LA POTATURA DEL NOCE - da lavoro: dritto, cilindrico di lunghezza maggiore o uguale a 250 cm 1....

download LA POTATURA DEL NOCE - da lavoro: dritto, cilindrico di lunghezza maggiore o uguale a 250 cm 1. SENZA POTATURA NON SI RAGGIUNGE L’OBIETTIVO COLTURALE La potatura permette

of 17

  • date post

    06-Feb-2018
  • Category

    Documents

  • view

    224
  • download

    3

Embed Size (px)

Transcript of LA POTATURA DEL NOCE - da lavoro: dritto, cilindrico di lunghezza maggiore o uguale a 250 cm 1....

  • COME AFFRONTARE LA POTATURA DEL NOCE

    ( Juglans regia L.)

    Provincia di Arezzo

  • Caratteristiche

    del terreno

    Allagamenti

    Siccit

    Gelate

    tardive o precoci

    Altezza

    della falda

    Lavorazioni

    del terreno

    Concimazioni

    Danni da

    selvagginaDanni da

    Insetti

    Danni da

    funghiPatologie

    virali

    Irrigazioni

    Micorrize

    Qualit della

    piantina

    Tecniche

    dimpianto

    Interazione con

    gli altri alberi

    della piantagione

    @@@@@@@@e?@@@@@@@@e?@@h?@@h?@@h?@@h?@@h?@@h?

    @@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e

    @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    ?@@?@@?@@?@@?@@?@@

    ?@@@@@@@@?@@@@@@@@

    ?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@e?@@@@@@@@?e@@@@@@@@

    @@g@@g@@g@@g@@g@@g@@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    @@@@@@@@@@@@@@@@

    PotaturaNocePatrimonio genetico della pianta

    Con la potatura si interviene in un sistema complesso di interazioni tra pianta,ambiente, cure colturali e altri alberi dellimpianto

    per ottenere legname di pregio

    Danni da lavora-

    zioni o da palo

    tutore

    Andamento

    climatico

  • fusto da lavoro: dritto, cilindricodi lunghezza maggiore o uguale a

    250 cm

    1. SENZA POTATURA NON SI RAGGIUNGE LOBIETTIVO COLTURALE

    La potatura permette di orientare lo sviluppo della pianta verso una delle strutturearchitettoniche che consentono di produrre fusti di pregio

    Obiettivo colturale Ottenere Fusti dielevato pregiocommerciale

    Diametro in punta maggiore ouguale a 30 cm

    Accrescimenti in diametro regolari (si ottengono consentendo alla pianta di

    occupare spazi progressivamente maggiori)

    Nodi o alterazioni di colore sono raccolti in un cilindro centrale(che rappresenta il fusto della pianta da giovane). Pi piccolo il

    diametro della porzione di fusto con nodi , cicatrici o alterazioni e

    maggiore il valore commerciale del legname.

    Potatura ad astone(scacchio)

    Potatura replicativa Potatura progressiva Struttura architettonica con chiomaslanciata determinata dalla potaturaprogressiva e da quella replicativa

    Struttura architettonica con chiomaallargata determinata dalla potatu-

    ra ad astone (scacchio)

    Potatura progressiva ereplicativa possono con-sentire di ottenere fustipi lunghi di quella ad

    astone (scacchio) 250

    cm

    Con la potatura ad asto-ne si producono fustisenza nodi o cicatricinel cilindro centrale

    Potatura

    Altri interventi colturali(lavorazioni, concimazioni, diradamenti... ecc.)

  • Il noce reagisce sempre ai condizionamenti che subisce, sia naturali che artificiali. La reazione varia in funzione della vigoria della pianta, del periodo dintervento,

    del tipo e dellintensit della potatura.

    Obiettivi colturali daottenere nel minor

    tempo possibile

    Un fusto pi lungo

    possibile (compatibil-mente con la potenzialit

    della pianta)Un diametro maggiore

    possibile (compatibilmen-te con la potenzialit della

    pianta)Nodi ed altri difetti collo-

    cati in un cilindro centra-

    le pi piccolo possibile.

    2. LA GIUSTA INTENSITA DI POTATURA E UN EQUILIBRIOTRA ESIGENZE CONTRASTANTI

    Una potatura troppo debole se daun lato consente di avere piantevigorose, meccanicamente stabili econ accrescimenti diametrali delfusto pi consistenti, dallaltro nonpermette di produrre fusti lunghi econ nodi racchiusi in un cilindrocentrale piccolo.

    Una potatura troppo forte pu provocareun rapido allungamento del fusto, maanche molti problemi, tra cui:1. instabilit meccanica della pianta, che pupiegarsi o addirittura stroncarsi con il vento;2. forte riduzione dellapparato fogliareche pu portare a:

    a) tempi pi lunghi per la cicatrizzazionedelle potature;b) emissione di ricacci indesiderati;c) stress nella pianta e, di conseguenza, pifacile ingresso di patogeni;d) tempi pi lunghi per ottenere il diametrominimo nel fusto.

    conto del vigore cheognuno presenta ecercando un compro-messo tra lesigenzadi ottenere rapida-mente un fusto lungoe quella di non sotto-porre a stress ecces-sivi la pianta

    La giusta intensit dellapotatura deveessere sceltaalbero peralbero tenendo

  • Nel noce il periodo dellanno e il punto del ramo in cui viene effettuato il taglio determinano reazioni differenti

    Attenzione! Quando si intendeeliminare un ramo in manieracompleta importante che iltaglio venga effettuato rasente alcercine, ma senza intaccarlo.Cos facendo la ferita si rimargi-na prima.

    Taglio

    Cercine

    In certi casi si pu scegliere di asportare solo parzial-

    mente uno o pi rami con un taglio di ritorno per non

    ridurre eccessivamente la chioma della pianta.

    Attenzione! Iltaglio di ritornodeve essere effettua-to in prossimit diuna grossa gemmasituata nella parteinferiore del ramo.

    Se da questa pianta, in cui si intervenuti in ritardo, fosse-ro stati asportati contempora-neamente tutti i rami grossi sisarebbe provocato un fortestress. Con i tagli di ritorno si attenuato lo stress dellapotatura e si ridotta la pos-sibilit che i grossi rami sot-traessero troppa energia allacacciata apicale.

    un anno dopo il taglio con pianta

    in vegetazione (giugno - luglio)

    un anno dopo il taglio con pianta in

    riposo vegetativo (marzo - aprile)

    un anno dopo il taglio di ritorno

    3. COME E QUANDO EFFETTUARE IL TAGLIO DI POTATURA

    Attenzione! Eimportante non lascia-re moncherini, poi-ch deprezzano ilfusto!

    Il noce reagisce in maniera diversa a

    seconda del periodo dellanno in cui

    si effettua la potatura.

    Se si pota a marzo, quando lapianta in riposo vegetativo, pi facile che in prossimitdel taglio vengano emessiricacci.

    Se si pota in giugno-luglio,quando la pianta in vegeta-zione, generalmente pi diffi-cile che lintervento induca le-missione di ricacci.

    Taglio di ritorno

  • 4. LA SCELTA DEGLI STRUMENTI PER LA POTATURA DEL NOCE

    Non ci sono strumenti per la potatura che posso-

    no essere impegati in ogni occasione. Ognuno di

    loro esplica il massimo delle sue potenzialit

    soltanto in determinate condizioni.

    Le forbici da potare (cesoie) consentonodi tagliare rami fino ad un massimo di25-30 mm di diametro e fino ad unal-tezza di circa 50-60 cm superiore aquella del potatore.

    I seghetti con denti a scalpello nonhanno limitazioni per quanto riguar-da il diametro dei rami da tagliare,ma, come le forbici da potare, nonconsentono di intervenire ad altezzesuperiori ai 50-60 cm rispetto aquella del potatore.

    Il potatore deve scegliere lo strumento adatto a seconda delle dimensioni e dellaltezza dal suolo del ramo da tagliare

    I troncarami, grazie ai lunghi manici ea sistemi di leve pi o meno comples-si, consentono di tagliare rami condiametri di 45-50 mm fino ad unal-tezza di 60-80 cm superiore a quelladel potatore.

    Gli svettatoi consentono di tagliare rami di40-50 mm di diametro ad altezze variabili da2 a 5 m senza lausilio di scale. Ci facilitagli spostamenti da una pianta allaltra, riduceil rischio di incidenti e accelera i tempi di ese-cuzione della potatura.

  • 5. LE TECNICHE DI POTATURA DEL NOCE

    Come si interagisce con la pianta

    Condizioni minime per

    la realizzazione

    Principali vantaggi

    Principali svantaggi

    Potatura Progressiva Potatura Replicativa Potatura ad Astone (o a Scacchio)

    Larboricoltore prima lascia svilupparela pianta e poi interviene eliminando i

    rami che ne limitano il potenziale produttivo

    Stazioni da mediocri a buone

    La pianta non viene stressata pi sta-bile e non necessita di tutori

    potatori con notevole professionalit tempi di esecuzione pi lunghi pi anni per raggiungere la lunghezzadel toppo desiderata cilindro centrale con difetti pi sviluppatorispetto agli altri tipi di potatura

    Larboricoltore condiziona la struttura architettnonica della pianta per

    raggiungere lobiettivo prefissato

    Larboricoltore condiziona fortementela struttura architettonica della pianta

    per raggiungere lobiettivo

    Stazioni ottime o buoneNotevoli o buoni getti apicali

    Stazioni ottime Notevoli getti apicali (superiori ai 100 cm)

    La pianta non viene stressata.Difetti concentrati in un cilindro centra-le ridotto rispetto alla progressiva.Abbastanza facile da eseguire.Tempi abbastanza brevi per raggiun-gere la lunghezza del fusto potenziale.

    Assenza di un cilindro centrale condifetti. Facile da eseguire

    Tempi brevi per raggiungere la lunghezza del toppo

    Potatori con un minimo di professionalit.

    Talvolta necessita di una canna per indirizzare la freccia apicale

    Provoca notevoli stress alla pianta