Bologna sies 2011

download Bologna sies 2011

of 53

Embed Size (px)

Transcript of Bologna sies 2011

  1. 1. MLC IPODERMICA CON CANNULA FREDDANEL TRATTAMENTO DELLE A.L. Dott.Stefano Toschi U.O. Chirurgia Plastica OspedaledellAngelo MestreCoordinatore Veneto Aidme 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  2. 2. LIPOEMULSIONE Una procedura in grado di indurre fenomeni di adipocitolisi con liberazione del grasso intracellulare che viene successivamente eliminato dallorganismo attraverso i sistemi linfatico venoso ed immunitario14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  3. 3. CHIMICA Infiltrazione difosfolipidi Infiltrazione disoluzioni detergenti14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  4. 4. FISICACarbossiterapi Laserlipolisia RFCavitazione MicrolipocavitazionTransderme 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  5. 5. ULTRASUONI Onde di energia > 20KHz che inpresenza di un mezzo solido liquido ogassoso vengono trasmesse da unamolecola allaltra A parit di cicli di lunghezza donda gliUS a bassa frequenza penetrano piin profondit di quelli ad altafrequenza 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  6. 6. UAL Le onde US si trasmettono facilmenteattraverso i parenchimi molli Nel 1987 la tecnologia US statausata per la prima volta per creareemulsione del tessuto adiposo inassociazione alla liposuzione (UAL)14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  7. 7. EFFETTI DEGLI US Meccanico (rottura membrana) Termico (denaturaz,lipasi) Chimico (pH,permeab.membr.) Cavitazionale14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  8. 8. CAVITAZIONE fenomeno fisico per il quale unonda elasticapropagandosi nei tessuti e nei fluidiextracellulari provoca una depressionerepentina di valore tale da scendere sottola tensione dei gas disciolti. Si creanopertanto microbolle che nel ciclo successivo,caratterizzato da aumento di pressione,implodono cedendo la loro energia allemembrane cellulari degli adipociti consuccessiva adipocitolisi 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  9. 9. TIPI TRANSDERMICA SOTTOCUTANEA14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  10. 10. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  11. 11. Generatore di cavitazione multifrequenza a freddo dotato di cannula di 2mm di diametro da 140/180 mm di lunghezza Capacit di concentrare lenergia prodotta dagli US (37.2/42.2 KHz) elettivamente sull estremit della cannula riducendo drasticamente i rischi di danno termico 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  12. 12. POTENZA US esterni 2,5 W/cm Microlipo 19-21W/cm La cannula in grado di lavorare anche al 100% di potenza senza surriscaldarsi14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  13. 13. CANNULA FREDDA il dispositivo cavitazionale non allocato sulla cannula ma allestremit del manipolo in modo da non causare danno termico n alla cute circostante i fori dingresso n allarea adiposa trattata (25C a livello della punta). 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  14. 14. ONDA ULTRASONICA14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  15. 15. FOCALIZZAZIONE US non focalizzati con maggiore areadi distribuzione dellonda nel TA Focalizzazione non necessaria inquanto lenergia non viene dispersa datessuti interposti14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  16. 16. MECCANISMO DAZIONE Losservazione al M.E. dimostra che il trattamento induce una drastica riduzione nella compattezza del TA connettivale con formazione di ampie lacune nelle bande di fibre collagene14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  17. 17. FREQUENZE ricerca automatica della frequenza di lavoro per ogni singola cannula (test frequency) e test automatico della frequenza operativa ripetuto ogni 5 sec. durante luso per ottimizzare la potenza ed evitare il surriscaldamento14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  18. 18. SOFT SWITCH ON/OFF selettivit in tempo reale con riconoscimento della consistenza dei tessuti attraversati quando si incontrano strutture organiche (vascolari ecc) diverse dal tessuto adiposo. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  19. 19. AUTODIAGNOSTICA Prevenzione di eventuali microfratture della cannula . Presenza di allarme per malfunzionamento .14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  20. 20. BIOCOMPATIBILITA i materiali usati per le cannule sono a base di Titanio che per le sue caratteristiche strutturali veicola in modo ottimale gli ultrasuoni 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  21. 21. UPGRADING il generatore di US ha incorporato una funzione pulsata per il trattamento delle aree lipodistrofiche ed e in fase di sperimentazione per altre funzioni (scollamento tissutale).14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  22. 22. MINIMA INVASIVITAnelle vie di accesso al tessuto adiposoin quanto le incisioni per consentire lingresso della cannula sono didiametro molto contenuto (1,5 2mm). 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  23. 23. KIT PER MLC Siringhe da 2,5 10 e 50cc Disinfettante Guanti Garze e Teli sterili SF Lidocaina Adrenalina Bicarbonato Ciotola Bisturi lama n.11 Kit Microlipo (Manipolo e Cannule) Steristrips e Cerotti Medicati 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  24. 24. PRE TRATTAMENTO Consenso informato Foto Disegno aree da trattare Misurazioni circonferenze Accensione apparecchio 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  25. 25. PREPARAZIONE APPARECCHIO14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  26. 26. PREPARAZIONE PAZIENTE14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  27. 27. ANESTESIA FISIOLOGICA 500 cc LIDOCAINA 2% 30 meq ADRENALINA 1% fl BICARBONATO 2 ml Infiltrazione con cannula attraverso la piccola incisione praticata 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  28. 28. EMULSIONE14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  29. 29. MEDICAZIONE 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  30. 30. COMPRESSIONE14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  31. 31. AREE TRATTABILI Addome/Fianchi Trocantere/Coscia int/Regione sottoglutea Ginocchia Polpacci e caviglie Mento Mammella maschile Dorso Lipomi Lipodistrofie 14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  32. 32. PAZIENTI NON TRATTABILI Pz affetti da gravi patologie attive di tipovascolare o cardiaco Pz portatori di pacemaker Pz in terapia con farmaci antitumorali eantirigetto o cortisonici Grandi fumatori Gravidanza/Allattamento Dismorfofobici/A tendenza isterica Aspettative eccessive 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  33. 33. PROTOCOLLO 1-2 aree per seduta Infiltrazione media 100/150 cc perseduta per area Cavitazione media 10 min per area Aspirazione max 1/3 dellemulsione Compressione con guaine o calze 140denari per 15 gg Ripetibilit nella stessa area dopo 30giorni14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  34. 34. EFFETTI COLLATERALILOCALI SISTEMICIEdema Non descrittiDoloreEcchimosiNON Iperpigmentazionio teleangectasie dasurriscaldamento 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  35. 35. RISULTATI Richiedono 8-12 settimane permanifestarsi completamente consigliato precoce esercizio fisico Successive sedute di cavitazioneesterna determinano una pi rapidascomparsa delledema 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  36. 36. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  37. 37. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  38. 38. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  39. 39. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  40. 40. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  41. 41. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  42. 42. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  43. 43. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  44. 44. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  45. 45. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  46. 46. EFFICACIA Sperimentalmente su campioni ex vivodi TA la perdita di peso gievidente dopo 20 min ma particolarmente alta dopo 18 H Pertanto lazione degli US continuaanche dopo la fine del trattamento14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  47. 47. EFFETTO MECCANICO ? Spegnendo lultrasuono la riduzione divolume del campione modesta (< 3%) Inoltre la quota di colesterolo e TG aumentata dimostrando la presenza diunazione adipocitolitica che peraltronon modifica la struttura cellulare didetti lipidi 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  48. 48. ASPETTI MEDICO-LEGALI Dispositivo medico attivo diclasse IIb (93/42 Cee) Utilizzable in locali adibiti aduso medico di gruppo 1 osuperiore (Cei 64-8/710) Classe di protezione 1 tipo b 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  49. 49. INDICAZIONI Aree di trattamento localizzate Controindicazioni alla liposuzione Esiti di liposuzione Lipodistrofie anche post anti-HIV Eta avanzata Compliance del pz. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  50. 50. EFFETTO LIFTING Significativo miglioramento dellatexture dei tessuti trattati con aumentata produzione di ffcollagene Effetto termico ? In corso studio di valutazione 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 2011
  51. 51. VANTAGGICurva di apprendimento breveTrattamento AmbulatorialeSelettivit TissutaleCannula fredda NO DANNO TERMICORipetibilit in tempi breviTrattamento aree con setti fibrosiCompliance14 CONGRESSO INTERNAZIONALE SIES BOLOGNA 2011
  52. 52. CONCLUSIONI 1) selettiva e circoscritta allarea sede del flussoenergetico, 2) in grado di determinare una progressiva riduzione deltessuto adiposo immediata e differita 3) non compromette la rete vascolare adiacente al campo diazione, 4) evoca la liberazione di trigliceridi e colesterolo in formaproporzionale alla durata del trattamento,ma comunque al disotto delle normali capacit di metabolizzazionedellorganismo 5) ha una valenza terapeutica significativamente potenziatadallinfiltrazione locale di soluzione fisiologica erogata con iprincipi della lipoaspirazione tumescente. 14 CONGRESSOINTERNAZIONALE SIESBOLOGNA 20