My Still My Life Web

download My Still My Life Web

of 32

  • date post

    04-Jun-2018
  • Category

    Documents

  • view

    225
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of My Still My Life Web

  • 8/13/2019 My Still My Life Web

    1/32

    [email protected]

  • 8/13/2019 My Still My Life Web

    2/32

    3

    MYSTILLMYLIFE

    COPYRIGHT

    CarloNadalin2008

    | INDICE |

    Still-Life: Realt o Finzione? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4

    La Luce . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .12

    Diffusori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .14

    Pannelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .16

    Sostegni per Cuki . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .18

    Piani di Appoggio & Sfondi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .20

    Gli Accessori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .22

    Realizzare un Limbo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28

    Realizzare un Effetto Pozza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30

    Realizzare una Retroilluminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . .31

    La Tecnica del Vetro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .34

    Il Flusso di Lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .37

    La Post-Produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .42

    Lo Still-Life nella Pratica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50

    Ringraziamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .62

    |COP

    YRIGHT|Tutti i contenuti del presente volume sono di diritto esclusivo dellautore compresequindi immagini, testi, disegni e grafica di cui dispone gli originali. Ne vietata la

    riproduzione totale o parziale in qualunque modo e/o situazione salvo autorizzazionescritta da parte del detenente dei diritti.

    Tutti i marchi riprodotti nel presente volume sono solo a titolo esemplificativo;l'utilizzazione effettiva di ogni marchio diritto esclusivo dei soggetti aventi diritto.

  • 8/13/2019 My Still My Life Web

    3/32

    5

    MYSTILLMYLIFE

    COPYRIGHT

    CarloNadalin2008

    In sostanza per avere il file definitivo sono serviti 13 scatti preventivamente pen-sati e successivamente montati insieme per mettere in evidenza ogni particolaredel soggetto e migliorarne il contesto in cui inserito. Di seguito troviamo tuttele foto che sono servite per arrivare alla versione definitiva del file.Quella mostrata a sinistra la cosiddetta immagine "base" ovvero quella dipartenza su cui si andranno poi a montare le successive immagini che chiame-remo "particolari in evidenza"Come si pu vedere in ciascuna immagine "particolare in evidenza" vienemesso in risalto appunto una determinata zona del soggetto per migliorarne laleggibilit, i riflessi, le ombre ecc Ottenute tutte le immagini che ci servono sipassa alla post-produzione per "montare" il tutto.

    Ricapitoliamo:La nostra immagine quindi Reale?No se per reale intendiamo un istantanea perch non si otterrebbe con ununico scatto un risultato uguale (simile magari s ma non con tutti quei dettaglimessi in evidenza senza che uno "disturbi" l'altro)La nostra immagine quindi Finta?No perch noi abbiamo montato insieme pi parti realmente fotografate. Tutti iriflessi, le luci, le ombre eccnon sono finte ma bens recuperate da pi scattireali.

    In definitiva la nostra immagine ritrae unaREALTACOSTRUITA.4MYSTILLMYLIFE

    COPYRIGHT

    CarloNadalin2008

    | STILL-LIFE: REALTA' O FINZIONE? |

    Lo Still-Life possiamo definirlo l'arte di "interpretare" tramite la fotografia una"realt" a volte "costruita".

    Ma perch doverla ricostruire quando invece la fotografia dovrebbe documen-tare quello che la realt di tutti i giorni? Perch interpretarla se la fotografiadeve essere oggettiva? La risposta pi ovvia di quanto si possa pensare: la siinterpreta/ricostruisce per renderla "migliore".

    Per spiegare meglio questo concetto guardiamo le due immagini qui sotto:ritraggono lo stesso soggetto ma sono estremamente differenti come aspettofinale. Se immaginiamo di sfogliare un cartaceo in cui viene pubblicizzata unamacchina da caff, quale delle due foto pi in linea con limmagine ci sarem-mo aspettati di trovare?

    Sicuramente tutti abbiamo optato per la foto di destra ma per quale motivo?Perch immaginandola di certo non ci aspetteremo di trovare il quadrante inombra, non ci aspetteremo di avere un beccuccio la cui tridimensionalit nonviene percepita, non ci aspetteremo di non riuscire a leggere la marca eccinsostanza l'immagine di destra migliore perch pi simile a quello che il con-cetto di macchina da caff impresso nella nostra mente.

    Ma cosa stato fatto sull'immagine?E' stato usato un programma di fotoritocco per stravolgere l'aspetto finale?

    Assolutamente no, la post-produzione deve aiutarci ad arrivare al risultato cheabbiamo in mente ma non deve essere lei a crearlo altrimenti sarebbeGraphicArt e non Fotografia.Infatti l'immagine di "arrivo" mostrata sopra non una post-produzione "pesan-te" fatta sull'immagine iniziale, i riflessi che sono stati messi in evidenza nonsono finti e quindi frutto di qualche filtro di photoshop o simili ma bens recupe-rati da pi scatti dello stesso soggetto e quindi sono REALI.

  • 8/13/2019 My Still My Life Web

    4/32

    6

    MYSTILLMYLIFE

    COPYRIGHT

    CarloNadalin2008

    Analizzando il flusso di lavoro necessario per arrivare all'immagine finale moltevolte si sente dire: "col digitale ora tutto pi facile, ai tempi dell'analogico dicerto non si sarebbero fatti tutti questi passaggi, sarebbe bastato un solo scat-to!".Sbagliato!Per esperienza personale posso assicurare che l'approccio verso questi tipi discatti commerciali/pubblicitari non cambiato col tempo ma sono invece muta-ti i tempi di realizzazione e le persone che si occupano delle varie fasi di lavo-razione. Con l'analogico non era raro che i fotografi fornivano ai clienti i foto-color con tutti gli scatti necessari per arrivare ad un immagine simile a quellaappena visionata. Questi fotocolor venivano poi passati al fotolitista che li scan-sionava, li ritoccava, li montava insieme, li convertiva in quadricromia per lastampa off-set e li passava al grafico di turno per l'impaginazione finale.

    Venivano fatti dei cromalin per valutarne la fedelt cromatica, si facevano gliimpianti, si passava il tutto allo stampatore e si stampava. Col digitale i tempisi sono molto ristretti proprio perch si saltano le varie fasi di scansione e per-ch molte volte il lavoro di montaggio viene fatto dal fotografo stesso che forni-sce quindi al cliente direttamente la versione "montata".

    Ritornando al discorso di riprodurre in fotografia un oggetto che sia subito rico-nosciuto secondo gli "standard" comuni, pensiamo adesso ad un bel bicchieredi vino rosso. Quali delle due foto pi simile al bicchiere da noi immaginato?

    Ancora una volta l'immagine di destra quella che ha maggiori probabilit diessere ritenuta conforme ai nostri "standard" di bicchiere di vino, ma per qualemotivo?Per la pulizia generale della foto, per i riflessi controllati che, invece di distrarrecome nella prima foto, in questo caso aiutano a percepire la lucentezza e latrasparenza del bicchiere eccLe due foto sono state fatte a distanza di 5 minuti l'una dall'altra, ma cosa stato fatto per cambiarne cos drasticamente l'effetto finale?Semplicemente si montato un setadeguato.

    Anche quando si realizza un set ad hoc si "costruisce" l'immagine perch noinella realt di tutti i giorni non guardiamo un bicchiere di vino posto sotto unaluce diffusa da 2 metri di carta da lucido, non lo guardiamo posto davanti adun plexiglass retroilluminato e di certo non lo guardiamo appoggiato sopra adun altro bicchiere.La foto che ne risulta, nonostante sia stata effettuata inmaniera del tutto innaturale rispetto a come noi guarderemmo tale soggetto, cid la sensazione di essere vera, ci riconduce subito allo stereotipo di bicchieredi vino che ormai noi tutti abbiamo in mente vivendo in una societ molto piattenta ai particolari rispetto agli anni passati.

  • 8/13/2019 My Still My Life Web

    5/32

    8

    MYSTILLMYLIFE

    COPYRIGHT

    CarloNadalin2008

    Bisogna per fare attenzione durante questo processo di interpretazione/rico-struzione a far rimanere la nostra immagine finale comunque fedeleallarealt.

    Alcuni esempi di errori comuni:- Metalli lucidi che non vengono percepiti come tali- Oggetti in vetro che sembrano sabbiati invece di essere lucenti- Riflessi non coerenti con quelli che si vedrebbero nella realt- Ombre che vanno nella direzione opposta rispetto a dove dovrebbero andare- Ecc..

    Se uno di questi elementi presente nell'immagine finale allora il nostro lavororisulter "incompleto" perch nonostante la foto possa essere piacevole allavista questa conterr al suo interno degli errori.errori che ad un occhio esper-to salteranno subito all'occhio!

    La foto a fianco un esempio di quanto scritto poco faesteticamente unafoto d'effetto ma al suo interno c' un errore.

    Analizzando i riflessi sul bicchiere notiamo che ci sono due sfumature cheaccentuano la rotondit del calice: una sulla faccia esterna (destra) e una sullafaccia interna (sinistra).Per dare maggior grafismo e continuit nei riflessi stato ricostruito un prolun-gamento anche nella parte "piena" del calice di uno dei due riflessi e per man-tenere la gradevole sfumatura che si era venuta a creare sul vino tale prolunga-

    mento stato fatto sul riflesso di sinistra. Ecco l'errore!Abbiamo detto che il riflesso di sinistra sulla faccia interna del calice e quindinella realt non pu prolungarsi visibilmente sulla parte piena perch sarebbenascosto dal vino. Dopo una breve analisi, per mantenere anche la sfumaturasul vino ma allo stesso tempo per creare un'immagine priva di errori interpreta-tivi, si optato per