Ingegneria dei Requisiti (Requirements Engineering) Paolo Giorgini

Click here to load reader

download Ingegneria dei Requisiti (Requirements Engineering) Paolo Giorgini

of 34

  • date post

    01-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    214
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Ingegneria dei Requisiti (Requirements Engineering) Paolo Giorgini

  • Slide 1
  • Ingegneria dei Requisiti (Requirements Engineering) Paolo Giorgini http://www.dit.unitn.it/pgiorgio
  • Slide 2
  • Progetti Software Tuttavia del 26% non tutti sono esenti da problemi: Denver Airport: pi di 50 milioni di US$ per errori del sistema di controllo dei bagagli London Ambulance Service: il sistema stato disattivato dopo un giorno di funzionamento 26% di progetti software terminano con successo Standish Group, CHAOS Report, 2000 cio il 74% falliscono Standish Group, CHAOS Report, 2000
  • Slide 3
  • Tom De Marco Il 56% degli errori di un software possono essere riferiti ai requisiti Durante lo sviluppo di un software, pi tardi un errore viene rilevato pi costoso sar risolverlo Molti errori sono fatti durante la raccolta e lanalisi dei requisiti Molti errori relativi ai requisiti possono (e devono) essere rilevati il prima possibile Errori tipici: uso di fatti non corretti, omissioni, inconsistenze e ambiguit Errori nella specifica dei requisiti sono uno dei problemi principali per lindustria software
  • Slide 4
  • Costi
  • Slide 5
  • in Europa Un questionario inviato a 3.805 societ ha rilevato: Per gli analisti I problemi principali sono: Specifica dei requisiti (53%) Gestione dei requisiti (43%) Ducomentazione (36%) Test (35%)
  • Slide 6
  • Definizione Lingegneria dei requisiti una sotto area dellingegneria del software che studia il processo di definizione dei requisiti del sistema da realizzare. E una nuova area che ha avuto origine nel 1993 con the 1 st International Symposium on RE Ora siamo alla 12 edizione. Il processo di definizione dei requisiti uninterfaccia tra i desideri (o bisogni) dei clienti e la realizzazione dei questi requisiti come sistema software
  • Slide 7
  • unaltra definizione Lingegneria dei requisiti : Lo sviluppo e luso di tecnologie per raccogliere, specificare e analizzare i requisiti degli utenti/clienti (stakeholders) che saranno poi realizzati da un sistema software
  • Slide 8
  • Fred Brooks The most difficult part of building a software system is to decide, precisely, what must be built. No other part of the work can undermine so badly the resulting software if not done correctly. No other part is so difficult to fix later.
  • Slide 9
  • Requriements Engineering come disciplina: 1993 RE (93, 95, 97, 99. 01) ICRE (94, 96, 98, 00) WER (98, 99, 00, 01) Requirements Engineering Journal Passato: System Analysis Oggi: A network of processes Pressione da parte del mercato per software di qualit Libri (Sommerville, Jackson, Loucopoulos, ) Tools (Doors, Requisite-Pro, Caliber-RM) Breve storia
  • Slide 10
  • Requisiti di sistema Definiscono che cosa un sistema deve fare e sotto quali vincoli deve operare, ad esempio: Il sistema dovr archiviare i dati di di una biblioteca, in particolare dati relativi ai libri, ai giornali, le riviste, video, nastri audio e CD-ROM. Il sistema dovr permettere agli utenti di fare delle ricerche per titolo, autore, o ISBN. Linterfaccia al sistema dovr essere realizzata utilizzando un World-Wide-Web browser. Il sistema dovr gestire almeno 20 transazioni per secondo Il sistema dovr essere accessibile attraverso luso di password
  • Slide 11
  • Tipi di requisiti Requisiti Funzionali: definiscono parte delle funzionalita del sistema Requisiti di implementazione: come il sistema dovr essere implementato Requisiti di prestazione: specificano le prestazioni minime accettabili per il sistema Requisiti di usabilit: specificano il tempo massimo per mostrare luso del sistema Requisiti non funzionali Esprimono vincoli sotto i quali il software dovr operare Possono essere visti come qualit specifiche che il software dovr avere (come il software Requisiti -1 Condizioni che non devono mai accadere Solitamente associati a requisiti non funzionali
  • Slide 12
  • Probelmi legati ai requisiti I requisiti non riflettono i reali bisogni dei clienti I requisit i sono inconsistenti e/o incompleti E costoso cambiare i requisiti dopo che sono stati definiti e concordati Possono esserci delle incomprensioni tra i clienti e chi a raccolto e anlizzato i requsiti, tra chi ha raccolto i requisiti e il prgettista, e tra il progettista e chi realizzer il sistema.
  • Slide 13
  • Un esempio di incompletezza Il sistema dovr permettere agli utenti di fare delle ricerche per titolo, autore, o ISBN. Che cosa significa per i CD-ROM? Possono non avere un ISBN Vale solo per i libri Immaginate se realizzate il sistema con questo requisito senza considerare i CD-ROM. Naturalmente non possiamo scrivere requisiti universali, ma possiamo tentare di essere il pi possibile completi.
  • Slide 14
  • Determinazione dei requisiti Fornire una definizione informale dei requisiti, funzionali e non Generalmente in questa fase si parla anche di servizi attesi dal sistema e vincoli a cui deve sottostare Lattivit di raccolta dei requisiti svolta da un analista di business (o di sistema) utilizzando tecniche diverse, che possono spaziare dalle tradizionali interviste ai clienti andando (se necessario) fino alla costruzione di prototipi. Analisi delle duplicazioni e contraddizioni Revisioni e rinegozazione dei requisiti Documento dei requisiti
  • Slide 15
  • Raccolta dei requisiti Discussione con clienti e esperti del dominio Esperti del dominio conoscenza del dominio Clienti requisiti (casi duso) Casi duso e conoscenza del domino devono essere integrati
  • Slide 16
  • Metodi di raccolta requisiti Tradizionali Interviste Questionari Osservazioni Studio dei docuemnti e dei sistemi software Metodi moderni Prototipi Sviluppo cooperativo delle applicazioni Sviluppo rapido delle applicazioni Analizzziamoli
  • Slide 17
  • Interviste Condotte principalemnte con i clienti (anche gli esperti possono essere intervistati) Problemi Generalmente i clienti hanno solo una vaga idea dei requisiti del sistema e non sono in grado di esprimerli Possono anche richiedere funzionalit che vanno fuori i costi e gli obiettivi del progetto Possibili conflitti Due tipi di intervista: Strutturata (formali) Non strutturate (informali)
  • Slide 18
  • Interviste Strutturate Preparate in anticipo Unagenda Domande predeterminate (aperte o chiuse) Sono generalemnte accompagnate da interviste informali (non strutturate) Non strutturate Incontri informali Senza domande anticipate o obiettivi prederminati Incoraggiare il cliente a parlare di ci che ha in mente, su cui lanalista potrebbe non aver riflettuto Per entrambe si parte da un contesto di discussione (ad esempio un breve documento inviato in anticipo)
  • Slide 19
  • Doamnde da evitare Domande sulle quali lintervistatore esprime (direttaemnte o indirettamente) la propria opinione sul problema dobbiamo fare le cose nel modo in cui le facciamo? Domande prevenute, simili alle precedenti, eccetto che lopinione dellintervistatore chiaraemnte espressa non intendi fare questo, vero? Domande contenenti gi la risposta devi fare le cose in questo modo, non vero? Importante ascoltare
  • Slide 20
  • Questionari In aggiunta alle interviste Sostituiscono le interviste quando il progetto a basso rischio con obiettivi ben definiti Non possibile chiarimenti sui quesiti e le risposte Vantaggi: tempo per valutare la risposta, anonomi Svantaggi: non c la possibilit di discutere e approfondire i quesiti I quesiti dovrebbero essere chiusi (evitare i quesiti aperti) Tre tipi: A scelta multipla A punteggio Con ordinamento
  • Slide 21
  • Osservazioni Ricerca di fatti attraverso losservazione: Osservazione passiva: lanalista osserva le attivit senza interruzioni o coinvolgimento diretto del cliente che lavora (anche con videocamera). Osservazione attiva: lanalista partecipa direttamente alle attivit ed entra a far parte del gruppo di lavoro. Svolte per periodi lunghi e con differenti carichi di lavoro Difficolt: le persone tendono a comportarsi diversaemnte quando osservate
  • Slide 22
  • Studio dei documenti e dei sistemi software Importante per approfondire la conoscenza di dominio Documenti organizzativi: modulustica aziendale (compilata, se possibile), descrizione delle procedure lavorative e delle politiche di intervento, piani di business, organigrammi, corrispondenza fra uffici, minute di incontri, registrazioni contabili, corrispondenza esterna, lamentele clienti, ecc. Moduli e rapporti di sistema: schermate e rapporti computerizzati (con la relativa documentazione), manuali operativi di sistema, docuemntazione utente, documentazione tecnica, modelli di analisi di progetto, ecc. Libri, riviste, pacchetti proprietari (sistemi ERP) - internet
  • Slide 23
  • Negoziazione e validazione In parallelo alla raccolta dei requisiti Validazione e negoziazione fatta sul docuemnto dei requisiti (acquisiti) Revisione del documento Requisiti fuori dal contesto Matrice di dipendenza dei requisiti Priorit e rischi associati ai requisiti
  • Slide 24
  • Matrice di dipendenza RequisitoR1R2R3R4 R1 R2Conflitto R3Indipendenti R4IndipendentiSovrapposto Conflitti: discussi con i clienti Sovrapposti: riscritti per eliminari le sovrapposizioni
  • Slide 25
  • Priorit e rischi associati ai requisiti Analisi del rischio: identifica i requisiti che potrbbero causare difficolt nello sviluppo Tipologie di rischio: rischio tecnico, rischio di prestazione, rischio di sicurezza, rischio di integrit dei datab