Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

download Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

of 47

  • date post

    07-Apr-2018
  • Category

    Documents

  • view

    221
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    1/47

    Bob J. Zehmer

    KifHashish dal Marocco

    2010Le rotte, la corruzione, il contrasto, le mafie, le connessioni

    con le droghe pesanti, il riciclaggio del denaro sporco

    un viaggio fra i traffici illeciti e i suoi protagonisti

    Versione italiana a cura di Esme de Alma

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    2/47

    Bob J. Zehmer

    KifHashish dal Marocco

    Le rotte, la corruzione, il contrasto, le mafie, leconnessioni con le droghe pesanti, il riciclaggio

    del denaro sporcoun viaggio fra i traffici illeciti e i suoi protagonisti

    Una vista delle montagne del Rif nei pressi di Ashawen

    Da Kif, Hashish dal Marocco, di Bob J. Zehmer, versione italiana a cura

    di Esme de Alma. Estratto distribuito gratuitamente su permessodellautore in licenza creative commons, 2011. L'opera originale in

    lingua inglese pubblicata negli Stati Uniti da eBookIT, Dic. 2010

    (Copyright by Bob J. Zehmer, 2010, USA)

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    3/47

    Kif, Hashish from Morocco

    Copyright 2010 Bob J. Zehmer all rights reserved

    Sienda Productions & PromotionsThis book was published by eBookIT, USA, Dec, 9th, 2010

    The author may be reached at:www.bobjzehmer.com

    no part of this book may be reproduced or transmitted in any form or byany means, graphic, electronic, or mechanical, including photocopying, re-cording, typing, or by any information storage retrieval system, without

    permission in writing from the author

    the photo on the cover and many others in this book appear courtesy ofDr Pierre-Arnaud Chouvyhttp://www.geopium.org

    Geopium.orgwas created and is published byPierre-Arnaud Chouvygeographer and research fellow at theNational Center for Scientific Research (C.N.R.S., Prodigunit).

    Copyright 2010 Bob J. ZehmerTitolo Originale Kif, Hashish from Morocco, 2010, eBookIt, USA

    Edizione italiana a cura di Esme de Alma

    Distribuito gratuitamente con licenza Creative Commons

    Kif, hashish dal Marocco by Bob J. Zehmer is licensed under a Creative CommonsAttribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

    http://www.geopium.org/indexauteur.htmlhttp://www.cnrs.fr/http://prodig.univ-paris1.fr/http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/http://prodig.univ-paris1.fr/http://www.cnrs.fr/http://www.geopium.org/indexauteur.html
  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    4/47

    Ringraziamenti

    Voglio ringraziare tutte le persone che hanno reso possibilequestopera. Sono tante e non vorrei dimenticarne nessuna.

    Mia moglie e le mie figlie per la pazienza dimostrata a causadelle mie lunghe assenze durante la ricerca.

    Siddik e i suoi parenti per essere stati cordiali e prodighi diinformazioni.

    Terrence per i suoi preziosi suggerimenti sulle questioni fi-nanziarie, senza il suo valido aiuto questo libro non si sarebberealizzato.

    E ancora, tutti gli ufficiali di polizia con i quali ho dialogato,i loro colleghi e tutti gli appartenenti allapparato delle giustiziache fanno del loro meglio per un mondo pi giusto giorno do-po giorno.

    Un ringraziamento speciale a Pierre-Arnaud Chouvy, geo-grafo del Centro Nazionale delle Ricerche di Parigi, che hagentilmente concesso le sue meravigliose foto, nonch offertoimportanti indicazioni di cui ho fatto tesoro.

    Voglio ringraziare anche Jefferson che mi ha incoraggiatoad andare avanti quando mi sentivo demoralizzato e John per ilsuo interesse nel mio lavoro, i suoi spunti sono stati per me di

    immenso valore.Un grazie di cuore a Esme De Alma, per il suo apporto nel-la versione italiana dellopera.

    E ci sono altre persone che non posso non citare: Domini-que, Teresa, Helen, Freddy, Manuel, Burt, Juan, Xavier, Liefer,Ace e Bodes, a voi tutti un sincero grazie.

    Tutte queste persone hanno dato un significativo contributo

    e senza di loro non sarei giunto in fondo al mio lavoro.

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    5/47

    Per questo libro ho raccolto materiale attraverso intervisteche hanno rivelato aspetti inquietanti e perfino sbalorditivi, an-che a loro esprimo la mia gratitudine.

    Chiedo scusa per eventuali approssimazioni ed errori, di cuimi assumo ogni responsabilit. Ho infatti dovuto tenere contoanche di informazioni circa pratiche, fatti, costumi e attivitpiuttosto lontane dalle mie conoscenze abituali.

    Perci, apprezzer ogni vostro suggerimento e critica chepotete postare su www.bobjzehmer.com

    In nessun caso questo libro pu essere inteso come un invi-to a infrangere la legge e/o fare uso di droghe.

    La legge il patto sociale che abbiamo accettato per convi- vere in armonia, e attraverso il rispetto dei diritti umanipossiamo dirci buoni cittadini ovunque.

    La legge pu essere emendata esclusivamente nei modi e neitermini previsti dalla legge stessa; in altre parole, le leggi posso-

    no essere modificate solo attraverso un processo democraticoprevisto dallordinamento giuridico.

    In conclusione, la mia pi viva riconoscenza a chiunquespender il suo tempo per leggere questo libro, spero di nondeludervi.

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    6/47

    La causa di tutte le guerre, rivolte e ingiustizie lesistenza della pro-priet privata.

    SantAgostino

    Per il burocrate il mondo un oggetto che solo lui pu manipolare.

    Karl Marx

    Unidea che non sia pericolosa non degna di essere chiamata idea.Oscar Wilde

    Cosa posso conoscere? Cosa devo fare? Cosa posso sperare?

    Immanuel Kant

    Dedicato a:

    Tutta la mia famiglia e i miei amici

    Coloro che hanno sacrificato la vita per combattere le mafie

    Coloro che combattono giorno dopo giorno contro ogni abuso e prepotenza

    Chiunque cerchi e ami la verit

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    7/47

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    8/47

    Kif

    Prefazione

    In questo reportage affronteremo lo scottante tema del traf-fico di stupefacenti con particolare riferimento al contrabbandodi hashish proveniente dal Marocco.

    Lopera stata resa possibile grazie ad una ricerca personaledurata parecchi anni, nei quali ho intervistato trafficanti e agentidi diverse forze di polizia di vari paesi europei impegnati nel

    contrasto.Premetto che non mio compito esaminare gli aspetti psi-cotropi e clinici della cannabis, citer alcuni studi ma questo un dibattito aperto e acceso allinterno della comunit scientificae io non sono un medico e nemmeno un farmacologo.

    Ci a cui mi sono interessato riguarda la recrudescenza cheil fenomeno dei traffici di stupefacenti ha nelle nostre societ,

    con particolare riferimento alle organizzazioni criminali, allalotta operata da parte delle forze di polizia, ai drammi umani eai danni economici che anche una sostanza annoverata tra quel-le cosiddette leggere comporta.

    Che i fitocannabinoidi, perci i principi chimici presenti nel-la pianta della Cannabis sativa, siano classificati come sostanzeleggere, lo si ricava dalla contrapposizione con altre sostanze

    come la cocaina, leroina, il crack, lecstasy e cos via.Dopotutto, la distinzione che d luogo alle varie tabelle I e

    II o A, B e C, a seconda del legislazione particolare di un paese,proviene pi da scelte politiche che non da vere e proprie inda-gini scientifiche.

    Altres, gli studi scientifici accertano che lhashish e la mari-juana possono essere ricavati sia dalla pianta della Cannabis sativa

    sia da quella della Cannabis indica, cos come da variet ibride.

    7

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Hashsish dal Marocco

    9/47

    Bob J. Zehmer

    In Gran Bretagna, ad esempio, la cannabis fu declassata dacategoria B a C, poi, nel 2009, fu nuovamente riammessa alla B,e questo perch ci fu grande allarme per la diffusione della co-siddetta skunk, una variet di cannabis ibrida ricavata negli anni80 incrociando la sativa con la indica. Tuttavia, il professor I-versen, farmacologo della Oxford University, sostiene che non affatto vero che la skunk contenga alte percentuali di principioattivo THC secondo i suoi studi, infatti, questa si aggira in-torno al 10 12%. Ulteriori indagini scientifiche dimostranoche la tesi di Leslie Iversen del tutto fondata.

    Vi sono paesi, come ad esempio lItalia, che dal 2006 non fapi alcuna distinzione tra le droghe leggere e quelle pesanti, ap-plicando dunque le medesime pene.

    Associare la marijuana alle droghe pesanti una tendenzache ha cominciato ad affacciarsi a cavallo tra gli anni 80 e 90con la teoria del 16%, secondo la quale il contenuto di THC nel

    tempo si quadruplicato rispetto alloriginario 4%.C da chiedersi se veramente la politica di repressione altraffico di stupefacenti sia la strada giusta da percorrere.

    Il filosofo francese Jacques Derrida, nel suo saggio Rhtori-que de la drogue, pubblicato alla fine degli anni 80, metteva inluce come il concetto di sostanza stupefacente sia imposto nellenostre societ solo su basi politiche e morali e senza nessun

    fondamento scientifico.Non ve lo far leggere tra le righe, io concordo con questadefinizione, sono un antiproibizionista convinto e credo fer-mamente che il fenomeno del traffico di droga sia un falsoproblema! Con questo non voglio assolutamente dire che sonodalla parte delle organizzazioni criminali, al contrario, penso chele organizzazioni criminali subirebbero un duro colpo finanzia-

    rio se finisse lera del proibizionismo!

    8

  • 8/6/2019 Estratto da KIF, Ha