CANI, GATTI ED ALTRI ANIMALI Notizie utili per gestire i ... GATTI ED ALTRI ANIMALI Notizie utili...

Click here to load reader

  • date post

    11-May-2018
  • Category

    Documents

  • view

    223
  • download

    2

Embed Size (px)

Transcript of CANI, GATTI ED ALTRI ANIMALI Notizie utili per gestire i ... GATTI ED ALTRI ANIMALI Notizie utili...

  • CANI, GATTI ED ALTRI ANIMALI

    Notizie utili per gestire i propri animali da compagnia

  • 1

    Presentazione: ing. Mauro Borelli, Direttore Generale ASL di Mantova Supervisione: dott. Loris Zaghini, Direttore Dipartimento Prevenzione Veterinario ASL di Mantova Ideazione: dott.ssa Cristina Pellizzoni Responsabile U.O. Randagismo e Igiene Urbana Veterinaria e dott.ssa Claudia Capua, Responsabile U.O. Qualit e Produzioni Minori Dipartimento di Prevenzione Veterinaria ASL di Mantova

  • 2

    PRESENTAZIONE

    I dati sulla presenza di animali domestici nelle case degli italiani parlano di circa 60 milioni, tra cani (7 milioni, di cui 900.00 in Lombardia), gatti (7,4 milioni), conigli, tartarughe, pesci e uccellini (dati ISTAT 2011). Il trend, che non evidenzia segni di cedimento, indica che luomo ha instaurato con questi animali una stretta convivenza, a volte felice, altre meno; se da una parte i pets offrono compagnia e affetto, alleviando tensioni sociali, solitudine e stress, dallaltra, specie nelle citt, la stretta convivenza comporta linsorgere di disagi, quali ad es. disseminazione di feci e rumori, fino a episodi gravi, come aggressioni e morsicature. Ma un problema ancor pi grave rappresentato dal fenomeno del randagismo, che in Lombardia vede 13.082 cani entrati nei canili sanitari e 10.418 gatti randagi sterilizzati nel solo 2010 (dati Ministero della Salute); in tutta Italia 103.000 cani vagano sul territorio e 700.000 sono accolti nei rifugi, oltre alla presenza di 22.000 colonie feline (pari a circa 2 milioni gatti). Le cause sono da ricercarsi soprattutto negli abbandoni: in Italia vengono abbandonati ogni anno 150.000 cani, di cui il 25% in estate, per i problemi ad andare in vacanza con il proprio animale e il 30% nel periodo della caccia; poi ci sono gli animali che nascono da randagi e quelli respinti perch creano problemi (sporcano, fanno rumore, abbaiano ecc.) o non corrispondono alle aspettative iniziali del padrone (troppo grandi, con un carattere troppo forte, troppo vecchi ). La motivazione principale, quindi, la scarsa sensibilit e linsufficiente conoscenza da parte dei proprietari delle responsabilit e dei doveri stabiliti dalle leggi, oltre che dei bisogni e delle caratteristiche etologiche degli animali che si intendono adottare o acquistare. Le conseguenze sono gravi per tutti: per questi animali, che vivono in pessime condizioni, senza riparo, cibo, cure, maltrattati o investiti; per le persone che vengono coinvolte in incidenti provocati da animali vaganti (negli ultimi 10 anni, nella sola sede autostradale, si sono avuti 45.000 incidenti con 4.000 feriti e 200 morti). Se catturati e ospitati in un canile rifugio, molti di questi cani vivranno in una gabbia per il resto della vita.

  • 3

    Ma anche per la collettivit tutto ci ha un alto costo: ogni animale ospitato in canile costa ai Comuni in media 1.000 allanno; in totale sono almeno circa 200 milioni di euro spesi ogni anno in Italia. Trai i vari interventi previsti dalle norme regionali al fine di ridurre il fenomeno, quali lidentificazione dei cani mediante microchip, la sterilizzazione dei randagi, le sanzioni per la mancata identificazione, le multe e le denuncie per labbandono, c anche quello della formazione e informazione del cittadino. Questo opuscolo, fornendo informazioni sulle responsabilit che avere un animale comporta, ha, appunto, lo scopo di aumentare la consapevolezza dei proprietari e favorire da parte loro ladozione di comportamenti conformi alle normative e rispettosi del benessere e della dignit degli animali, nellottica di perseguire una diminuzione dellabbandono, con tutte gli aspetti positivi che ci pu comportare.

    IL DIRETTORE GENERALE Ing. Mauro Borelli

  • 4

    INDICE

    IL CANE

    Come sceglierlo pagina 5 Le sue esigenze pagina 6 La riproduzione pagina 8 Leducazione pagina 8 I vostri doveri pagina 9 Etologia del cane pagina 11 Come avvicinarsi ad un cane pagina 12 Cani vaganti pagina 14

    IL GATTO

    Come sceglierlo pagina 15 Le sue esigenze pagina 15 La riproduzione pagina 17 Leducazione pagina 17 I vostri doveri pagina 18 Colonie feline pagina 18 Etologia del gatto pagina 19

    GLI ANIMALI ALLESTERO pagina 21 ANIMALI MORSICATORI pagina 22 LE ZOONOSI pagina 22 PET THERAPY: GLI ANIMALI CURANO LUOMO pagina 25 GLI ANIMALI ESOTICI pagina 26 INDIRIZZI UTILI pagina 28

  • 5

    IL CANE

    Come sceglierlo

    Dove andare a prenderlo ? Potete andare in un negozio o in un allevamento, ma la cosa migliore che potete fare adottare un cane randagio. Informatevi quindi presso i Distretti Veterinari dellASL per sapere dove si trova il canile pi vicino: c sicuramente un amico che vi aspetta. Inoltre gratuito ed stato sverminato, vaccinato, microchippato e visitato dal veterinario dellA.S.L.

    A cosa bisogna pensare prima di prenderlo?

    Non un giocattolo di cui liberarsi dopo qualche mese

    vive dai 10 ai 15 anni e richiede tempo, attenzione, cure ha un costo economico (cibo, veterinario, assicurazione ecc.) va scelto in base alle proprie disponibilit di tempo e di spazio,

    quindi, se si ha poco posto, bene scegliere un cane piccolo considerate che dora in poi se dovrete viaggiare, andare in

    vacanza ecc. dovrete tenere presente che c anche lui

    se cercate un cane di razza, considerate il carattere e le esigenze di una razza che si adatti alle vostra disponibilit: chiedete al veterinario di consigliarvi

    se volete un cucciolo, sar pi impegnativo educarlo; se volete un adulto avr gi le sue abitudini e quindi far pi fatica a cambiarle a causa della nuova situazione; una femmina pi dolce, ma si riproduce facilmente, se non viene sterilizzata; un maschio tendenzialmente pi aggressivo e vivace e va educato con pi energia.

  • 6

    tutti i componenti della famiglia devono essere daccordo e sentirsene responsabili

    Le sue esigenze

    Una volta scelto il cane, bisogna prendere in considerazione di cosa ha bisogno. Innanzitutto necessario provvedere a fornirgli una cuccia adatta alla taglia, posta in un luogo riparato dalla intemperie (freddo, caldo, correnti daria ecc.), sollevata o isolata da terra; periodicamente dovrete pulire e disinfestare la cuccia, le coperte, i materassini su cui il vostro cane riposa abitualmente. Se vive in un appartamento, il cane ha bisogno di essere portato a spasso, per muoversi e fare i propri bisogni almeno due o tre volte al giorno (se cucciolo almeno quattro/sei volte);

    soprattutto se giovane, ha bisogno di correre e di giocare. Anche se lo tenete in giardino dovete preoccuparvi che corra e giochi pi volte al giorno. La cosa fondamentale che gli dedichiate ogni giorno un po del vostro tempo. Ricordate poi che il cane ha bisogno di

    socializzare con i propri simili e va abituato al contatto frequente con altri cani.

    Alimentazione Il cane va nutrito con cibi sani: evitate carne e frattaglie crude, mangimi ammuffiti o scaduti, dolci, cioccolato e cibi molto ricchi di

    grassi; meglio ricorrere ai mangimi disponibili in commercio (crocchette, scatolette ecc.), perch sono bilanciati dal punto di vista nutrizionale. Non dategli cibo mentre pranzate: il cane deve abituarsi a mangiare regolarmente dalla

    propria ciotola, una o due volte al giorno, se un adulto, anche tre o quattro volte, se cucciolo.

  • 7

    Non lasciate la ciotola con resti di cibo, per evitare che si alterino o attirino insetti; preoccupatevi anche che abbia sempre a disposizione acqua pulita da bere. E bene inoltre informarsi presso il veterinario circa la dieta adatta in rapporto a razza, et, taglia ed attivit svolta dal cane.

    Igiene del cane Il cane va tenuto pulito e in ordine, quindi il mantello va regolarmente spazzolato; in alcuni casi potr essere necessario tosarlo periodicamente. Il bagno, se lanimale vive in casa, pu essere fatto anche una volta al mese, ma non esagerate (troppi lavaggi eliminano i grassi naturali del pelo che lo proteggono) e usate solo prodotti specifici per cani (lo shampoo umano altera lequilibrio chimico della pelle del cane). Inoltre periodicamente opportuno pulire le parti esterne del padiglione auricolare con gli appositi prodotti e gli occhi con un batuffolo di cotone imbevuto di acqua.

    La salute del cane Il cane va portato almeno una volta allanno dal veterinario, anche se appare in buona salute, per essere controllato e vaccinato; bene anche che venga verificata la pulizia dei denti e la presenza di tartaro che pu provocare fastidiose gengiviti. Inoltre importante provvedere a disinfestarlo periodicamente dai parassiti esterni (pulci e zecche) con i prodotti appositi che si trovano nei negozi specializzati ed in farmacia (collari antipulci, gocce, prodotti da spruzzare ecc.) Nelle nostre zone anche indispensabile sottoporre il cane al trattamento preventivo contro la filariosi, un grave malattia trasmessa dalle zanzare, che pu anche portare a morte lanimale. Quando il cane presenta sintomi che vi fanno pensare ad un malessere (ad es. mancanza di appetito, pelo opaco, prurito, vomito, diarrea, comportamenti anomali ecc.), non tentate cure fai da te e non usate farmaci per uso umano: rivolgetevi al vostro veterinario di fiducia.

  • 8

    In vacanza Infine, se dovete andare in vacanza, tenete presente che molti alberghi, agriturismi e campeggi accettano cani, anche di grossa taglia; su internet potete trovare molti siti che vi indicano posti di villeggiatura adatti per il soggiorno insieme ai vostri animali. Se non potete portarli con voi, rivolgetevi a pensioni per cani o servizi di dog sitter, magari provando in anticipo per alcuni giorni, allo scopo di verificare che il cane si trovi bene e sia a suo agio.

    La ripro