Mrkt non convenzionale

Click here to load reader

download Mrkt non convenzionale

of 28

  • date post

    05-Dec-2014
  • Category

    Documents

  • view

    462
  • download

    0

Embed Size (px)

description

insieme di strategie promozionali che sfruttano metodi di comunicazione "innovativi"

Transcript of Mrkt non convenzionale

  • Maurizio Zoppi

  • Epoca Post ModernaMaurizio Zoppi

  • Riscoperta del valore del legame sociale (trib postmoderne)

    Una trib, nel senso postmoderno (neo-trib), un insieme di individui con caratteristiche socio-demografiche molto diverse, ma collegati da una stessa soggettivit, passione, esperienza, e capaci di azioni collettive vissute intensamente bench effimere, il tutto in un modo fortemente ritualizzato.Maurizio ZoppiL'emo spesso associato ad un certo tipo di moda relativa all'abbigliamentoskate. Attualmente, sia i ragazzi che le ragazze usano spessojeansstretti ed aderenti, hanno una lungafrangiaasimmetrica in testa e gli occhi truccati di nero.

  • Maurizio ZoppiNel mercato moderno non sono i prodotti a competere, ma i messaggi. La marca un elemento sempre pi astratto, basato su valori sociali fortemente condivisi, identit culturali emergenti.Predominanza della dimensione simbolicaSi presentava cos al MoMA Design Store di New York loggetto che nel maggio del 2007 cattur lattenzione di un giovane imprenditore bresciano, Ale Fogazzi, creatore del brand Too Late.

  • Maurizio ZoppiAUTONOMOnon pi subordinato alla marca

    COMPETENTEha conoscenze sui prodotti e sa scegliere

    ESIGENTEchiede sempre di pi, qualit e servizio

    SELETTIVOcase bycase approach

    ORIENTATO IN SENSO OLISTICOnella scelta coinvolge tutte le dimensioni tangibili e intangibiliil nuovo consumatore

  • Maurizio ZoppiCon questo consumatore la marca non pu pi pensare di fare un monologo.

    necessario instaurare con il nuovo consumatore postmoderno un vero e proprio dialogotenendo ben presente che:

    una marca costituita dallinsieme dei discorsi tenuti su di essa dalla totalit dei soggetti (individuali e collettivi) coinvolti nella sua generazione"

  • Maurizio ZoppiLa saturazione dei consumatoriSecondo il rapporto Yankelovich2005:

    Il 60% dei consumatori ha unopinione molto pi negativa del marketing e della pubblicit rispetto a pochi anni fa;

    Il 61% ha la sensazione che la quantit di marketing e pubblicit sia ormai fuori controllo;

    Il 65% si sente continuamente bombardato da troppo marketing e troppa pubblicit.

  • Maurizio ZoppiI consumatori anti-marketing sono allenati alla resistenza dalla palestra offerta dal web partecipativo.

    Sono abituati a creare contenuti, a dialogare, a partecipare e non possono pi accettare che le aziende li considerino semplici ricettori e tentino di imporre il proprio messaggio senza ascoltare la loro opinione in merito al prodotto o alla marca.

  • Maurizio ZoppiI consumatori sono anti-marketer ma sono anche pro-marca, perch le marche sono fondamentali nella definizione della nostra vita.

    Quindi se una marca riesce a farsi scegliere consapevolmente dal consumatore, potrebbe divenire per questultimo quasi oggetto di culto.

    Piuttosto che inventare mille tipi diversi di marketing necessario quindi capire cosa desiderano i consumatori dal nuovo marketing.

  • Maurizio ZoppiVolendo lanciare una provocazione, si potrebbe dire cheil marketing non convenzionale non esiste, o meglio ancora una volta il marketing che tenta di riposizionarsi, in contemporanea con una societ ed un consumatore, come quelli descritti nella prima parte di questo lavoro, in rapido e continuo mutamento.

    Cambiano, quindi, i linguaggi da utilizzare per rivolgersi ad essi, ma esiste in realt un solo marketing: quello che funzionaCosa il Viral Marketing

  • Maurizio ZoppiIl Viral Marketing sfrutta i meccanismi di propagazione tipici dei virus, entit che si auto-perpetuano e si auto-propagano in maniera esponenziale, generando vere e proprie epidemie.

    Unoperazione di Viral Marketing:

    1) Identifica solamente le persone maggiormente interessate ad un particolare messaggio di marketing

    2) Veicola il messaggio in una maniera rilevante per loro, rendendolo enjoyable o valuable.

    3) Fornisce il messaggio in modo che le persone siano incoraggiate a condividerlo con gli altri.

  • Maurizio ZoppiIn una campagna di marketing non convenzionale la curva virale molto pi complessa di una semplice curva esponenziale.LA CURVA PRESENTA TRE AREE DI INTERESSE:

    la spinta iniziale del lancio: simile alla classica curva esponenziale, mostra limpulso iniziale che una campagna ottiene generalmente al lancio;

    laltipiano: la conversazione della comunit intorno alla campagna, sublog, forum, social network;

    la coda lunga: eredit di una campagna virale, generata dalla quantit enorme di referrers generalmente stimolati da un contenuto virale.Laspetto pi interessante della curva virale reale la coda lunga: essa mostra come le campagne virali continuino ad attrarre traffico e senso di interesse oltre il periodo virale iniziale del lancio. Questa la dimostrazione del valore continuo delle campagne di marketing virale.

  • Maurizio ZoppiAssistere ad un processo di propagazione virale una cosa, creare e gestire un progetto di marketing virale unaltra cosa. Per poter parlare a tutti gli effetti di marketing virale necessario l'intervento attivo di due soggetti: clienti e soprattutto azienda.

    Un processo di marketing virale viene messo in atto attraverso una serie di step successivi:

    Progettazione del viral DNA del prodotto/servizio/comunicazione;inserimento nei network sociali di riferimento (seeding);Tracking dei risultati conseguiti.

  • Maurizio ZoppiNon si pu realizzare un prodotto o uno spot e poi pensare di renderlo virale solo inserendolo su YouTube.

    La parola dordine nel marketing virale, cos come il suo obiettivo fondamentale , infatti, lengagementovvero il coinvolgimento forte degli utenti, ed il prezzo per lengagement realizzare buoni contenuti.

    Prima di immetterli sul mercato bene testarli per capire se funzionano e se hanno potenzialit viraliProgettazione del Viral DNA

  • Maurizio ZoppiPer seeding si intende impollinare il viral DNA del brand (video, concetti, informazioni) negli hub pi ricettivi e affini alla comunicazione, al fine di massimizzarne la diffusione virale.

    Le attivit di seeding possono essere utilizzate strategicamente e in sinergia con altre attivit per diffondere un video o qualunque altro contenuto virale, veicolare accessi ad un sito web, sensibilizzare sul lancio di un nuovo prodotto, generare buzz mediatico.

    La strategia alla base di questa attivit, si compone, a sua volta, di diversi step.Seeding dei contenuti

  • Il monitoraggio dei risultati consente di valutare lefficacia delle attivit di seeding e pi in generale dellintera strategia di marketing virale e controllare la percezione della marca in rete.

    Tutto questo attraverso la produzione e lanalisi di una serie di dati quali-quantitativi.

    Maurizio ZoppiTracking dei risultati

  • Maurizio Zoppi

  • Maurizio ZoppiFacebook uno strumento online che incentiva ed agevola la comunicazione orizzontale, la socializzazione, la conversazione tra persone.

    Facebook non Buono o Cattivo ma solo un Amplificatore di Atteggiamenti Naturali, un megafono nelle mani di tutti.Cosa realmente FaceBook?

  • Maurizio ZoppiPerch Facebook ha incredibile successo ?Soddisfa il Bisogno di Amicizia/Socializzazione: Facebook incentiva ed agevola la connessione tra la gente e ne abbrevia le distanzeSoddisfa il Bisogno di identificazione: Facebook incentiva e promuovere laggregazione in gruppi e reti sociali.Soddisfa il Bisogno di Condivisione/Autostima/Riconoscimento: Facebook incentiva e promuove la condivisione di stati danimo, emozioni, informazioni. La condivisione utile e fa crescere le reti sociali ed allo stesso tempo appaga i singoli individui.

  • Maurizio ZoppiCosa fanno gli amici al bar? Conversano!

    Qual loggetto di tali conversazioni?Informazioni Utili, cronaca, gossipFatti divertenti, esperienze, emozioni

    Prodotti e Servizi!

    Come funziona la comunicazione su Facebook ?

  • Maurizio Zoppi Cosa devono fare le aziende per promuoversi su facebook ? Ascoltare (reputazione, settore, bisogni )Conoscere ci che la gente ed i clienti pensano di noi ci aiuter ad operare nella maniera pi opportuna.

    Connettersi con i propri clienti acquisiti e potenzialiSe abbiamo la fortuna di possedere gi un database di clienti o di incontrarne ed intercettarne di nuovi ogni giorno la cosa pi intelligente che possiamo fare innescare un processo di connessione su facebook con i nostri clienti acquisiti.Creare Rapporti di fiducia (che generano passaparola!)Offrendo supporto, Coinvolgendo/Intrattenendo, Gestendo le critiche e trasformandole in opportunit

  • Maurizio ZoppiFeedback PositiviPagina Fan Es. BlogSicilia

  • Maurizio ZoppiFacebook Insights misura l'esposizione, le azioni e il comportamento degli utenti rispetto alle tue pubblicit sociali e alla tua Pagina Facebook. Riuscendo a comprendere meglio le attivit e le prestazioni, i fan e gli utenti che rispondono alle inserzioni, le tendenze e i confronti.Facebook Insights

  • Maurizio Zoppi

  • Twitter un servizio che consente di lasciare un messaggio non pi lungo di 140 caratteri tramite web, messenger o sms letto dalle persone che hanno scelto di seguire i tuoi aggiornamenti (twits).Maurizio ZoppiCosa Twitter ?

  • Maurizio ZoppiTwitter per le aziende rappresenta un nuovocanale di comunicazione differente da quelli tradizionali, sicuramente pi informale ma pur sempre un canale di comunicazione, cio unavoce ufficialedellazienda.ATAC lazienda romana di trasporto pubblico. Da tempo ha attivato un account su twitter (@atacmobile) gestito in maniera molto intelligente.

    Segnalazioni su linee deviate, guasti, traffico, viabilit e non solo