Maserati speciale cozza

of 12 /12
idee in linea 23 ottobre 2011 a cura della direzione stampa e pubbliche relazioni Edizione Speciale Anniversario Cozza60 n e le io 60 Cozza60 1951 ∙ 2011

Embed Size (px)

description

Una grande passione per la lettura e una semplice passione per la scrittura. Essere il Direttore Responsabile di un semplice house organ è motivo di orgoglio

Transcript of Maserati speciale cozza

  • 1. ideeinlinea23ottobre2011acuradelladirezionestampaepubblicherelazioniEdizioneSpecialeAnniversarioCozza60neleio60Cozza601 9 5 1 2 0 1 1

2. edizione speciale anniversario Cozza600Lo conosco da oltre 40 anni,ma solo negli ultimi cinqueoseihopotutoapprezzarloneltempo libero.Durante le gite lunghe delG.A.M.(3-4 giorni) ci scappasempre la serata tipica e le im-mancabili danze folcloristicheed qui che si vede il valoredel ballerino.ChesiaunvalzeraSalisburgoounamazurkaaPraga,Ermanno fra i primi a scendere in pista.Poichgliuomini,notoriamen-te, sono meno propensi al bal-lo,sitrovasubitocircondatodaleggiadre signorepronteafarsiportare sulle ali della musica.Buongustaio a tavola, pur de-cantandozamponeetortellini,nondisdegnaunaWienerSch-nitzel o un gulas con canederlima, certamente, quello chegli manca allestero, lacetobalsamico, il suo aceto bal-samico che da parecchi anniinvecchia in soffitta in pregiatibarili, dopo che il primo glifu regalato da noi colleghi dilavoro, in occasione del fintopensionamento.E un piacere stare a tavola conErmanno perch salta semprefuoriqualcheaneddotocuriosoche, spesso, ci riporta agli annidelle grandi corse ed epichesfide fra automobili e pilotileggendari.Nessunproblemasealtavolocisono degli stranieri. Ermannoparla un inglese che tutti ca-piscono; fatto di poche parolee di tanti gesti.Il difficile non capirlo, fer-marlo; ma nessuno ci provaperch le storie che raccontasonoquellechehavissutoechenoi riviviamo nei suoi racconti.Giorgio ManicardiOggi ci sono Case au-tomobilistiche chefesteggiano i 60 anni dallaloro prima vettura e li fe-steggiano in pompa ma-gna. E inusuale, e quindiassolutamente ecceziona-le, festeggiare un uomo,una persona che ha legatola sua vita per 5 lustri allastessa azienda. La cosaancora pi straordinaria che questa persona, ancoroggi, seppure solo al po-meriggio, fa il tragitto dacasa allufficio di Viale CiroMenotti per portare il suocontributo di conoscenze,di disponibilit, di assi-stenza ai clienti e anche aisoli appassionati. Quandomi trovo ad incontrare, ingiro per il mondo, pro-prietari di vecchie vettureprodotte dalla Maserati,immancabilmente vienefuori, prima o poi, il nomedi Cozza. Perch Cozzami ha dato ... Perch Coz-za mi ha consigliatoCredo che difficilmenteci sia una persona chesia cos strettamente eindissolubilmente lega-to ad un Marchio comelui: il binomio Maserati eCozza unico nellinteropanorama automobilisticomondiale.Ma, sono sicuro, che la suaforte e incrollabile motiva-zione viene da una speciedi eredit che ha ricevutoda tutti quanti, propriet,dirigenti, tecnici o sempli-ci operai, che nel corsodegli anni hanno dato ilcontributo alla causa dellaMaserati per proseguire laleggenda nata a Bologna,per raggiungere traguardisempre pi alti, pur tra altie bassi. Cozza la tradi-zione Maserati, nessunomeglio di lui rappresentalo spirito Maserati, quelconcentrato di dedizionealla Marca, di calma, disostanza, di educazione,di signorilit che ha reso laMaserati diversa da tantealtre Case costruttrici. Sedovessi scegliere un uni-co termine per definirlosceglierei, tra i tanti pos-sibili, integrit. Nessunomeglio di lui pu essereun miglior esempio per legiovani generazioni dellafamiglia Maserati.Adolfo OrsiLa vera ricchezza di una azienda sono lepersone che la compongono. Per MaseratiErmanno Cozza, che da 60 anni viene ogni giorno aprestare la propria opera con passione e competenza inviale Ciro Menotti, un patrimonio inestimabile. Ermannoracchiude in s una larga fetta della storia della Maserati. stato testimone di ogni singolo modello stradale maiprodotto. Ha sperimentato in prima persona ladrenalinache viene dalle corse a fianco di piloti leggendari qualiFangio e Moss. Nel corso degli anni ha preso diligente-mente nota di tutto e oggi il suo archivio uno scrignodi preziose informazioni sulla storia della nostra Casa. Lasua conoscenza pari alla sua modestia. Il suo spessoreumano pari al suo bagaglio di conoscenze. Nel mondodellautomobilismo tutti ce lo invidiano. Non mi pare cisiano altre Case che possono vantare un simile tesoro diesperienza, competenza, passione, lealt e amore per unmarchio. Oggi Ermanno festeggia 60 di Maserati, ma lasua festa anche la nostra festa, la festa della Maserati. questo il pi bel regalo che noi tutti gli possiamo fare.Harald WesterCEO Maserati 3. Ermanno Cozza, un nomeche nel mondo delle vettureClassiche significa Maserati!Ricordo bene il mio primo in-contro con Ermanno nel lontano2004, poich mi lasci letteral-mente stupito. Tutta la storiadella Maserati era di fronte ame, e la naturalezza con la qualeErmanno mi raccontava fatti edaneddoti addentrandosi fino neipiprecisidettaglieraveramenteaffascinanteAncheoggicheloincontrotuttiipomeriggi,Erman-nononfiniscemaidistupirmi.Lasua passione e vero amore peril Marchio continua a sgorgaredalle sue parole e dal suo vivointeresseafornirecostantementeaiutoaitantiClientisparsiintuttoil mondo. Storia, gare, vetture,datitecnici,ricordipersonalisonoperfettamente archiviati nellasua incredibile ed indelebile me-moriaedveramenteunpiacererestare in silenzio ad ascoltarlo.Ora Ermanno ha raggiunto unraro obiettivo: sessantanni dilavoro in Maserati che ha saputotrasformare in sessantanni dipura soddisfazione, guidati dauna dedizione e da una pro-fessionalit fuori dal normale.Ed proprio questo il segretodi Ermanno, abbandonarsi allasua passione in maniera incon-dizionata lasciando che il restoavvenga in maniera del tuttonaturale.Questoilsuosegreto,lavorare per passione!Grazie,Ermanno,eunabbraccioper altri sessantanni !George MauroLe premesse da parte miacerano tutte: appassiona-to di automobilismo sportivofin dalla tenera et -- ricordoancora negli anni 50 a Geno-va quando il babbo mi portavaa vedere lannuale gara dimonoposto sul lungomaredi Corso Italia -- venire nel2008nella terra dei motoriin Maserati stato il suggellodella mia vita nellautomobile.Nella mia ricerca continua dilibri e documentazione sullastoria della nostra Casa statonaturalefare ogni tanto unapausasalendo al 3 piano perparlare con il giovane tecnicoErmanno Cozza.Vederlo alle prese con richiestedi ogni tipo da ogni angolo delmondo sul restauro di vettureMaserati per meunespe-rienza unica.Moss, Fangio, Alfieri, Bertoc-chi 250 F, A6 GCS, Birdca-ge Monza, Nurburgring,Mille Miglia basta pronun-ciare un nome, una sigla peraprire delle finestre distoria diuomini e tecnica supportatada una documentazione me-ticolosa costruitacon amoree competenza in 60 di appar-tenenza Maserati.Grazie, Giovane Ermanno,per lesempio quotidiano checi dai.Volevo finire con una doman-da: possiamo darci del tu?Fausto NovelliErmanno Cozza: per me The Special One, perusare un paragone calcistico. la persona che appena ar-rivata in Maserati 12 anni fa(sembranotanti,masononullaa confronto dei suoi 60 tra-scorsi in Viale Ciro Menotti) miaccolseemiinsegntuttosullastoriadiMaserati,lapreziosissi-mavocenarrantediepisodichehanno fatto la storia dellauto-mobilismo e delle automobili.Quella di oggi una Masera-ti indubbiamente diversa daquella nella quale Ermannocominci a lavorare 60 annifa, ma sicuramente producevetture con la stessa anima epassione di sempre, le stesseche si leggono nei suoi occhiquando ogni giorno arrivain ufficio ad occupare la suaimmancabile sedia di legno.Grazie davvero di cuore perla sua pazienza, la sua calmae la sua passione: per meun onore e un privilegio avercondiviso ufficio e scrivaniacon lei.Silvia Pini 4. edizione speciale anniversario Cozza60Da neofita sono entrato afar parte del mondo delleauto del Lusso allinizio del1999 e dopo pochi mesi misono imbattuto in un gentilsignoredai capelli grigi. Loc-casione a dir il vero non puconsiderarsi tra le migliori vistoche mi sono trovato in unasala riunioni con rappresen-tanti delle forze dellordineche stavano cercando di averinformazioni a proposito di uncaso che coinvolgeva auto cheesterni volevano far passarecome Maserati originali (e nonlo erano) da questo energicoe distinto signore, il quale ri-spondeva sempre con assolutapadronanza di linguaggio co-lorando ogni frase di aneddotisingolari attinenti la storia dellasua vita. In effettied in realtErmanno Cozza rispondendoalle domande poste circa le autoprodotte dalla Maserati, stavanientaltro che raccontando lasua vita. Un uomo integro edonesto che ha speso unesisten-za per il lavoro e che servitodi esempio per tutti quelli chelo hanno conosciuto ed hannoavuto la fortuna di lavorare astretto contatto con lui.Paolo ScortichiniEravamo tutti davantialla Galleria Ferrari aMaranello. Forse un iniziocos, in casa del nemico,Ermanno non se lo aspetta.Non si possono dimentica-re i mille aneddoti di unarivalit sentita alla moda diuna volta, quei racconti cheti fan pensare che s, quisiamo proprio nella terradei motori se una passionetanto forte pu vivere inun uomo che diventatosimbolo stesso dellazien-da per cui lavora. Quellodel carretto di fieno, il miopreferitoTorniamo a Maranello, - 8maggio 2010. Eravamo l,una decina di noi, a fare iltifo e ad aspettare Ermannoche passa a bordo di Mase-rati nella Mille Miglia, contanto di casco, e il sorrisofelice di chi si sente proprioal suo posto. Passa Erman-no, copilota e navigatoredeccezione. E quasi sera,e noi, con lentusiasmo deiGran Premi, sventoliamobandiera e striscione Fate iltifo come forsennati, passaCozza con la MaseratiSilvia SaporettiIl mio primo incontrocon Ermanno Coz-za risale alla primaveradel 1985, poco dopo lacreazione del RegistroMaserati, svolgente sialattivit di club sia lacatalogazione e registra-zione delle vetture sto-riche esistenti. A quellacena presero parte, fra glialtri, Villoresi, de Filippise Mantovani, personaggidi cui avevo solo sentitoparlare o letto nei libri. Lasorte mi fece sedere pro-prio di fronte a Ermanno,che nello spazio di pocheore riusc a coinvolgereme, Maseratista in erba,in un meccanismo di cuiancora oggi porto feli-cemente i segniNel corso degli anni ab-biamo condiviso la ge-stione della CommissioneTecnica, con tutti i pro-blemi conseguenti, sem-pre risolti grazie alle suecompetenze, rettitudinee linearit. Da questopunto di vista per me sempre stato una guidae un esempio da seguire.Per quanto riguarda la-spetto ludico, ricordo lapartecipazione ai variraduni (in particolare il90 a Roma, durante ilquale abbiamo parlatoper centinaia di chilo-metri) e occasioni con-viviali dove gli episodie i commenti esilarantinon si contano, e nonho intenzione di riferirli,tanto noi due sappiamodi cosa si trattaE tale il rispetto che pro-vo, da non essere mairiuscito a dargli del tu.Grazie di tutto, Ermanno!Igor Zanisit tti d ti T i M ll 8 5. Per chi come me si occu-pa di competenze, diprofessionalit, ma anchedi passione,energia ed en-tusiasmo Ermanno Cozza un bellissimo esempio.Oggi pi che mai mi fa benesapere che ci sono personeche ne hanno viste tan-te, hanno attraversato fasidi cambiamento, di grandeslancio come di forte incer-tezza e, grazie alla loro ca-pacit di adattamento, sonorimaste ferme, solide e co-erenti nel tempo, esempiodi enorme professionalit esoprattutto di viva passione.In occasione di questo im-portante traguardo di 60anni di lavoro in Maserati,il sentimento pi forte cheprovo per Ermanno Cozza digrande riconoscenza , sia peril contributo tecnico e profes-sionale, sia per quello umano.Ci sono persone cha hannofatto la storia della Maseratie Ermanno Cozza senzadubbio una di queste, peraverla vissuta e per averla resadisponibile a tutti noi.Marco ArmilleiIn azienda tutti sanno chei fratelli Maserati, quasicento anni orsono, si sonolegati indissolubilmente almondo dellautomobile, esarebbe interessante perun ipotetico viaggiatore deltempo un Factory Tourin quella prima fabbrica diauto sportive.Quello che forse non tuttisanno che uno di noi sindagli anni 50, allora al fiancodi un certo J.M. Fangio, ilsuo viaggio su e gi per lastoria della Maserati lo fatutti i giorni.E per Maserati si batte comeun leone proprio quellEr-manno Cozza che lazien-da ha poi scelto come fierocustode della sua storia eche oggi al servizio degliappassionati delle Maseratidi tutti i tempi.Ammalia con i suoi raccontichiunque abbia loccasio-ne di ascoltarlo, compresi ipossessori Maserati attualie i giornalisti specializzati,che lo ascoltano quasi comefossero i suoi nipotini.E come un nipote ha edu-cato a pane e MaseratiquellAdolfo Orsi che rap-presenta oggi unautoritnel collezionismo storico eil cui nonno aveva credutofortemente nellazienda deiMaserati.Ci auguriamo che Ermannovorr continuare il pi a lun-go possibile a far conosce-re questa storia a tutti noi,magari insegnandoci anchea diffonderla e a difenderla.Maurizio Brunopn azienda tutti sanno che tutti i giorni E come un nipote ha eduu-p-eoeion-e-i,ea.ou 6. edizione speciale anniversario Cozza60Caro Ermanno Cozza. fe-steggiare un amico comete, per farti ricordare i tuoiprimi sessanta anni di lavoroin Maserati, non per nientefacile. Ti ho conosciuto ilmese di novembre del 1980.Pensa sono passati pi ditrentanni. In quel momentoho avuto due grandi fortune.La prima di conoscere unuomo fantastico, leale che miha dimostrato tutto il suo at-taccamento alla Maserati; laseconda di acquistare la miaMaserati A6GCS Scaglietti,che ha contribuito ad incre-mentare la tua conoscenza.Da quel momento sei riuscitoa trasmettermi tante storiesullazienda e tanti aneddotida farmi avvicinare in modofantastico a questo Marchioprestigioso in tutto il mondo.Poi siamo divenuti grandiamici, quasi inseparabili, co-municando telefonicamentequasi tutte le settimane, pri-ma per il grande aiuto chemi hai fornito per il restaurodella mia vettura, poi per lagrande passione di entram-bi per il Tridente. Cos hocominciato a fare qualchemonografia sulle MaseratiSport, poi mi hai convinto afarne delle altre, fino a cheun giorno lusingato dallagrande stima e amicizia chenutro per te, ti ho fatto unapromessa: far per te tuttele monografie sulle Masera-ti Sport biposto, partendodalla storia della famiglia einiziando dalla Tipo 26 finoalla Tipo 65. E tu sai che nonmancano molti modelli perterminare il tutto.Ora posso solo ringraziar-ti per tutto laiuto che mihai dato e per come mi haisempre spronato in questadifficile, affascinante maistruttiva avventura.Ti abbraccio fortementeDanilo CalmonteIl successo di un marchiocome Maserati si fondaanche sulla sua grandetradizione, fatta di storia,tecnica e uomini con il con-dimento, unico, del Tri-dente e della modenesit.Ermanno Cozza riunisce tut-to questo. Dalle prime retti-fiche degli anni Cinquanta,al link con la squadra corse,dai collaudi ai saloni, daglistudi di mercato alla odiernacultura del Marchio, conqualche scappata alla MilleMiglia Storica a ulterioretestimonianza!S, Ermanno rappresentalheritage Maserati! E perun cultore di storia comeme davvero un privile-gio interfacciarmi con luiche conosce tutto e tutti, iFratelli Maserati, Adolfo eOmer Orsi, Fangio, Colotti,i Bertocchi, Borsari, Frua,Alfieri i motori, i telai, icambi, di cui custodisce conla massima cura ogni testi-monianza! unesperienzaumana e professionale stra-ordinariaBuon compleanno in Mase-rati, Ermanno!Franco CarmignaniDa quel momento sei riuscito un giorno lusingato dalla Danilo Calmonte 7. Tenace, passionale, co-erente, onesto, sempredisponibile ed incredibilmen-te modesto perch, cometiene a puntualizzare, non ne dottore ne ingegne-re, ma solamente un peritomeccanico.Quando nel 1951 ha varcato icancelli di Viale Ciro MenottiErmanno Cozza era appenaun ragazzo, ignaro che daquel giorno di 60 anni fa lasua vita si sarebbe indisso-lubilmente legata al Tridentedel Nettuno nato dallestrocreativo di Mario Maserati edancora oggi simbolo inimita-bile delle nostre automobili.La storia di Maserati si avvi-cina al secolo; una storiafatta di grandi miti, di cor-se avvincenti, di automobilileggendarie, ma anche e so-prattutto di uomini e del lororicco bagaglio di ingegno,ambizioni, speranze e sogni.Ermanno ce lo ricorda ognigiorno perch tutto questovive in lui, nei suoi raccontie nellentusiasmo che nonviene mai meno.Ermanno non solamenteun meccanico, lanima diMaserati, la nostra storiaesemplare.Grazie, Ermanno, con stimaed infinito affetto.Claudia CasariniBuongiorno, signora!Mi fa strano sentirmiappellarecosnormalmente,perlastrada,figuriamociinazienda!Ma cos che mi saluta ancoraErmannoquandociincrociamoper i corridoi del terzo pianodella torre.Lui, classe 1933, daltronde cos: un uomo daltri tempi.Quando ancora lavoravamofiancoafiancoallUfficioStam-paunpaiodannifa,miricordochemistupivodisentirepronun-ciarecondisinvoltura,inmezzoallealtre,parolecomeinfingar-doosicumera.Vederlotraf-ficare,conpigliomanagerialeeimpeto da vero leader, con fax,lettereprovenientidaoltreoce-ano e vecchi disegni tracciatia china. E ricordo ancora unpomeriggio intero a cercarloovunque, preoccupati per lasuainsolitaassenzadallufficio,arrivando persino a contattarepolizia e ospedali, solo percherarimastounodegliirriducibilianonvolerpossedereuncellu-lare (per la cronaca: era a casadelDott.Orsiperunaintervistaeciavevapuntualmenteavvertiti,era stata la nostra memoria afare cilecca!)Senonavessiconosciutoperso-nalmenteErmanno,nonriuscireinemmeno a immaginarlo untraguardo del genere. Ma poipenso a questuomo davveroeccezionale: una persona cheriesce a mettere la stessa pas-sioneelostessoentusiasmosiache si tratti di gestire la quoti-dianit delle richieste di codicieinformazionisumodellistoricio di recuperare vecchie schedetecnichecatalogateinmanieracertosina nel leggendario ar-chivio cartaceo (che solo pochifortunatihannopotutovedere,muniti - cos si narra - di unavecchia mappa per ritrovareil punto esatto del tesoro), siache si tratti di salire a bordo diuna Barchetta Maserati del 56perparteciparecomecopilotaaunavventurosagaradellaMilleMiglia in jeans e cappellino.Ilaria CicottiParlare di Ermanno CozzasignificaparlaredellaMase-rati.Elamemoriastoricadella-zienda, incarna il Tridente, e dasessantannirappresentaunpun-todiriferimentoperimaseratisti.Allepoca per i piloti, i tecnici, iclienti, e per le varie proprietche si sono succedute; ora peri possessori di vetture storiche.Unafiguramiticaperinumerosicollezionisti di tutto il mondoche hanno trovato in lui lunicapersonaingradodiforniretutteleinformazionisullelorovetture:comerestaurarle,dovetrovareipezzi mancanti, e informazionisui colori originari dei modelli esui passaggi di propriet.Assunto nel51 a diciotto annicome apprendista, ha via via ri-copertobrillantementepiruoli,passando dal reparto corse aquelloesperienze,finoallapub-bliche relazioni e alla gestionedeirapporticoniclientivip.Poi,una volta andato in pensione, rimasto in Viale Ciro Menotti322comecuratoredellarchiviostorico.Unafigurachiave,impor-tantissima,chehaimpeditochevenisse disperso un partimoniostorico fatto di vetture, ricambi,documenti,trofei,duranteanniturbolenticoncontinuicambidipropriet.Un collega prezioso, che hoconosciuto nel 2000 quandolaziendaeradarilanciare,echesemprestatoforierodiconsigliutiliespuntiinteressantipertene-re desto linteresse sul Marchio.Fossimo in Giappone sarebbegi presidente onorario, in Ger-mania gli dedicherebbero unaserie speciale di una vettura.Noi dovremmo almeno fargliuna statua di cera, da metterealMuseoPanini!Grazie,SignorCozza, per avermi trasmessolamoreperilMarchiodeifratelliMaserati.Andrea Cittadiniarlare di Ermanno Cozza sui passaggi di propriet Un collega prezioso che hoooelie-o.er-aa.lieorolinio 8. edizione speciale anniversario Cozza60Arthur Schopenhauer af-fermava: Vista dai gio-vani la vita un avvenire infi-nitamente lungo. Vista daglianziani, un passato molto bre-ve. Chi ha avuto la fortuna,come me, di conoscere pro-fondamente Ermanno Cozzaha potuto vivere intimamentela storia della Maserati anchesolo in pochi minuti. Ermannoti lascia semplicemente senzaparole quando incomincia araccontare.Fatti, curiosit, persone e ca-ratteri ma anche dati tecnici,metodi di riparazione e dati diproduzione vengono descrittida Ermanno in una manieracos naturale che sembraquasi sia facile farlo. In realtti rendi presto conto che tuttoci qualcosa di veramenteincredibile perch Ermannonon usa il computer o qual-che gingillo elettronico perricercare la risposta da darti.Semplicemente ricorda e, senecessario, verifica muoven-dosi agilmente fra centina-ia di migliaia di documentistorici. La memoria storicadella Maserati lui ! Passione,dedizione, cura del dettaglio,insommavogliadifarebenesempre nellintento di dare alTridente qualche cosa in pi,ecco cosa ha caratterizzato lavita di Ermanno in Maserati.Ed oggi, dopo sessanta anniin azienda, Ermanno ancorapi innamorato di prima diquelMarchioleggendarioche,come spesso afferma, gli hadato tanto. Insomma, unaleggenda nella leggenda.Fabio CollinaAnome di tutti gli amicidel Nord America vogliocongratularmi con Ermannoper il suo sessantesimo an-niversario in Maserati. Neidecenni ha custodito lereditdella Casa del Tridente diven-tando lui stesso sinonimo diMaserati.La sua presenza negli StatiUniti nel 2009, in occasionedella manifestazione Le BelleMacchine dItalia, stata pernoi un vero onore, dimostra-to dallunanime sentimentoprovato nei suoi confrontiquando, nonostante le pessi-me condizioni atmosferiche,i proprietari di alcune fra lepi rare e pregiate Maseratidepoca mai costruite hannodeciso di schierarle allapertosolo perch potesse visionarleErmanno.La dedizione di questi sessantanni trascorsi nellintento dipreservare la storia di Mase-rati sono stati immensamenteapprezzati dai maseratistidi tutto il mondo. Tu, Erman-no, sei veramente laltro fra-tello Maserati.Joe CorbacioHoconosciutoErmannone-glianniCinquanta,quan-doeranellasquadrameccanicidelrepartocorsedellaMaserati.EranoitempidiFangio,diMoss,di Marimon. Quei meccanici sifacevano in quattro per poterdare le macchine ai tanti piloti,ufficialioprivati,checorrevanoconilTridentesulcofano.Eloro,i meccanici, erano lossaturaportante che collegavano leideedeiprogettisticonladuraecrudarealtdellapista.Erman-no era uno di loro. Durante lalunga stagione delle corse pra-ticamente non avevano orari,fine settimana compresi. Maavevanounapassione,unsensodi appartenenza alla Casa Ma-serati e una volont di esserei primi impareggiabile. Oggi,arrivato al sessantesimo annodi permanenza in Maserati,Ermanno un conglomeratounico di sapere, conoscenza,ricordi, memorie e passione.NondimentichermaiErmannorecitare aneddoti e raccontaredi un passato a volte lontanodavanti a un pubblico inter-nazionale. Per me Ermanno lanima tecnico-storica delRegistro Maserati, il consulen-te per la storia della fabbricaMaserati, la memoria viventedelle automobili del Tridente.Maria Teresa de Filippiseedeiprogettisticonladurae unico di sapere, conoscenza, ppoconosciutoErmannone crudarealtdellapista Erman ricordi memorie e passionedodeEradifadaufcoi mpoidede 9. In qualit di consiglieredel Maserati Club possodire di avere conosciutomeglio Ermanno durantela realizzazione del filmStoria della Maserati.Immediatamente mi sonoreso conto della sua ster-minata preparazione su ciche la sua pi grandepassione ancor prima cheil suo lavoro. Egli stesso miha raccontato di momentiin cui la Maserati sembravauna grande famiglia fattadi piloti, operai, proprietari,tecnici e dove stare insiemeera una gioia naturale.Quando parlava del suolavoro ne parlava con unamore sincero, senza mae senza se, con il tra-sporto e lorgoglioche soloun padre pu avere per isuoi figli,perch tutte lemacchine, mi ha raccon-tato, anche quelle venutemeno bene o che non hannoraccolto il favore del pubbli-co sono sempre figlie dellaMaserati ... e un figlio nonsi rinnega mai!.Non so dire se sia cresciutapi la Maserati conErman-nooErmannocon la Ma-serati. Rimane il fatto cheportano dentro entrambiluno parte dellaltro; Er-manno della Maserati: laclasse, lo stile, la tecnica, ilrispetto del passato;la Maserati diErmanno: lamemoria, lesperienza, ladedizione e, non ultimo, ilprezioso e immenso archiviostorico.Dino DiniErmanno Cozza unapersona speciale: unicae straordinaria come lem-blema del Tridente che gli tanto caro, e i numerosifan di Maserati in Americahanno avuto lopportunit diverificarlo di persona. Risalea qualche anno fa infatti ilmemorabile viaggio di Er-manno negli Stati Uniti perprendere parte al prestigiosoConcorso dEleganza Lebelle macchine dItalia chenel 2009 venne organizzatosulle colline della Pennsylva-nia orientale.Il primo giorno levento de-butt con il cielo coperto dauna pesante coltre di nebbiae pioggia, ma gli organiz-zatori, ottimisti, e i parte-cipanti, armati di coraggio,schierarono con ordine i lorogioielli a quattro ruote. Lapresenza di Ermanno rappre-sentava per tutti una stra-ordinaria opportunit persottoporre alla sua attenzio-ne le vetture e poter forsescambiare qualche parolacon un uomo che fa partedella storia Maserati tantoquanto le vetture stesse.Il maltempo aveva costrettogli organizzatori a nascon-dere le automobili sottograndi teli di plastica e nelparterre si mormorava chein simili condizioni il sig.Cozza non sarebbe certostato disposto ad esami-narle. Mentre si dibattevacercando una soluzione,ecco che una figura esileavvolta da un impermeabilegiallo e taccuino alla manosi muoveva con disinvolturatra le vetture, annotandonumeri di telaio e studiandocon attenzione le condizionidi ognuna. Il Signor Cozzaera gi al lavoro. Il tempo dicapire che era lui e un attimodopo unorda di ombrelliaperti si affrettava nella suadirezione.Il tempo insolitamente pio-voso per la zona - che nonavrebbe certamente stonatosu circuiti cari a Erman-no come il Nrburgring oSpa ci accompagn tut-ta la giornata. Le vetture,guidate in simili condizioniatmosferiche da piloti co-raggiosi, fecero rombare imotori in segno di saluto;qua un esemplare di V4,l una 250F, e ancora una200, una 300 e una 450Sdi fianco ad A6 da stradae da pista.Ermanno Cozza, non certoincline a venir meno ai dove-ri nei confronti del Marchio,camminava imperterrito fragli amici di sempre, personeed automobili, condividendocon piacere gli aneddoti diuna vita. Fu unoccasionedi cui coloro che ebberola fortuna di parteciparviparlano ancora oggi. Quelgiorno, lo spirito di Modenaaveva pervaso le montagnedella Pennsylvania nelle sem-bianze di Ermanno Cozza.Jeff Ehoodin 10. edizione speciale anniversario Cozza60Ermanno Cozza: la pas-sione, labnegazione, laprecisione, lattaccamento,la dedizione assoluta, la sto-ria, il punto di riferimento,la Maserati! ErmannoCozza tutto questo eanche molto di pi. Per ilsottoscritto stata la primapersona conosciuta della-zienda, il primo che mi haveramente introdotto nelmagico mondo Maserati,il primo che mi ha saputotrasferire il vero amore peril glorioso Marchio del Tri-dente. Ma soprattutto coluiche mi ha fatto subito capirelessenza ed il vero spiritoMaserati: lamore per le autosportive ed i motori, la pas-sione, lorgoglio e il grandesenso dappartenenza, masoprattutto il rispetto, lacorrettezza, lo stile e lele-ganza, come in una grandefamiglia, la grande famigliaMaserati.Ricordo nitidamente quandoErmanno mi condusse per laprima volta in visita agli sta-bilimenti di via Ciro Menottia Modena: lemozione, masoprattutto la sensazionedi solidit, sicurezza efiducia, mi pervasero pia-cevolmente. La Maserati miapparve immediatamenteper quellazienda seria edimpegnata che la storia ciracconta; ed Ermanno diven-ne subito, per il sottoscritto,il vero punto di riferimento,la conoscenza, lesperienza,la storia.Negli anni la passione perla Maserati crebbe, coscome pure lamicizia dicui Ermanno mi onora. Perqualsiasi cosa Ermanno sempre stato al mio fianco:disponibile, amichevole, pre-sente, preciso, puntuale masoprattutto appassionato,sincero e leale.Fabrizio FerrariEra il 2006 quando iniziaila mia avventura in Ma-serati. Il mio posto di lavoro sitrovava al terzo piano dellaTorre. Tutto nuovo nellufficiostampa, a cominciare dai col-leghi e tra questi, nella stessaarea lavorava anche ErmannoCozza. Chiamarlo collega eraed un azzardo: troppi glianni di esperienza per unodei testimoni della storia dellaCasa del Tridente.E sempre stato affascinan-te ascoltare i suoi racconti diauto, di corse leggendarie, dirichieste di clienti e di personeincontrate in tanti anni di car-riera. Il signor Cozza celebreri 60 anni di lavoro in Maserati,unazienda che ha cambiatopropriet tante volte (a tal pro-positocustodiscogelosamenteuna fotocopia di un documen-to stilato dalla sua mano conindicati i vari cambi al vertice),maErmannosemprerimasto.Non esiste telaio o pezzo chenon conosca, non abbia vistoo non abbia prodotto.Ho avuto il piacere di accom-pagnarlo varie volte al museoPanini, dove resiste la storiadi Maserati, per incontraregiornalisti, stranieri ed italiani,appassionati di motori, e hovisto tutti pendere dalle suelabbra. Ma il Signor Cozza,oltre ad essere testimone dellastoria del Tridente anche unmodenese, con il quale misono confrontato in terminidialettali in un campanilismotutto emiliano. Grazie a lui hoscoperto vocaboli nuovi (invernacolo),acominciaredallo-ramai celebre Rebecca, cheritrovo ogni qual volta varco laporta dellufficio stampa Filippo GhialambertiPSLaRebeccaindialettomode-nese il cardigan. La DirezioneStampa e PR di Maserati, perrendere omaggio a Ermanno,ha ribattezzato La Rebeccala macchina del caff delluffi-cio stampa.Ermanno Cozza comeun pittore capace di darecolore a fotografie in biancoe nero. Il passato pu esserevisto come qualcosa di stan-tio, di noioso. Nelle parole diCozza, invece, diventa con-temporaneo, avvincente, af-fascinante. A colori, appunto.Diventa una risorsa a cui attin-gere, un riferimento da nondimenticare.Perchpochi,comelui, hanno la capacit di ripor-tare in vita gli episodi ed i loroprotagonisti con la sola forzadelle parole. E, in una societdominata dalle immagini, raro oltre che piacevole abbandonarsi allefficacia delracconto, lasciando alloratorela capacit di evocare situa-zioni lontane, ma che diven-tano immediatamente vicine,nella memoria e nel tempo.Daquestopuntodivista,pochepersone hanno il dono di dareformaairicordietrasformarliinemozioni vere come ErmannoCozza. Perch in grado diraccontare,condoviziadiparti-colari,aneddotiestoriedivitaelavoroquotidiani,frammentidiuna Maserati che oggi moltodiversarispettoaquelladellon-tano23ottobre1951,quandoalle sette e mezzo si presentdavantiaicancellidellaMaseratiperilsuoprimogiornodilavoro.E da quella data che Cozza diventato lanima di Maserati,testimone unico e prezioso diun modo di vivere il lavoro,lazienda, i colleghi e la propriapassione per il marchio. Unapassione che non conosce so-sta, da 60 anni. Una passioneche, almeno personalmente,ho avuto il piacere e lonore dipercepirenellascoltodipaginedi storia Maserati.Luca Giraldio non abbia prodotto. cio stampa.rmanno Cozza come formaairicordietrasformarliin 11. Parlare di Ermanno Cozzavuoldireparlaredellastoriadella Maserati degli ultimi 60anni. S, 60 anni quanti sonoquelli che Ermanno ha passatoinvialeCiroMenotti.Credoche60 anni in una stessa aziendasia un traguardo pi unico cheraro.Csolounespressione,intedesco,chepurenderelideadicosasiaveramenteErmanno.Lespressione : die Seele vonMaseratiche,tradotta,suonapi o meno come: il cuore elanima della Maserati- ma intedescovuoledireancoradipi.Ermanno,auguriecomplimentiper 60 anni meravigliosi e, daparte di Maria Teresa e mia, ipiviviringraziamentipertuttoquello che abbiamo avuto lafortuna di ricevere da te in tuttiquestilunghiannisenzamaipo-teradeguatamentericambiare.Theo HushekDottore, procediamo, cisonoancoradiversevet-turedaverificare.Eluglio,enemmeno il verde dei campi dagolfriesceastemperarelacaluradi mezzogiorno. Ma ErmannoCozza, quando c di mezzo laMaserati,pressochinfaticabi-le.Lascenasiripeteadicembre:tutti al caldo nel ristorante elui invece fuori al gelo, chinatonei vani motore. A tratti nonmi sembra vero di essere l adaccompagnarloduranteleverifi-che,diavereconluiunrapportodi conoscenza amichevole, perquanto recente. Perch fin daquando, adolescente, mi sonoappassionato di Maserati, nelmio immaginario Ermanno hapersonificato pi di chiunquealtro la storia del marchio, dive-nendo un vero mito per me.Cambiavanoproprietegestioni,marimanevaluiarappresentarela continuit, a rispondere alletelefonatedegliappassionati,aiquesitisulleMaseratistoriche;lesue foto apparivano sulle rivistedaModenaaPebbleBeach,elasuafirmaincalceagliarticolicheparlavanodelpassato.ChiunquenelmondoabbiapossedutounaMaserati storica, non pu nonconoscerlo o non aver avutobisogno, almeno una volta, diunsuoconsiglio.Quasisuperfluoelencarelesuedotididisponibi-lit e generosit, e quella signo-rilit daltri tempi nei modi, chesi avverte gi nelle poche righediunfax.Eilsuoattaccamentoallazienda, per, ad avermi picolpito. Un senso di apparte-nenzaedidentitcosforte,checredo dovrebbero portarlo adesempioneicorsidiformazione.Limmagine di Maserati sopra atutto,sopraognisituazionecon-tingente o interesse personale:Nonscordatemai,voidelClub,che portate in giro il nome Ma-seratinonsareipitenutoafarlo,malofarsoloperilbuonnome della Maserati; la difesadituttocichestatoMaserati,aldildeigiudizinelmerito:LeBiturbo? Erano il massimo chepotevamo fare in quegli anni,ed una mamma non deve maidisconoscereiproprifigli;senzacontare il riaffiorare di mai sopi-te rivalit: Non dobbiamo perforzaimitarelaFerrari,noisiamola Maserati, abbiamo 90 annidi storia alle spalle!. Personadi rara schiettezza, Ermanno una fonte davvero inesauribiledi suggestivi aneddoti, che at-traversano i suio sessantanniin Maserati, tra corse epiche eclientifamosi,raccontatisemprecon orgoglio e con quellemo-zione che viene dalla consape-volezza di aver fatto parte nondi unazienda qualsiasi, ma diuna vera e propria Leggendadel motorismo mondiale.Claudio IvaldiMaseratiche,tradotta,suona Theo Hushekutto,sopraognisituazionecon- la Maserati, abbiamo 90 anndaqi6srtdLMtt di i t t P h fi d l d bbi d t tdi conoscenza amichevole, per parlavanodelpassato.Chiunque Limmagine di Maserati sopra a forzaimitarelaFerrari,noisiamo Claudio Ivaldi 12. Speciale - 23 Ottobre 2011Direttore responsabile: Massimo ZilioliEdizione speciale a cura di: Claudia CasariniFoto a cura di: Archivio MaseratiDirezione, redazione e amministrazione:Maserati s.p.a.V.le Ciro Menotti, 322 - 41121 ModenaHanno contribuito:Marco ArmilleiMaurizio BrunoDanilo CalmonteFranco CarmignaniClaudia CasariniIlaria CicottiAndrea CittadiniFabio CollinaJoe CorbacioMariaTeresa de FilippisDino DiniJeff EhoodinFabrizio FerrariFilippo GhialambertiLuca GiraldiTeo HushekClaudio IvaldiGiorgio ManicardiGeorge MauroFausto NovelliAdolfo OrsiSilvia PiniPaolo ScortichiniSilvia SaporettiIgor ZanisiideeinlineaProgetto grafico e impaginazione:Cristiano BertacchiniStampa:OFG Graphics - Carpi (MO)Registrazione N.1750 del 1 luglio 2005presso il Tribunale di Modena...Noi siamo la Maserati...