint PPT Presentation

Transcript of MMG e obesità

  • MMG e obesitIL RUOLO DELMEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA PREVENZIONE DELL OBESITA PATOLOGICAEnza Bruscolini mmg

  • Lobesit una delle patologie pi diffuse, al punto da essere considerata quasi unepidemia tra i paesi industrializzati e in quelli in fase di evoluzione tecnologica.

    I tassi di incidenza sono infatti in rapida crescita e raggiungono anche il 70% della popolazione adulta. riconosciuta come una malattia ad andamento cronico ed uno dei maggiori fattori determinanti in molte malattie non trasmissibili come il Diabete mellito non insulino-dipendente e Malattie coronariche.Incrementa il rischio di Disturbi biliari, di alcuni tipi di Cancro, di Disordini muscolo scheletrici e Respiratori. ECCO PERCHE SOPRA UN CERTO LIVELLO DI PESO, LECCESSO PONDERALE DEVE ESSERE CONSIDERATO UNA MALATTIA CRONICA

  • Obesit, in Italia boom di malatiIl 42% della popolazione ha dei chili di troppo. I dati del 2008 descrivono infatti un paese dove 3 adulti su 10 (32%) sono sovrappeso, mentre 1 su 10 obeso; in totale il 42% della popolazione nella fascia d'et 18-69 in eccesso ponderale. Secondo recenti stime, l'obesit colpisce con prevalenza soggetti di sesso maschile,di fascia sociale media e con difficolt economiche; inoltre, cresce con l'invecchiamento: tra gli over 50, il 50% dei soggetti pesa troppo.

  • Gestione del paziente in sovrappeso e obeso in Medicina generaleOsservazione del paziente

    Raccolta dei dati antropometrici (peso, altezza , circonferenza vita per BMI

  • Categoria peso BMISottopeso

  • Circonferenza vita

  • Raccolta anamnesiAnamnesi generaleAnamnesi alimentareAnamnesi dellattivit motoria

  • Esame obiettivo generaleA tutti i paz. con BMI >= 25 va eseguito un accurato esame obiettivo generale che deve tenere conto che lobesit spesso pu essere secondaria ad altre patologie e ne determina o complica altre:Malattie disendocrineDiabeteDisturbi del comportamento alimentare (BES, NES)

  • Leziopatogenesi multifattoriale e la causa principale nelluomo identificabile solo occasionalmente.

    Il vecchio adagio lobesit un male di famiglia riflette comunque molto bene il responso di molti lavori, i quali identificano proprio nella familiarit una delle concause principali: fino al 40% se uno dei due genitori obeso, e fino al 70% se lo sono entrambi

  • A disposizione del MMGDietaAttivit motoriaTerapia comportamentaleInvio a strutture accreditate di riabilitazione nutrizionaleChirurgia bariatrica

  • Come impostare una dieta Una dieta ipocalorica deve determinare un bilancio calorico negativo del 30 % circa rispetto al fabbisogno calorico stimato deve essere bilanciata fra i vari nutrientideve avere un apporto adeguato di vitamine minerali e oligoelementideve essere appetitosa NB. importante che sia frazionata per non superare le 4-5 ore tra un pasto e laltro e quindi evitare liperincrezione insulinica e conseguente aumento dellintake degli acidi grassi nel tessuto adiposo

  • Suddivisione giornalieradella razione caloricaColazione20%spuntino10%pranzo30%merenda10%cena30%

  • Bilanciamento della dietaProteine10-15%grassi25-30%glucidi55-60%

  • Obiettivi del mmg nel prescrivere lesercizio fisicoModificare stile di vitaMotivare il paziente a svolgere attivit motoria quotidianamenteConsumare almeno 300Kcal al d con esercizio fisico strutturatoProgrammare lesercizio fisico iniziando in modo graduale e modificando il tipo e lintensit in base alle capacit individuali ed ai risultati nel tempoDare informazioni sulle strutture praticabili ( palestre, piscine, parchi)

  • Gli stadi del cambiamento

  • Contemplazione

    Determinazione

    Azione

    Mantenimento

    Ricaduta

    Precontemplazione

    Uscitadefinitiva

    Accrescere la Disponibilit al cambiamento

  • TERAPIA COMPORTAMENTALEstrategieAutomonitoraggioGestione dello stressControllo degli stimoliProblem solvingManagement delle contingenzeRistrutturazione cognitivaSupporto sociale

  • automonitoraggioAutomonitoraggio delle proprie abitudini alimentari ed automonitoraggio della propria attivit motoria( consigliare di tenere un diario)

  • Gestione dello stressCounsellingTecniche di meditazione e rilassamento

  • Controllo degli stimoliInsegnare a fare la spesaConsigliare di tenere in casa solo il cibo necessarioConsigliare di limitare il tempo in cui mangiareConsigliare di evitare frequenti inviti e festeConsigliare di usare post-it da attaccare sul frigorifero e in dispensa

  • Problem solving un processo mentale volto a trovare un percorso che porta il cambiamento da una situazione iniziale ad una disposizione finale . Si riferisce allautocorrezione delle aree problematiche legate alla nutrizione e allattivit fisica,cio generare comportamenti alternativi

  • Management delle contingenzeIl comportamento pu essere modificato usando delle ricompense per specifiche azioni. Le ricompense possono essere tangibili o verbali, generate dal soggetto stesso o da un team terapeutico

  • Ristrutturazione cognitivaIncoraggiare risposte razionali finalizzate a rimpiazzare pensieri negativi di non riuscita

  • Supporto socialeAiutare a creare una rete nei familiari, amici o colleghi per esercitare un rinforzo positivo.

  • E se non basta?

  • Paz. con BMI>=25 con almeno una alterazione cronica di salute correlata alleccesso di pesoo con BMI >=35 con o senza alterazione cronica correlata alleccesso di peso

    INVIO A CENTRO SPECIALISTICO

  • Paz. con BMI>=40 con o senza alterazione cronica di salute correlata alleccesso di peso oBMI>=35 con almeno una alterazione cronica di salute correlata alleccesso di peso che presumibilmente pu migliorare o guarire a seguito della perdita di peso ottenibile con linterventoINVIO A CONSULENZA CHIRURGICAI pazienti eleggibili per la chirurgia bariatrica devono avere un et compresa fra 18 e 62 aa.

  • Grazie per lavostraattenzione