"Paesi in via di sviluppo" è una definizione prettamente politica, paesi emergenti...

Click here to load reader

download "Paesi in via di sviluppo" è una definizione prettamente politica, paesi emergenti è quella economico-finanziaria, "terzo mondo" è invece quella più obsoleta,

of 22

  • date post

    02-May-2015
  • Category

    Documents

  • view

    212
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of "Paesi in via di sviluppo" è una definizione prettamente politica, paesi emergenti...

  • Slide 1
  • Slide 2
  • "Paesi in via di sviluppo" una definizione prettamente politica, paesi emergenti quella economico-finanziaria, "terzo mondo" invece quella pi obsoleta, che evoca la realt in maniera pi cruda.
  • Slide 3
  • Quale che sia la definizione, la realt fatta di aree del pianeta afflitte dalla miseria, dalle malattie, dalla sete, dalla fame. Nonostante le difficili condizioni di vita ancora esistenti in questi paesi, la nuova tendenza che si sta diffondendo quella di incentivare la diffusione dell'informatica nei vari strati della popolazione.
  • Slide 4
  • In questo contesto intendiamo analizzare lo sviluppo che la Cina ha compiuto nel campo dellinformatica e delle nuove tecnologie.
  • Slide 5
  • Per quanto riguarda le tecnologie informatiche, i cinesi sono partiti in ritardo rispetto al mondo occidentale, anche a causa delle difficolt derivanti dalla loro lingua scritta, i cui ideogrammi hanno reso il rapporto con l'informatica assai problematico
  • Slide 6
  • Internet stato introdotto ufficialmente in Cina intorno al 1992, e alla diffusione della rete delle reti seguita un'importante e progressiva crescita nel campo dell'informatica. Data la poca esperienza del popolo cinese in questo campo, si trattato di una vera e propria sfida!
  • Slide 7
  • Tra il 1995 e il 2000 si pu parlare di un vero e proprio contagio: infatti nel 1997 si sviluppa notevolmente l'e-commerce (= commercio elettronico), ossia l'insieme delle transazioni per la commercializzazione di beni e servizi tra produttore e consumatore realizzate tramite Internet. Nel 1998 nasce il primo motore di ricerca in lingua cinese, Sohu, sviluppato dalla Sohu.com.
  • Slide 8
  • Intorno agli anni 2000/2004 si evidenzia un maggiore controllo sugli investimenti rivolti alla tecnologia e un pi massiccio ricorso a servizi di consulenza strategica.
  • Slide 9
  • Nel 2004 si osserva una vera e propria diffusione delle applicazioni ICT (Information and Communication Technologies) ovvero le tecnologie dellinformazione e della comunicazione, come per esempio i telefoni cellulari. Il settore dellinformatica nel 2004 cresciuto del 4,4% rispetto al 2,6% dellanno precedente.
  • Slide 10
  • Secondo il Networked Readiness Index siglato NRI ( uno strumento che permette ai vari paesi di valutare la propria situazione in campo tecnologico) la Cina ha conseguito i seguenti risultati: nella classifica del 2002/2003 la Cina si posizionata al 51 posto; nella classifica del 2004/2005 su 104 paesi la Cina si posizionata al 41 posto. In particolare, se si guarda solo la categoria di adeguatezza e di utilizzo delle tecnologie, la Cina guadagna posizioni rispetto allindice NRI, occupando rispettivamente il 39 e il 38 posto della graduatoria mondiale. Rispetto al Government Readiness, il paese conquista la 17esima posizione e per quanto concerne il Government Usage (indicatore che valuta il peso dellICT sia in termini di supporto ai processi amministrativi interni al settore pubblico, sia in termini di fornitura di servizi on-line a favore dei cittadini e delle imprese) la Cina si piazza nella 22 posizione.
  • Slide 11
  • L'Information Economy Report nel 2000 riporta questo dato emerso dallUnited Nations Conference on Trade And Development (UNCTAD): Lincredibile crescita economica di alcune importanti nazioni in via di sviluppo tra cui la Cina, lIndia e il Messico sta imprimendo un effetto significativo sulla performance del settore ICT in altri paesi del sud del mondo. Infatti gi nel 2004 la Cina ha superato gli USA quale maggior esportatore di beni tecnologici.
  • Slide 12
  • Attualmente la Cina vuole riuscire a sostenere una propria tecnologia hi-tech autonoma, ossia costruire lentamente una via cinese all'informatica, copiando e innovando a seconda dei bisogni. in questo contesto che nato il progetto di creare un mondo informatico autoctono e autarchico.
  • Slide 13
  • Il cuore di questo progetto il computer "Sogno del Dragone", Longmeng,frutto del progetto combinato del Jiangsu Menglan Group e del Chinese Institute of Computing Technology, un braccio dell'Accademia delle Scienze cinesi. Il tutto basato sul processore Loongson, "Figlio del dio", realizzato interamente in Cina partendo dai progetti di un processore MIPS. Il sogno del dragone" arrivato alla terza generazione e continua la sua lunga marcia verso i 64 bit, con basso consumo e soprattutto basso costo di produzione.
  • Slide 14
  • Oltre al Sogno del Dragone c il Pc desktop a basso consumo, che viene venduto a meno di 300 dollari, e altri prodotti come il portatile Tianhua GX-1C, che ricorda da vicino il Classmate Pc di Intel, e costa circa 250 dollari.
  • Slide 15
  • Secondo alcune indiscrezioni del Wall Street Journal il governo cinese potrebbe costringere tutti gli utenti in possesso di un computer a installare Green Dam-Youth Escort, un programma informatico in grado di bloccare l'accesso a determinati siti web censurati (perch considerati dal governo socialmente dannosi), e di schedare lutente inviandone i dati a un ricco database.
  • Slide 16
  • Nel maggio 2010 si tenuto a Ningbo, una citt nei pressi di Shanghai, il forum telematico dell'Expo mondiale sul tema informatizzazione e sviluppo urbano, al quale hanno partecipato pi di 600 funzionari, esperti e imprenditori dei vari paesi con lo scopo di analizzare lo scenario futuro della vita informatizzata nella citt di Shanghai.
  • Slide 17
  • Al forum ha partecipato anche Li Yizhong, il ministro cinese dellindustria e dellinformazione, il quale ha affermato che alla fine del marzo scorso gli utenti della telefonia cinese sono diventati un miliardo e 90 milioni, mentre gli internauti sono arrivati a 404 milioni. I prodotti informatici come computer, cellulari, telefoni e televisori a colori sono ampiamente diffusi nel paese. L'informatizzazione ha elevato la qualit della vita dei cinesi e promosso lo sviluppo dell'economia e della societ.
  • Slide 18
  • Li Yizhong ha affermato che il prossimo passo della Cina sar: promuovere lo sviluppo delle nuove tecnologie come gli oggetti da e per internet, e l'integrazione delle tre reti (ossia telecomunicazioni, radiotelevisiva e internet); promuovere la costruzione dell'informatizzazione e dell'urbanizzazione; accelerare lo sviluppo delle nuove industrie 3G, il commercio elettronico, i servizi software, l'animazione su internet e il divertimento elettronico; promuovere l'integrazione fra l'informatizzazione e l'industrializzazione, accelerando il passaggio delle tecnologie informatiche ai vari settori. Inoltre ha aggiunto che allurbanizzazione saranno applicate le tecnologie avanzate ad alta praticit ;
  • Slide 19
  • Nel 2010 la Cina ha realizzato il computer pi veloce al mondo, Tianhe-1A, strappando il primato agli USA. Tianhe-1A capace di effettuare 2,57 quadrilioni di operazioni al secondo, ed stato installato al National Supercomputing Center di Tianjin, nella Cina settentrionale.
  • Slide 20
  • Tianhe-1A ha un costo stimato di circa 70 milioni di euro ed stato sviluppato nellUniversit Nazionale di Tecnologia per la difesa. Il supercomputer cinese ha processori americani ma i circuiti di collegamento sono stati sviluppati in Cina. Inoltre al terzo posto dei computer pi veloci al mondo, dopo Tianhe-1A e Jaguar (USA), vi e un altro computer cinese, Nebulae.
  • Slide 21
  • L'iPad un lettore di musica, video e libri, in grado di connettersi a internet senza fili, ma, nella versione cinese, non attraverso le reti 3G dei cellulari. Per i cinesi rappresenta uno status symbol del raggiunto benessere, al pari delliPod e delliPhone, e, per quanto siano tutti prodotti assemblati in Cina, i prezzi non sono popolari. Infatti liPad va, a seconda della memoria, dai 450 ai 630 euro, ben oltre lo stipendio di un membro della classe media. Tra i prodotti informatici pi desiderati oggi dai cinesi c liPhone 4. E di questi ultimi giorni la notizia dellassalto a un negozio da parte di una folla sterminata che ne aveva atteso lapertura fin dalle prime luci dellalba.
  • Slide 22