CARICO IMMEDIATO CASI CLINICI - Noris Medical ¢â‚¬¢ Gli impianti sono...

download CARICO IMMEDIATO CASI CLINICI - Noris Medical ¢â‚¬¢ Gli impianti sono stati immediatamente caricati e

of 12

  • date post

    28-Jul-2020
  • Category

    Documents

  • view

    0
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of CARICO IMMEDIATO CASI CLINICI - Noris Medical ¢â‚¬¢ Gli impianti sono...

  • CARICO IMMEDIATO

    CASI CLINICI

  • Protocollo per una procedura di carico immediato in caso di grave atrofia mandibolare. Gentile concessione del Dr. Balan Igal

    Fig .2 Sito post-estrattivo.

    Fig.1 Radiografia panoramica che presenta un’estesa perdita ossea nella mandibola posteriore.

    Fig.3 Impianto Cortical (4x18) con filettatura aggressiva per una migliore stabilità primaria e con superficie del collo levigata per ridurre l’adesione batterica e l’insorgere di processi infiammatori.

    • Gli impianti sono stati immediatamente caricati e riabilitati con un ponte avvitato in acrilico, rinforzato da una barra in titanio (grado 5) di 3 mm saldata per induzione;

    • Il ponte in questione è una riabilitazione avvitata, supportata da pilastri Multi-Unit per la correzione d'angolo.

    Paziente di 79 anni, non fumatore. Storia clinica: • Ipertensione controllata; • Ipotiroidismo; • Mastectomia (15 anni prima della data della visita). Disturbi principali del paziente: • Estetica danneggiata; • Difficoltà nella masticazione per la perdita

    dei denti posteriori; • Alito cattivo; • Mobilita dentale. Esame intraorale: • Grave perdita ossea bilaterale alveolare –

    mandibola posteriore (Fig.1); • Supporto occlusale posteriore ridotto; • Parodontite cronica generalizzata grave. Piano terapeutico: • Estrazione e pulizia completa della mandibola (Fig.2); • Inserimento di 4 impianti: 2 impianti Cortical nei siti estrattivi; 2 impianti inclinati nell’area posteriore;

    Gli impianti Cortical presentano una filettatura aggressiva e forniscono stabilità primaria, cosi come un ancoraggio bi-corticale (Fig. 3). Questi impianti consentono il carico immediato grazie alla loro elevata stabilita primaria. Gli impianti Cortical sono dotati di una superficie macchinata del “collo” (privo cioè di ruvidità aggressiva), seguita da una superficie non filettata trattata con tecnica RBM. La superficie liscia del collo riduce l’adesione di agenti periopatogeni, limitando in tal modo il verificarsi di processi infiammatori quali mucositi o perimplantiti attorno a tale area. Gli impianti inclinati devono essere inseriti quanto più distalmente possibile per accorciare ogni eventuale allungamento e il risultante effetto cantilever. Questi impianti hanno una superficie del collo macchinata, per le stesse ragioni descritte sopra (Fig. 4);

  • Fig.5 Impianto Cortical posto nel sito estrattivo del dente 43. La zona coronale è lasciata esposta a causa della perdita ossea.

    Fig.6 Pilastro Multi-Unit dritto montato sull’impianto Cortical. Fig.7 Impianto Cortical (4x20) posto nel sito estrattivo del dente 33.

    Fig.8 Quattro impianti con Multi-Unit con decorticazione dell’osso precedente all’innesto osseo.

    Fig.9 Rigenerazione ossea con un innesto a base di idrossiapatite e solfato di calcio.

    Fig.10 Transfer Snap-on per una presa delle impronte agevole con l’uso della tecnica del cucchiaio chiuso.

    Fig.11 Radiografia panoramica post-operatoria, realizzata il giorno dell’intervento.

    Fig.4 Impianto TUFFPRO (3,75x11,5) con superficie del collo levigata per ridurre l’accumulo batterico e le infezioni.

  • Fig 2: Cisti radicolare enucleata dal sito dei denti 13 e 14.

    Fig 1: La radiografia panoramica presenta una grave parodontite cronica generalizzata oltre a una seria perdita ossea bilaterale alveolare.

    Fig 3: Sito di enucleazione.

    La stabilità primaria (stabilità meccanica) degli impianti dentali è un fattore chiave strettamente correlato al tasso di sopravvivenza dell’impianto. Micromovimenti superiori a 200μm potrebbero portare al fallimento dell’impianto. L’inserimento e il carico di un impianto messo in una cavità fresca necessita di un’adeguata stabilità primaria. Grazie alla sua forma dalla filettatura aggressiva, l’impianto Cortical favorisce l’ancoraggio bi-corticale incrementando cosi la stabilità primaria richiesta per il carico immediato. Il caso seguente presenta l'inserimento di un impianto in un sito post-estrattivo in seguito all’enucleazione di un campione diagnosticato poi come cisti radicolare. Il processo cronico infiammatorio ha causato una grave perdita ossea.

    Paziente donna di 61 anni Non fumatrice. Dichiara di essere in buona salute.

    Disturbi principali: • Dentatura instabile nella mandibola; • Estetica deteriorata; • Mobilita dentale; • Alito cattivo.

    Esame clinico: • Mandibola: perdita ossea alveolare moderata e residui di

    radice; • Mascella: grave parodontite cronica generalizzata,

    grave perdita ossea alveolare bilaterale del mascellare posteriore e carie secondarie. Sono state inoltre rinvenute lesioni periapicali estese (fig.1).

    Piano terapeutico: • Estrazione dei residui di radice; • Enucleazione della cisti localizzata in prossimità dei denti

    13 e 14 (la cisti è stata diagnosticata istologicamente come “cisti radicolare”);

    • La cisti causava un esteso riassorbimento osseo con rottura della lamina vestibolare (fig. 2 e 3). Si è deciso di inserire un impianto Cortical nel sito della cisti enucleata (fig. 4 e 5);

    • L’impianto è stato messo con un angolo di 30° parallelo alla parete mediana del seno mascellare. L’angolatura sarà poi corretta con un pilastro Multi-Unit inclinato a 30° (fig. 6);

    • Gli impianti sono stati immediatamente caricati e riabilitati con un ponte avvitato in acrilico, rinforzato da una barra in titanio (grado 5) di 3 mm saldata per induzione.

    Protocollo di carico immediato di un impianto Cortical inserito in una cavità alveolare post-estrattiva con un’estesa perdita ossea. Gentile concessione del Dr. Balan Igal

  • Fig 5: Nonostante la notevole perdita ossea, è stata raggiunta la stabilita iniziale consigliata per il carico immediato (oltre 45 Ncm).

    Fig 6: Pilastro Multi-Unit montato sull’impianto per compensare l’angolazione.

    Fig 7: Decorticazione ossea prima dell’innesto osseo.

    Fig 8: Rigenerazione ossea grazie a un innesto a base di idrossiapatite e solfato di calcio.

    Fig 9: Radiografia panoramica post-operatoria, eseguita il giorno dell'intervento.

    Fig 4: Impianto Cortical (4x16) posto nel punto di maggior perdita ossea.

  • Paziente: Donna di 56 anni Fumatrice: 10 pacchetti all'anno Dichiara di essere in buona salute. Disturbi principali: • Estetica compromessa (timido sorriso); • Mobilità dentale; • Alito cattivo; • Sanguinamento spontaneo. Esame clinico: • Mascella • Grave parodontite cronica generalizzata; • Mobilità dentale; • Perdita estesa di supporto osseo; • Radiografia panoramica che mostra la

    pneumatizzazione dei seni; • Difetto di forcazione (grado III) sul dente 16. • Mandibola • Grave parodontite cronica generalizzata; • I denti 44-45 mostrano un'estesa distruzione della

    corona e carie profonde; • Lesione periapicale nel dente 43; • Impianti - Perimplantiti con filettatura esposta (fig.1). Procedura chirurgica: Mandibola: Estrazione dentale, inserimento di impianti paralleli (assiali). Mascella: Estrazioni, inserimento di impianti assiali in zona anteriore e di impianti inclinati in zona posteriore per evitare un rialzo di seno. Si è deciso di inserire un impianto Zygomatic sul lato destro a causa della pneumatizzazione dei seni e l'impossibilità di inserire un impianto TPP (tubero-pterigoideo-palatino). Il posizionamento dell'impianto Zygomatic è una procedura a elevato tasso di predicibilità e successo nella riabilitazione del mascellare atrofico, che evita il ricorso a complesse procedure di rigenerazione ossea. L'impianto è stato inserito secondo la tecnica extra-sinusale che prevede un bypass del seno mascellare per evitare danni alla membrana di Schneider. L'impianto Zygomatic si ancora nell'osso zigomatico e non nell'osso alveolare; il torque risultante è molto elevato. La piattaforma protesica viene spostata vestibolarmente fino a raggiungere la posizione più appropriata per la riabilitazione. Grazie al corpo liscio che termina con una filettatura aggressiva in zona apicale, l'impianto Zygomatic è l'ideale per la tecnica extra-sinusale. Il design dell'impianto favorisce il fissaggio sull'osso zigomatico. La speciale conformazione delle frese permette al clinico di creare un tunnel preparatorio pulito con rischi minimi di danni alla membrana (Fig. 2 e 3). Dopo l'osteotomia viene eseguito un rialzo di seno per assicurarsi di mantenere la membrana intatta durante il posizionamento dell'impianto. Un pilastro Multi-Unit a 45° fornirà la correzione d'angolo necessaria. La riabilitazione segue il protocollo del carico immediato con un ponte in acrilico avvitato e rinforzato con una barra di 3mm in titanio grado 5 saldata per induzione. Fig. 1: Dalla radiografia panoramica si osservano: grave parodontite cronica generalizzata, pneumatizzazione dei seni, carie e perimplantiti. Fig. 2: Fresa per l'impianto Zygomatic per la preparazione del tunnel.

    Tecnica extra-sinusale - Impianti Zygomatic in caso di grave riassorbimento del mascellare: Riabilitazione Full Mouth Gentile concessione del Dr. Balan Igal

    Fig.1 Radiografia panoramica che mostra una grave parodontite cronica generalizzata, pneumatizzazione dei seni, carie e perimplantiti.

    Fig.2: Fresa preparatoria (tunnel) per l'impianto Zygomatic.

  • Fig 10: Radiografia panoramica post-operatoria fatta il giorno dell'intervento.

    Fig. 3: Preparazione dell'osteotomia Fig 4: Preparazione d