violino viola violoncello · PDF file 2015. 8. 17. · 19 AGOSTO ORE 21.15 CHIESA DI...

Click here to load reader

  • date post

    04-Mar-2021
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of violino viola violoncello · PDF file 2015. 8. 17. · 19 AGOSTO ORE 21.15 CHIESA DI...

  • 19 AGOSTO ORE 21.15 CHIESA DI S. AGOSTINO

    SALVATORE ACCARDO violino FRANCO PETRACCHI contrabbasso

    Laura Gorna violino Francesco Fiore viola

    Cecilia Radic violoncello Stefania Redaelli pianoforte

    The six Sonate a quattro for two violins, cello and double bass were written by Rossini when he was only 12 years old during his summer holidays. The original versions were thought lost, but in 1954 they were re-discovered at the Library of Congress of Washington. Each Sonata is structured according to a classical division into three movements (Allegro-Slow-Allegro). The only chamber instrumental work by Verdi is the String Quartet in E minor: it was written during the Spring of 1873, when Verdi was in Naples. In that period he had to follow the rehearsals for an important performance of his Aida at San Carlo Theatre; in the free hours he decided to create a work which were completely different from theatre operas. In 1878, Franck wrote his Quintet in F minor. The previous chamber work was written 40 years before. The Quintet was followed by other two camber masterworks: the Violin Sonata in A major and the String Quartet in D major. It is structured according to the so called ‘ciclic’ Sonata form.

    Quei favolosi ‘80

    SIENA 2015

  • Salvatore Accardo esordisce a tredici anni eseguendo i Capricci di Paganini. A quindici vince il primo premio al Concorso di Ginevra e nel 1958 è primo vincitore del Concorso Paganini di Genova. Molti compositori gli hanno dedicato loro opere. Suona con le maggiori orchestre e i più importanti direttori, affiancando all’attività di solista quella di direttore d’orchestra. È tra i fondatori dei corsi di perfezionamento della Fondazione Walter Stauffer di Cremona. Ha inciso per molte delle maggiori etichette discografiche e ricevuto numerosi premi. Tiene la cattedra di violino presso l’Accademia Musicale Chigiana (della quale peraltro fu allievo).

    Franco Petracchi compie i suoi studi a Roma. In orchestra ha suonato con i più importanti direttori. Ha effettuato concerti con i più prestigiosi nomi del concertismo mondiale e in numerosi festival internazionali. Ha insegnato in numerosi conservatori italiani e stranieri. È tra i fondatori dei corsi di perfezionamento della Fondazione Walter Stauffer di Cremona e insegna anche presso la Scuola di musica di Fiesole. Tiene la cattedra di contrabbasso presso l’Accademia Musicale Chigiana.

    Laura Gorna si diploma presso il Conservatorio di Milano e si perfeziona con Salvatore Accardo. Vincitrice del Concorso Città di Vittorio Veneto, debutta giovanissima alla Sala Verdi di Milano. Le sue tournée l’hanno vista esibirsi nei principali centri mondiali. In Italia e all’estero è ospite come solista di numerose orchestre.

    Francesco Fiore ha compiuto i suoi studi presso il Conservatorio S. Cecilia di Roma e si è perfezionato con Bruno Giuranna. Vincitore di numerosi premi si è presto imposto come uno dei musicisti più interessanti dell’ultima generazione, intraprendendo una intensa attività concertistica.

    Cecilia Radic si è affermata nel 1996 con la vittoria del concorso internazionale Premio Stradivari-Roberto Caruana. Da allora si è esibita in tutto il mondo, alternando con successo ruoli differenti quali quelli di solista, camerista e primo violoncello, e affrontando un vasto repertorio.

    Rossini Le sei Sonate a quattro per due violini, violoncello e contrabbasso furono composte da un Rossini appena dodicenne durante le vacanze estive trascorse nel 1804 presso la tenuta di Conventello di Ravenna della famiglia Triossi. Gli autografi furono ritenuti perduti dallo stesso Rossini e la raccolta, ad eccezione della terza Sonata, fu pubblicata da Ricordi nel 1825 in una trascrizione per quartetto d’archi classico. Le versioni originali sono ricomparse solo nel 1954 presso la Library of Congress di Washington. Ciascuna Sonata segue lo schema in tre tempi (veloce-lento-veloce) riservando al secondo molti fioriti passaggi solistici evocativi del belcanto operistico.

    Verdi L’unico lavoro strumentale da camera di Verdi non venne scritto negli anni giovanili, come pagina dimostrativa di una sapienza compositiva maturata attraverso un rigoroso studio. Il Quartetto per archi in mi minore venne da lui composto a sessant’anni compiuti, nella primavera del 1873. All’epoca Verdi si trovava a Napoli, per seguire al Teatro San Carlo la prima ripresa di Aida. Fra una prova e l’altra, Verdi si dedicò alla scrittura di un quartetto per archi, che poi presentò a sorpresa a un ristretto gruppo di amici, riuniti, con la scusa di un ricevimento, in una sala dell’albergo delle Crocelle (poi divenuto il noto Hotel Hassler), dove il maestro alloggiava.

    Franck Con il Quintetto in fa minore, dopo quasi 40 anni di silenzio nel 1878 Franck riprese a comporre nuove opere da camera. Il lavoro costituisce il primo quadro del grande trittico cameristico che si concluderà con la Sonata per violino e pianoforte in la maggiore e il Quartetto per archi in re maggiore: tre capolavori che hanno tracciato una nuova via nella storia della musica da camera francese. Il Quintetto segna la codificazione pressoché definitiva della forma ciclica, in cui una complessa rete di continui ritorni di un tema conduttore si intreccia con idee accessorie.

    * * *

    PROGRAMMA

    Gioachino Rossini Pesaro 1792 - Passy de Paris 1868

    Sonata a quattro n. 1 in sol magg. per due violini, violoncello

    e contrabbasso Moderato Andantino

    Allegro

    Giuseppe Verdi Roncole di Busseto, Parma 1813 - Milano 1901

    Quartetto per archi in mi min. Allegro

    Andantino Prestissimo

    Scherzo Fuga. Allegro assai mosso

    * * *

    César Franck Liegi 1822 - Parigi 1890

    Quintetto in fa min. per pianoforte, due violini, viola e violoncello

    Molto moderato quasi lento Lento con molto sentimento

    Allegro non troppo ma con fuoco