ROUSSET VACCHI Steve Reich - Il giornale della .di Valerio Corzani Gabriele Mirabassi ... Sebastian

download ROUSSET VACCHI Steve Reich - Il giornale della .di Valerio Corzani Gabriele Mirabassi ... Sebastian

of 72

  • date post

    27-Jul-2018
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of ROUSSET VACCHI Steve Reich - Il giornale della .di Valerio Corzani Gabriele Mirabassi ... Sebastian

  • Fabio VacchiChristophe RoussetRoberto ProssedaLantica Scozia doggi

    mensile di informazione e cultura musicale

    il giornale della musica

    CLASSICA JAZZ POP WORLD

    anno XXXnumero 317

    Poste Italiane s.p.a. - sped. in A

    .P. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.46) art. 1, com

    ma 1, Torino - n. 8/2014

    settembre 2014

    PR

    OS

    SE

    DA

    REIC

    H R

    OU

    SS

    ET V

    AC

    CH

    I ZA

    VALLO

    NI

    Steve ReichIl compositore americanoa settantasette anni ricevedalla Biennale Musica il Leone doro alla carriera: La mia generazione non ha fatto nessuna rivoluzione, ha restaurato la curiosit di ascoltare

    5,00settembre 2014

    BEAT FURRERNILS FRAHMERNESTO TOMASINIGABRIELE MIRABASSICRISTINA ZAVALLONI

    TORINO | AUDITORIUM RAI | CONCERTI

    Biglietteria: piazza Rossaro | 011.8104653/4961 | biglietteria.osn@rai.it

    Juraj Valuha, Direttore principale dellOrchestra Sinfonica Nazionale della Rai, presenta la nuova stagione sinfonica che celebra il ventennio dell'OSN. 22 concerti di grande musica dal vivo. Per chi ha meno di trent'anni l'intero abbonamento a soli 88 euro, o un carnet da minimo sei serate a 5 euro luna. Info su www.osn.rai.it

    www.facebook.com/osnrai

    @OrchestraRai

    Lang Lang, Semyon Bychkov, James Conlon, Renaud Capuon, Viktoria Mullova, Michele Mariotti,Marc Albrecht, Krassimira Stoyanova, Fabio Biondi, Sol Gabetta, Beatrice Rana, Antoine Tamestit, David Garrett

  • VENTICARATTERUZZI.C

    OM

    SOCI FONDATORI ISTITUZIONALIStato Italiano Roma Capitale Provincia di RomaCamera di Commercio di Roma Regione LazioSOCI PRIVATIEnel BNL-Gruppo BNP Paribas Assicurazioni Generali Autostrade per lItalia Astaldi Gruppo Poste ItalianeFerrovie dello Stato Italiane FinmeccanicaPARTNER ISTITUZIONALILottomatica Telecom ItaliaMEDIA SPONSORLa Repubblica

    14/15 La musica fa beneAccademia Nazionale diSanta Cecilia

    ArmoniaAlcuni artistiValery GergievYuri TemirkanovKent NaganoFabio BiondiNicola LuisottiSemyon BychkovMyung-Whun Chung

    Gianandrea NosedaPablo Heras-CasadoEvgeny KissinGrigory SokolovKrystian ZimermanLang LangYuja WangMario Brunello

    Ramin BahramiDanill TrifonovMikhail PletnevArcadi VolodosHlne GrimaudRafa BlechaczThe Kings SingersSentieri Selvaggi

    Orchestra e CorodellAccademia di Santa CeciliaDirettore musicale Sir Antonio Pappano

    Auditorium Parco della Musica Romainfoline 068082058www.santacecilia.it/abbonamenti

    Stagione Sinfonica e da CameraNuovi abbonamentidall1 settembre al 4 novembre

    www.scuolamusicafi esole.it

    www.orchestragiovanileitaliana.it

    2015

    PIETRO DE MARIA pianoforteANDREA LUCCHESINI pianoforteELISSO VIRSALADZE pianoforteLORENZA BORRANI violinoFELICE CUSANO violinoPAVEL VERNIKOV violino concorsi internaz.S. Makarova assistenteANTONELLO FARULLI violaNATALIA GUTMAN violoncelloE. Wilson assistenteALBERTO BOCINI contrabbassoANDREA NANNONI quartetto darchiMIGUEL DA SILVA quartetto darchi(Quartetto Ysae)

    BRUNO CANINO musica da camera con pianoforte

    TRIO DI PARMA musica da camera con pianoforte con masterclass di Bruno Canino, Andrea Lucchesini, Pavel Vernikov CHIARA TONELLI flautoTHOMAS INDERMHLE oboeGIOVANNI RICCUCCI clarinettoGUIDO CORTI cornoALFONSO BORGHESE chitarraSUSANNA BERTUCCIOLI arpaCLAUDIO DESDERI opera workshop musica vocale da camera

    GIAMPAOLO PRETTO seminario sulla musica da camera per strumenti a fi ato

    CONCERTI SINFONICIMUSICA DA CAMERA

    OPERA

    CORSI DI PERFEZIONAMENTO

    45 BORSE DI STUDIOPER 60mila EURO COMPLESSIVI

  • OUVERTURE 1 settembre 2014

    in copertina Steve Reich (foto Jay Blakesberg)

    FESTIVAL MITO Il piacere di narrare

    di Stefano JaciniIntervista a Fabio Vacchi

    Il fascino di Dino Campanadi Gianluigi MattiettiBeat Furrer racconta

    Luomo che amava il freddodi Daniele MartinoParla Nils Frahm

    professioni

    28 Columbia loves musicdi Letizia MichielonAllUniversit newyorchese studiare musica considerato fondamentale per un curriculum umanistico. Ne parla Giuseppe Gerbino, che ha guidato il Department of Music

    culture

    32 Le voci di una vocedi Chiara Di DinoErnesto Tomasini basso, soprano, tenore, soprattutto i personaggi dalla sfumata identit sessuale che mette in scena, che raccontano di amori e dive

    49 Il morbo sudamericanodi Valerio CorzaniGabriele Mirabassi racconta la sua scoperta e la fascinazione per la musica sudamericana

    58 S in gaelicodi Ciro De RosaJulie Fowlis, dalle isole Ebridi, una delle pi importanti cantanti scozzesi e interprete del repertorio in lingua gaelica. Alla vigilia del referendum per lindipendenza ci racconta lidentit scozzese

    2 Il foglio bianco di Silvana PorcuSteve Reich ricever il Leone doro dalla Biennale Musica di Venezia il 21 settembre. A 77 anni racconta il suo ricco percorso musicale e lansia costante davanti a un nuovo pezzo da comporre

    12

    14

    58

    il giornale della musica torna in edicola il 1 ottobre 2014

    nelle foto, dallalto in basso:Fabio Vacchi,Nils Frahm (foto Michal ONeal),Ernesto Tomasini (FPC foto), Julie Fowlis

    parola di Cristina Zavalloni

    68 Incredibilmente normaliLa cantante bolognese mamma. Ha appena partorito anche il nuovo disco, realizzato a New York con Uri Caine

    32

    12-15

    attualit

    16 Per amore di Giudittadi Alessandro Di Profi oIntervista a Christophe Rousset. Il 14 settembre a Pisa per il festival Anima Mundi dirige un programma tutto dedicato al personaggio biblico

  • 3

    In una lunga conversazione con Steve Reich si sen-tono echeggiare il passato, il presente e il futuro, in un continuo rimbalzare di riferimenti sonori e compositivi: dalle danze balinesi ai Radiohead, da Bach ai National, dal romanticismo all11 settem-bre, in un discorso tanto spiazzante quanto armonioso. Probabilmente lessenza del suo genio sta anche in questo: il compositore americano, tra i padri del minimalismo, non sembra mai sopraffatto da ci che lo circonda, tan-to meno da ci che lo ha preceduto. Tiene conto anche di questo il nuovo, prezioso riconoscimento che sta per ricevere proprio in Italia: il Leone dOro alla carriera. Il premio sar consegnato ufficialmente nel 58 Festival In-ternazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia, che si aprir il 20 e 21 settembre con un omaggio alla sua musica. La consegna effettiva sar il 21 al Teatro alle Tese. Subito dopo la cerimonia il palco sar tutto per la sua musica, con lesecuzione di alcune delle sue pagine pi celebri: City Life e il Triple Quartet per quartetto darchi e nastro, con la direzione di Jonathan Stockhammer.

    Il tema di questa edizione, Limes, sembra calzargli a pennello. Perch Reich uno che i confini li ha studia-ti, oltrepassati, infranti e qualche volta rispettati e difesi. Senza farsi spaventare, come si diceva, da ci che stato. Figuriamoci da ci che deve ancora arrivare.

    I suoni del mondoIl bambino che si aggrappava al pianoforte per raggiunge-re i tasti cercando di suonare le canzoni dei cowboy ha iniziato presto a interessarsi di musiche di ogni angolo del globo. Le stesse che hanno impreziosito le sue composizio-ni con ritmi e strutture presi in prestito da culture lonta-

    ne: Negli anni Settanta, quando stavo iniziando a fare le mie prime scoperte e a interessarmi a questi argomenti, ero molto attratto dalle percussioni del Ghana. Da ragazzo avevo studiato come percussionista. Dopo aver terminato gli studi mi sono chiesto: in che zona del mondo le percus-sioni sono la voce dominante di unorchestra? La rispo-sta alla mia domanda stava in due aree differenti: lAfrica e lIndonesia. stato dopo questa riflessione che Reich ha deciso di trascorrere unestate in Ghana per studiare i ritmi di questa terra, trovando poi nuovi riscontri nella lettura di Studies in African Music di A.M. Jones (1959), un libro in due volumi che analizzava approfonditamente la trib Ewe. La stessa che avevo studiato io - rivela Reich -. Nellestate del 1973 ho approfondito il gamelan balinese in California e a Seattle, con docenti di Bali. Unesperien-za con lAmerican Institute for Eastern Arts, che oggi non esiste pi, ma che allora aveva permesso a Reich di con-frontarsi con insegnanti arrivati dallIndia, dallAfrica, dal Giappone e dalla Corea: Ero andato l sia per studiare che per insegnare la mia musica con il mio ensemble. Ecco, devo dire che in quel periodo della mia vita il mio inte-resse per la musica non occidentale aveva raggiunto il suo picco massimo. Oggi una parte di tutta quellesperienza si integrata nel mio modo di comporre, non devo neanche pensarci realmente.

    Com facile capire, nel suo universo compositivo gra-vitano decine di altre influenze, ed lui stesso a metterle in evidenza, insieme con la frustrazione di chi da giovane, pur divorando quasi ogni genere musicale, era autorizzato a studiarne solo una parte: Sono diventato un compo-sitore perch amavo Stravinskij. E intendo lo Stravinskij del periodo russo, dei balletti. Amavo Johann

    SILVANA PORCU FOTO JEFFREY HERMAN

    >>

    Il fogliobianco

    Steve Reich ricever il Leone doro alla carriera dalla Biennale Musica di Venezia il 21 settembre. A settantasette anni racconta il suo ricco percorso musicalee lansia costante davanti a un nuovo pezzo da comporre

  • 4 settembre 2014

    Schoenberg diceva: fra cinquantanni il postino fi schietter i miei brani. Be, di anni ne sono passati cento e non credo esista un postino sulla faccia della terra che abbia mai sentito parlare di Schoenberg!

    Sebastian Bach e il bebop di Charlie Parker e Miles Davis, e poco pi tardi di John Coltrane. Eppure nessuno di questi era nel men. Il men consisteva semplicemente in due cose: musica dodecafonica e seriale. E io non volevo sce-gliere nessuna del