Cappelleria Palladio

Click here to load reader

  • date post

    12-Mar-2016
  • Category

    Documents

  • view

    221
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Bottega storica del cappello in Vicenza -Italy-

Transcript of Cappelleria Palladio

  • Cappelleria PalladioBottega Storica In Vicenza

  • Cappelleria PalladioBottega Storica In Vicenza

  • sapesse il cielofar da cappello a questa mia vita,saprei alloracorrere fino a perder fiato

  • AnticaSi fa presto a dire:sindaco di una piccola citt.Occorre poi capire cosa significhi una frase del genere. Quali tesori essa nasconda.Immaginiamo allora di camminare accanto a questo sindaco lungo le strade e per le piazze della sua citt. Per scoprire quanti mondi si spalanchino davanti ai vostri occhi proprio perch piccola, e tuttora pervasa dallo spirito di una provincia che una volta si usava definire felice. Se oggi lecito chiedersi quanto sia ancora possibile parlare di una provincia felice, una delle tante e bellissime risposte che Vicenza pu dare consiste nel varcare la soglia della Cappelleria Palladio.Bottega le cui vetrine sfavillano allangolo fra due pregiate piazzette del suo centro pi antico: a due passi dalla Basilica Palladiana, e sotto portici profumati di caff e pasticcini.Come testimoniano le stupende immagini di questo libro, vi troverete a visitare un mondo, variopinto e lussuoso, che sembra rubato di peso da un libro di fiabe, quando invece possiede tutti i colori, le fogge e le rifiniture di una realt calata nella storia del pi creativo ed elegante artigianato. Qui, usando come scena un cos poetico scorcio di Vicenza, da cinquantanni esatti si racconta niente meno che la Storia,

    della societ e delle sue mode, attraverso meravigliosi copricapo pronti ad assumere di volta in volta le sembianze di un panama, un borsalino, un colbacco, un basco, una coppola o, perch no, un giovanile berretto dal lungo frontino. Per non parlare degli incantevoli cappelli da donna, che da soli bastano a rievocare un film di Hollywood, uno scandalo a Corte, o unintera epoca del nostro passato.Emozioni che solo una piccola citt pu, ancora, suscitare.

    Achille VariatiSindaco di Vicenza

  • BottegaBottega storica in VicenzaA Vicenza, fra Contr Pescherie Vecchie e Piazzetta Andrea Palladio, di fronte alla Basilica progettata dal celebre architetto cinquecentesco, rivive lantichissima arte del cappello. Collocata nel cuore del centro storico cittadino, la Cappelleria Palladio sempre stata parte integrante del salotto di piazza dei Signori e di piazzetta Palladio, che troneggiano circondate dallo scorrere di una vita ancora a misura duomo, ma in cui si intravedono nuove fasi di sviluppo. La Cappelleria Palladio fonda le proprie origini all inizio del 900 per poi ampliarsi e svilupparsi nel corso degli anni 50 e attinge alluso secolare del cappello: un tempo segno distintivo e simbolo di costume, oggi accessorio di moda e indispensabile complemento di stile ed eleganza. Entusiasmo, seria professionalit e grande passione sono state le basi su cui la famiglia Roviaro ha seguito la propria attivit, anche se per i titolari, ai quali si rivolgono i clienti della zona e dellintera regione, oltre ad appassionati cultori, portatori di cappelli e turisti da ogni parte dItalia e del mondo, questo lavoro anche, e soprattutto, arte vera e propria.Nellantiquariato immersa tutta latmosfera del negozio, a partire dal

    reparto riservato ai cappelli femminili, arredato in stile Settecento veneziano, dove si rivive laria salottiera degli atelier fra drappeggi di velluto porpora e imponenti consoles dorate; il settore maschile, avvolto da atmosfere di ispirazione austriaca e inglese, ospita svariati modelli in cui si riconoscono il talento e la fantasia produttiva di una professione in continua evoluzione.Arredi e locali che dovranno rimanere immutati nel tempo dal momento che la Cappelleria, dopo cinquantanni di attivit, stata dichiarata Bottega storica, annoverandosi cos fra le attivit di tradizione e professionalit a tutela di un prezioso patrimonio culturale e commercialeAvviate aziende e modisterie, la cui provata esperienza ha permesso di adattare produttivit e modelli alle esigenze della vita moderna, forniscono da sempre la Cappelleria Palladio, che vanta fra i propri estimatori anche nomi illustri del mondo dello spettacolo, qui attratti dalle manifestazioni del nuovo Teatro Comunale e del Teatro Olimpico. Ugualmente, fra gli affezionati clienti si ritrovano esponenti del mondo economico italiano ed estero, attirati dallintenso fervore della ricca provincia vicentina,

    sede, tra laltro, della famosa Fiera dellOro e della prestigiosa Fiera del Lusso, apprezzate a livello internazionale.Copricapi classici, modelli in linea con i dettami della moda, novit della produzione italiana ed estera arricchiscono la gamma dellofferta della Bottega, che da decenni vende solo ed esclusivamente cappelli, ne cura la storia e ne segue levoluzione, non dimenticando lartigianalit del prodotto, a partire dallormai rara operazione della stiratura a vapore che viene ancora effettuata per i preziosi copricapi.Nellatmosfera mitteleuropea del reparto maschile, fra poltrone in velluto e introvabili cappelliere da viaggio in doghe di legno, si acquistano berretti di cachemire, grandi sciarpe in lana di cammello, colbacchi alla russa o alla norvegese in morbida pelliccia , cilindri e bombette, resistenti Tiroler in pelo di tasso, originali cappelli da cow-boy a tenuta dacqua, importati direttamente dallArizona. Non mancano feltri di elevata leggerezza e morbidezza, in pelo di coniglio o lepre, del peso di appena 60 grammi, realizzati dagli abili tessitori del Biellese, per un utilizzo indistruttibile e praticissimo. Tra gli altri, ancora, portabilissimi feltri allIndiana Jones,

  • Storicaimmancabili classici berretti inglesi a pied-de-poule in calda lana o alpaca e coppole in velluto rigato, grandi berretti a spicchi colorati tipicamente irlandesi, cappelli antipioggia o in tweed.Nella collezione estiva si vedono gli attualissimi cappelli newyorkesi prediletti dai giovanissimi in tessuto o paglia, le linee in rafia colorata alla Frank Sinatra, i diffusissimi berretti con il frontino tipo Vecchia America sempre uno dei must anche nella versione invernale - in lino o canapa grezza fino al prezioso shantung di seta. La passione per il copricapo estivo si traduce anche nelle intramontabili coppole in lino o cotone e nella linea per lo sport, dal berretto baseball dal lungo frontino alle classiche forme bianco-blu da yachting club per gli amanti del mare e dellaria aperta, ai particolari e praticissimi copricapi australiani in cotone, sempre ricercati e attesi da vacanzieri e viaggiatori. Molto fascino hanno gli ampi berretti da porto di Marsiglia, che si presentano in una vastit di tessuti e colori, indistruttibili sono i berretti allamericana, particolari le linee sudamericane, da indossare sia con i bermuda che con i completi in lino. E invece da portare con ironia la forma classica in paglia sottile con la cinta

    nera, mentre sono sempre richiestissimi i Panama Montecristi, provenienti direttamente dallEcuador in numero limitato dentro piccole scatole di balsa; infatti possibile arrotolarli grazie alla particolare lavorazione a mano della paglia che li rende morbidi e sottili come un tessuto.Parallelamente, i modelli femminili hanno mantenuto la ricercatezza e la femminilit dello stile, di certo pi lezioso e colorato, che caratterizza laccessorio di punta e limpeccabile eleganza delle occasioni mondane. Fra cuffie di piume, cappellini in agrette, airone e struzzo per il glamour della sera o del party, le esigenze della donna attuale si concentrano sulla praticit di calotte in maglia colorata e baschi in morbida lana cotta o angora inglese, su cloches impermeabili impunturate e lisce, su sportivi e caldi colbacchi, riconoscibili anche nelle ricercate fasce in visone o volpe, senza dimenticare la raffinatezza e lesclusivit dei modelli di alta modisteria in velluto, feltro o pelliccia. Per unaria sofisticata e disinvolta allo stesso tempo ecco minuti cappelli in feltro, mentre il revival anni 30 riconoscibile nei piccoli e pratici cappellini dallaria misteriosa alla Greta Garbo o nelle

    linee grintose in pelle che rimandano alla Berlino underground per un tocco di chic anche allo stile pi disinvolto. Per chi vuole osare, la pagoda celebrata da Audrey Hepburn in Colazione da Tiffany e i grandi cappellacci anni 70.La fantasia dellestate rimanda ai grandi cappelli in paglia di Firenze intrecciata o flessuosa e sottile detta maglina alle guarnizioni in fiori di seta, chiffon, raso, alle calotte di cotone a uncinetto, alle simpaticissime calottine in cotone rigato, ai divertenti cappelli in paglia di riso per unestate in stile Capri, ai piccoli caschetti che conferiscono femminilit e classe, ai copricapi in organza o nellinnovativa rete di paglia per un tocco di leggerezza. Per i momenti particolari, ecco apparire i diademi austriaci in pregiati Swarovski, le mantiglie spagnole in candido pizzo, i velluti e le paillettes, i lunghi guanti in raso nero fino alla toque alla Jaqueline Kennedy, ripresa ora da Carla Bruni. Una profusione di forme e colori, tutti da interpretare e personalizzare che uniscono il classico alla tendenza e che si accompagnano alla collezione privata dei proprietari: il cilindro da sera in lucido pelo di talpa, la lobbia alla Churchill in feltro rifinito in canett di seta, il Bobby inglese o il Shikar Helmet

  • Vicenzadegli Impressionisti francesi, ai ricevimenti nei parchi delle ville venete, agli incanti dellAfrica, ai caldi colori dei boschi in autunno, al fascino dellOriente.Un negozio da visitare che, a detta di clienti e fornitori, sembra effettivamente unico nel proprio genere, tanto da venire quotidianamente fotografato da turisti e ammiratori, oltre che essere spesso sfondo di set fotografici e cinematografici. Una bottega di decennale tradizione, grazie anche allaiuto e alla professionalit di valide collaboratrici, che riesce a esprimere una grande e profonda passione per un accessorio particolare. Lart