LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO- LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA A cura di Dott

download LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO- LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA A cura di Dott

of 64

  • date post

    22-Apr-2020
  • Category

    Documents

  • view

    2
  • download

    3

Embed Size (px)

Transcript of LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO- LEZIONE DI PIANIFICAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA A cura di Dott

  • LEZIONE DI

    PIANIFICAZIONE

    ECONOMICO-FINANZIARIA

    A cura di Dott. Comm. Davide Zappoli – Dott. Comm. Sara Casali – Studio Nanni

    1

    Ferrara, 28 ottobre 2014

  • GLI OBIETTIVI DELLA LEZIONE

    � Redazione del Business Plan attraverso la pianificazione di Ricavi e Costi ipotetici

    � Chiari

    � Precisi

    � Compatibili con l’indagine di mercato

    2

  • GLI OBIETTIVI DELLA LEZIONE

    � Approccio teorico alle tematiche economiche, patrimoniali e finanziarie per redigere:

    1. PIANIFICAZIONE FINANZIARIA

    2. CONTO ECONOMICO

    3. STATO PATRIMONIALE

    � Esempio pratico

    3

  • ARGOMENTI

    PIANIFICAZIONE FINANZIARIA

    CONTO ECONOMICO

    STATO PATRIMONIALE

    4

  • PIANIFICAZIONE FINANZIARIA

    � Obiettivi della Pianificazione Finanziaria

    � Elementi del documento:

    + Entrate

    – Uscite

    = Risultato trimestrale

    = Risultato progressivo

    5

  • PIANIFICAZIONE FINANZIARIA: LE ENTRATE

    � Esempi di Entrate Finanziarie:

    a) Ricavi di Vendita / Prestazione di servizi

    b) Interessi attivi bancari

    c) Finanziamento a medio / lungo termine

    d) Capitale Sociale

    e) Finanziamento Bancario

    Suddivisione temporale: Trimestrale

    6

  • PIANIFICAZIONE FINANZIARIA: LE ENTRATE

    Anno 2015 Gen-Mar Apr-Giu Lug-Sett Ott-Dic Totale

    Ricavi di Vendita

    Interessi Attivi

    Finanziamento m/l

    Capitale Sociale

    Fin. Bancario

    TOTALE ENTRATE

    7

  • PIANIFICAZIONE FINANZIARIA: LE USCITE

    � Costi sostenuti “una tantum”

    � Costi ricorrenti di gestione � Costi inerenti l’attività

    � Costi per la remunerazione di altri soggetti

    � IVA a debito

    Suddivisione temporale: Trimestrale

    8

  • USCITE FINANZIARIE “UNA TANTUM”

    � Esempi di Uscite Finanziarie sostenute “una tantum”:

    a) Spese di Costituzione

    b) Acquisto macchine elettroniche

    c) Acquisto Mobili e arredi

    d) Altri costi non di ordinaria gestione

    Sono spese sostenute per avviare l’attività

    9

  • USCITE FINANZIARIE RICORRENTI

    � Esempi di Uscite Finanziarie ricorrenti: a) Utenze acqua, luce, telefono, gas

    b) Spese promozionali/pubblicitarie

    c) Spese viaggi, ristoranti, alberghi

    d) Consulenza amministrativa e del lavoro

    e) Spese affitto locali

    f) Carburante e altre spese auto

    g) Canoni assistenza tecnica e manutenzioni

    h) Diritto annuale Camera di Commercio

    i) Tassa di Concessione Governativa

    10

  • USCITE FINANZIARIE RICORRENTI

    j) Costo del personale

    � N.B. Organigramma previsionale

    k) Compensi organo Amministrativo

    l) Spese bancarie

    m) Interessi passivi bancari

    n) Interessi passivi su mutui

    11

  • IVA A DEBITO: COME FUNZIONA?

    � Calcolo dell’IVA a debito

    � Fatture di Vendita IVA A DEBITO

    � Fatture di Acquisto IVA A CREDITO

    IVA DA VERSARE

    12

    N.B. L’IVA relativa al trimestre va versata il 16° giorno del secondo mese successivo al

    trimestre.

  • PIANIFICAZIONE FINANZIARIA: LE USCITE

    Anno 2015 Gen-Mar Apr-Giu Lug-Sett Ott-Dic Totale

    Uscite finanziarie

    “una tantum”

    Uscite fin. ricorrenti

    (costi dell’attività)

    Uscite fin. ricorrenti

    (remun. di terzi)

    IVA a debito

    TOTALE USCITE

    13

  • PIANIFICAZIONE FINANZIARIA: STRUTTURA

    Anno 2015 Gen-Mar Apr-Giu Lug-Sett Ott-Dic Totale

    + TOTALE ENTRATE

    – TOTALE USCITE

    = RISULTATO

    TRIMESTRALE

    = RISULTATO TOT.

    PROGRESSIVO

    14

  • IL CONTO ECONOMICO

    � Composizione del Conto economico:

    � Ricavi d’esercizio

    � Costi d’esercizio

    � La “Competenza” di ricavi e costi d’esercizio

    � Ricavi e Costi Straordinari

    � Le Giacenze di Magazzino

    15

  • IL CONTO ECONOMICO

    Costi Fissi e Costi Variabili

    I costi sostenuti “una tantum” sono spesso capitalizzati

    “Ammortamento” dei beni materiali e immateriali

    Imposte dirette d’esercizio:

    • IRES

    • IRAP

    • Manifestazione finanziaria di IRES e IRAP : acconti e saldo

    16

  • NORME DEL CODICE CIVILE

    Alcune norme del Codice Civile riguardo il Conto Economico:

    Art. 2423-bis: n. 1 La valutazione delle voci deve essere fatta secondo prudenza e nella prospettiva

    della continuazione dell’attività […]

    n. 2 Si possono indicare esclusivamente gli utili realizzati alla data di chiusura dell’esercizio;

    n. 3 Si deve tener conto dei proventi e degli oneri di competenza dell’esercizio indipendentemente dalla data dell’incasso o del pagamento. […]

    17

  • DALLA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA AL CONTO ECONOMICO

    PIANIFICAZIONE

    FINANZIARIA

    CONTO

    ECONOMICO

    Ricavi + IVA Ricavi senza IVA

    Costi + IVA Costi senza IVA

    Finanziamenti e Capitale Sociale -------

    IVA a Debito -------

    Spese bancarie e Oneri Fin. Spese bancarie e Oneri Fin.

    Acquisto Immobilizzazioni Ammortamenti

    Pianificazione Fin. Anno 2016 Imposte IRES e IRAP

    Risultato Progressivo Risultato d’Esercizio

    18

  • CONTO ECONOMICO: RICAVI

    � Esempi di ricavi d’esercizio:

    a) Ricavi di vendita / prestazioni di servizi

    b) Altri ricavi

    c) Interessi attivi bancari

    d) Proventi straordinari

    e) Magazzino

    19

  • CONTO ECONOMICO: COSTI

    � Esempi di costi d’esercizio: a) Utenze acqua, luce, gas, telefono

    b) Spese viaggi

    c) Consulenze

    d) Spese carburante e altre spese auto

    e) Diritto annuale camera di commercio

    f) Canoni assistenza tecnica e manutenzione

    g) Tassa di concessione governativa

    h) Costo del personale

    20

  • CONTO ECONOMICO: COSTI

    i) Compensi Organo Amministrativo

    j) Costi Indeducibili

    k) Ammortamenti imm. immateriali

    l) Ammortamenti imm. materiali

    m) Spese bancarie

    n) Interessi passivi bancari

    o) Interessi passivi su mutui

    p) IRES d’esercizio

    q) IRAP d’esercizio

    21

  • CONTO ECONOMICO: STRUTTURA DEI RICAVI

    Ricavi d’esercizio anno 2015

    Ricavi di vendita /prestaz. serv.

    Altri ricavi

    Interessi Attivi Bancari

    Proventi straordinari

    Magazzino

    TOTALE RICAVI

    22

  • CONTO ECONOMICO: STRUTTURA DEI COSTI

    Costi d’esercizio anno 2015

    Utenze acqua, luce, gas, telefono

    Spese, viaggi, alberghi

    Consulenze e assistenza tecnica

    Costo del personale

    Spese bancarie

    Amm. Imm. Immateriali

    Amm. Imm. Materiali

    IRES d’esercizio

    IRAP d’esercizio

    TOTALE COSTI

    23

    Imposte

    Voci di costo

    “trasformate”

    dalla Pianif.

    Finanziaria

  • CONTO ECONOMICO: LA STRUTTURA

    Ricavi di vendita /prestaz. serv.

    Altri ricavi

    TOTALE RICAVI

    24

    Costi ordinari e straordinari

    Ammortamenti

    TOTALE COSTI

    IRES d’esercizio

    IRAP d’esercizio

    RISULTATO D’ESERCIZIO

    Risultato Ante Imposte

  • LO STATO PATRIMONIALE

    � Elementi e informazioni forniti dallo Stato Patrimoniale

    � Collegamenti finanziari con la Pianificazione Finanziaria: crediti e debiti

    � Evidenziazione del debito/credito IVA

    � Immobilizzazioni Finanziarie

    � Criterio di competenza: Ratei e Risconti

    25

  • NORME DEL CODICE CIVILE

    Alcune norme del Codice Civile riguardo lo Stato Patrimoniale:

    Art. 2424-bis:

    n. 1 Gli elementi patrimoniali destinati a essere utilizzati durevolmente

    devono essere iscritti tra le immobilizzazioni […]

    n. 4 Nella voce “ratei e risconti” devono essere iscritti proventi e costi

    dell’esercizio esigibili in esercizi successivi […]

    26

  • LE IMMOBILIZZAZIONI

    IMMOBILIZZAZIONE

    Ammortamento 10%

    (Conto Economico)

    ACCANTONAMENTO

    DEL FONDO

    AMMORTAMENTO

    27

    10 %

    C. E.

  • LO STATO PATRIMONIALE

    � Elementi dello Stato Patrimoniale:

    � ATTIVITA’

    � Attivo Circolante

    � Immobilizzazioni

    � PASSIVITA’

    � Finanziamenti di terzi

    � Patrimonio Netto

    28

  • STATO PATRIMONIALE : ATTIVO CIRCOLANTE

    � Crediti a Breve termine (alcuni esempi) a) Cassa

    b) Banche c/c attivi

    c) Crediti verso clienti

    d) Fatture da emettere

    e) Erario c/IVA (IVA a credito)

    � Crediti a Medio/Lungo termine: a) Depositi cauzionali

    b) Crediti Diversi

    c) Ratei e Risconti attivi

    29

  • STATO PATRIMONIALE : ATTIVO CIRCOLANTE