Aung San Suu Kyi - GianAngelo Pistoia

of 4 /4
24 25 “In un sistema che nega l’esistenza di diritti umani fondamentali, la paura ten- de a essere all’ordine del giorno. Timo- re del carcere, della tortura, della mor- te, timore di perdere amici, parenti, pro- prietà o mezzi di sussistenza, paura del- la povertà, dell’isolamento, del fallimen- to. Una forma molto insidiosa di paura è quella che si maschera come buon sen- so o addirittura saggezza, condannando come sciocchi, inconsulti, insignificanti o velleitari i piccoli atti di coraggio quoti- diani che contribuiscono a salvaguarda- re la stima per se stessi e la dignità uma- na. Non è facile per un popolo condizio- nato dai timori, soggetto alla regola fer- rea che la ragione è del più forte, liberar- si dai debilitanti miasmi della paura. Ep- pure, anche sotto la minaccia della mac- china statale più schiacciante, il corag- gio continua a risorgere, poiché la pau- ra non è lo stato naturale dell’uomo civi- le. Ciò che conduce l’uomo a osare e a soffrire per edificare società libere dal bi- sogno e dalla paura è la sua visione di un mondo fatto per un’umanità raziona- Aung San Suu Kyi © Concept & design: GianAngelo Pistoia • Photos: UN Photos (Eskinder Debebe - Rick Bajornas - Violaine Martin - Mark Garten) - Pablo Martinez Monsivais/A.P. - L’Osservatore Romano/A.P. Khin Maung Win/A.P. - Epixx - Ivana Tacikova - GianAngelo Pistoia/A.P. news le e civilizzata. Non si possono accanto- nare come obsoleti concetti quali verità, giustizia e solidarietà, quando questi so- no spesso gli unici baluardi che si ergo- no contro la brutalità del potere. L’auten- tica rivoluzione è quella dello spirito, na- ta dalla convinzione intellettuale della ne- cessità di cambiamento degli atteggia- menti mentali e dei valori che modella- no il corso dello sviluppo di una nazione. Una rivoluzione finalizzata semplicemen- te a trasformare le politiche e le istituzio- ni ufficiali per migliorare le condizioni ma- teriali ha poche probabilità di successo”. Chi si esprime in questo modo è un’af- fascinante donna asiatica, minuta e te- nace, tanto che il registra francese Luc Bresson, che ha girato un film su di lei, ‘The Lady’, ha dichiarato stupefatto: “Se avessi intuito in quale modo una perso- na che pesava solo cinquanta chili riuscì a tenere testa, da sola ad un esercito fe- roce di trecentomila uomini ed ai gene- rali di una giunta militare, bé allora que- sto segreto avrebbe cambiato anche la mia vita”. Sto parlando della politica birmana Aung San Suu Kyi, sessantanove anni magni- ficamente portati nonostante le privazio- ni e le angherie che le sono state inflit- te. Da molti anni Aung San Suu Kyi è at- tiva nella difesa dei diritti umani del suo Paese, la Birmania (dal 1990 chiamata Myanmar) oppressa fino a poco tempo fa da una crudele dittatura militare. La sua lotta pacifica come leader dell’op- posizione birmana le ha fatto consegui- re premi prestigiosi, fra cui il ‘Rafto’, il ‘Sakharov’ e, più importante il premio ‘Nobel per la Pace’ nel 1991. Ha potuto ritirarlo, però, solo nel giugno del 2012, dopo aver riconquistato l’agognata li- bertà e un seggio in parlamento dopo quindici anni di arresti domiciliari. Aung San Suu Kyi è considerata la più impor- tante dissidente al mondo dai tempi del- la detenzione di Nelson Mandela. La vita di Aung San Suu Kyi è davve- ro straordinaria e merita di essere rac- contata seppur a grandi linee, citando per stralci, libri da lei scritti (‘Liberi dalla paura’, ‘Lettere dalla mia Birmania’ edi- ti in Italia da ‘Sperling & Kupfer’) ed an- che articoli e reportage apparsi sui mass media. Aung San Suu Kyi nasce il 19 giugno 1945 a Rangoon, in Birmania. Il padre è il generale Aung San, esponen- te di spicco del Partito Comunista Bir- mano e segretario del partito dal 1939 al 1941. La madre è Khin Kyi. La vita della bambina è segnata da eventi dramma- tici già dalla tenera età, infatti, il padre viene ucciso da alcuni oppositori politici nel 1947, dopo aver negoziato l’indipen- denza della Birmania dal Regno Unito. L’unico punto di riferimento della bambi- na è la madre Khin Kyi, che all’inizio de- gli anni Sessanta diventa uno dei per- sonaggi politici più importanti della Bir- mania, ricoprendo nel 1960 anche il ruo- lo di ambasciatrice birmana in India. In quel Paese, Aung San Suu Kyi è sem- Aung San Suu Kyi con Ban Ki-moon

Embed Size (px)

Transcript of Aung San Suu Kyi - GianAngelo Pistoia

24 25
“In un sistema che nega l’esistenza di diritti umani fondamentali, la paura ten- de a essere all’ordine del giorno. Timo- re del carcere, della tortura, della mor- te, timore di perdere amici, parenti, pro- prietà o mezzi di sussistenza, paura del- la povertà, dell’isolamento, del fallimen- to. Una forma molto insidiosa di paura è quella che si maschera come buon sen- so o addirittura saggezza, condannando come sciocchi, inconsulti, insignificanti o velleitari i piccoli atti di coraggio quoti- diani che contribuiscono a salvaguarda- re la stima per se stessi e la dignità uma- na. Non è facile per un popolo condizio- nato dai timori, soggetto alla regola fer- rea che la ragione è del più forte, liberar- si dai debilitanti miasmi della paura. Ep- pure, anche sotto la minaccia della mac- china statale più schiacciante, il corag- gio continua a risorgere, poiché la pau- ra non è lo stato naturale dell’uomo civi- le. Ciò che conduce l’uomo a osare e a soffrire per edificare società libere dal bi- sogno e dalla paura è la sua visione di un mondo fatto per un’umanità raziona-
Aung San Suu Kyi
.P .
news
le e civilizzata. Non si possono accanto- nare come obsoleti concetti quali verità, giustizia e solidarietà, quando questi so- no spesso gli unici baluardi che si ergo- no contro la brutalità del potere. L’auten- tica rivoluzione è quella dello spirito, na- ta dalla convinzione intellettuale della ne- cessità di cambiamento degli atteggia- menti mentali e dei valori che modella- no il corso dello sviluppo di una nazione. Una rivoluzione finalizzata semplicemen- te a trasformare le politiche e le istituzio- ni ufficiali per migliorare le condizioni ma- teriali ha poche probabilità di successo”. Chi si esprime in questo modo è un’af- fascinante donna asiatica, minuta e te- nace, tanto che il registra francese Luc Bresson, che ha girato un film su di lei, ‘The Lady’, ha dichiarato stupefatto: “Se avessi intuito in quale modo una perso- na che pesava solo cinquanta chili riuscì a tenere testa, da sola ad un esercito fe- roce di trecentomila uomini ed ai gene- rali di una giunta militare, bé allora que- sto segreto avrebbe cambiato anche la mia vita”.
Sto parlando della politica birmana Aung San Suu Kyi, sessantanove anni magni- ficamente portati nonostante le privazio- ni e le angherie che le sono state inflit- te. Da molti anni Aung San Suu Kyi è at- tiva nella difesa dei diritti umani del suo Paese, la Birmania (dal 1990 chiamata Myanmar) oppressa fino a poco tempo fa da una crudele dittatura militare. La sua lotta pacifica come leader dell’op- posizione birmana le ha fatto consegui- re premi prestigiosi, fra cui il ‘Rafto’, il ‘Sakharov’ e, più importante il premio ‘Nobel per la Pace’ nel 1991. Ha potuto ritirarlo, però, solo nel giugno del 2012, dopo aver riconquistato l’agognata li- bertà e un seggio in parlamento dopo quindici anni di arresti domiciliari. Aung San Suu Kyi è considerata la più impor- tante dissidente al mondo dai tempi del- la detenzione di Nelson Mandela. La vita di Aung San Suu Kyi è davve- ro straordinaria e merita di essere rac- contata seppur a grandi linee, citando per stralci, libri da lei scritti (‘Liberi dalla paura’, ‘Lettere dalla mia Birmania’ edi- ti in Italia da ‘Sperling & Kupfer’) ed an- che articoli e reportage apparsi sui mass media. Aung San Suu Kyi nasce il 19 giugno 1945 a Rangoon, in Birmania. Il padre è il generale Aung San, esponen- te di spicco del Partito Comunista Bir- mano e segretario del partito dal 1939 al 1941. La madre è Khin Kyi. La vita della bambina è segnata da eventi dramma- tici già dalla tenera età, infatti, il padre viene ucciso da alcuni oppositori politici nel 1947, dopo aver negoziato l’indipen- denza della Birmania dal Regno Unito. L’unico punto di riferimento della bambi- na è la madre Khin Kyi, che all’inizio de- gli anni Sessanta diventa uno dei per- sonaggi politici più importanti della Bir- mania, ricoprendo nel 1960 anche il ruo- lo di ambasciatrice birmana in India. In quel Paese, Aung San Suu Kyi è sem-
Aung San Suu Kyi con Ban Ki-moon
2726
te per il maggio del 1990 finalizzate alla formazione di un’Assemblea Costituen- te gradita alla giunta militare. Le elezio- ni si svolgono regolarmente e la ‘Lega Nazionale per la Democrazia’ (Nld) ottie- ne una schiacciante vittoria: il 59% del- le preferenze popolari e l’80% dei seg- gi in Parlamento. Il regime annulla le ele- zioni e decide di riprendere il potere con la forza non accettando la vittoria della donna che ha ottenuto un co- sì grande sostegno dal- la popolazione birmana. Anzi la estromette d’im- perio dalla ‘Lega Nazio- nale per la Democrazia’ (Nld) e continua a po- sticipare la convocazio- ne dell’Assemblea Co- stituente. Sebbene agli arresti domiciliari, Aung San Suu Kyi influenzata dal pensiero di Gandhi, si è sempre fatta pro- motrice della nonviolen- za come cardine di ogni movimento di dissenso. In conseguen- za di questo atteggiamento le è sta- to conferito, nel 1991, il premio ‘Nobel per la Pace’ come riconoscimento della ‘sua lotta non violenta per la democra- zia e i diritti umani’. Ha utilizzato il pre- mio in denaro assegnatole dall’Accade- mia Norvegese per istituire una fonda- zione che vuole contribuire ad incen-
tivare l’educazione e la sanità dei gio- vani birmani. Questo prestigioso pre- mio ha provocato una forte mobilitazio- ne dell’opinione pubblica internazionale ed ha accresciuto l’isolamento diploma- tico della Birmania nel mondo. Gli arre- sti domiciliari le sono stati revocati nel luglio del 1995, ma è rimasta comun- que in un stato di semi libertà. Non ha
potuto infatti mai lasciare il Paese, per- ché in tal caso le sarebbe stato nega- to il ritorno in Birmania (Myanmar), e an- che ai suoi famigliari, residenti in Inghil- terra, non è stato mai permesso di vi- sitarla, malgrado i numerosi appelli de- gli Stati Uniti, dell’allora segretario gene- rale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, e di papa Giovanni Paolo II, neanche quan-
do al marito Michael è stato diagnosti- cato il cancro che di lì a due anni, nel 1999, lo avrebbe ucciso lasciandola ve- dova. Seppur in semilibertà, nell’otto- bre del 1995 Aung San Suu Kyi assume nuovamente il suo incarico nel partito, rilanciandone l’attività di opposizione. Tuttavia, anche negli anni successivi ha continuato ad essere oggetto di ripetu-
ti provvedimenti restritti- vi e solo il 13 novembre del 2010 ha riottenuto la piena libertà. Migliaia di persone l’hanno aspet- tata fuori dal cancello della sua casa di Yan- gon (Rangoon). “Dob- biamo lavorare insieme per raggiungere i no- stri obiettivi – ha detto Aung San Suu Kyi rivol- gendosi ai suoi sosteni- tori – ho tante cose da dirvi, poiché che non ci siamo visti per così tan- to tempo” ha aggiunto prima di rientrare in ca-
sa. L’avvocato di Aung San Suu Kyi ha riferito alla ‘B.B.C.’ che la giunta milita- re le ha inizialmente offerto la liberazione a patto che accettasse di non spostarsi da Yangon (Ragoon), ma che lei ha rifiu- tato. Le forze di sicurezza birmane non sono intervenute per disperdere la fol- la e hanno lasciato che i festeggiamenti continuassero. “È nostra madre, è la no-
news
pre vicina alla madre in occasione del- le sue apparizione politiche; inoltre qui frequenta le migliori scuole indiane, fra cui, l’Università di Delhi. Aung San Suu Kyi dal 1964 studia in Inghilterra e nel 1967 presso il St. Hugh’s College di Ox- ford consegue la prestigiosa laurea in fi- losofia, scienze politiche ed economia. Prosegue i suoi studi universitari a New York dove nel contempo lavora presso il quartiere generale dell’O.N.U. Ed è pro- prio a New York che incontra il suo futu- ro marito, Michael Aris, accademico di Oxford e studioso della cultura tibeta- na, che sposa alcuni anni dopo e con il quale ha due figli, Alexander e Kim. Nel 1985 completa un dottorato di ricerca all’Università di Londra. Lavora per due
anni nel mondo accademico a Shila in India e per un breve periodo per il go- verno dell’Unione Birmana (una specie di unione degli esiliati) prima di tornare in patria. Nel 1988 infatti ritorna in Bir- mania per due motivi: desidera accudire la madre gravemente ammalata e spe- ra che a seguito delle dimissioni del ge- nerale Ne Win, storico leader della giun- ta militare, nel suo Paese ritorni la de- mocrazia. Durante l’estate del 1988 so- no numerose le dimostrazioni di piazza contro la dittatura e a favore della demo- crazia. Nonostante ciò una nuova giun- ta militare capeggiata dal generale Saw Maung in settembre prende il control- lo della Birmania con un ennesimo col- po di stato. Aung San Suu Kyi si rende
conto che la situazione della Birmania e diventata insostenibile ed esplosiva per cui il 27 settembre decide di entrare atti- vamente in politica e fonda la ‘Lega Na- zionale per la Democrazia’ (Nld) che si basa sui principi della non violenza con- templati dalla religione buddista e predi- cati dal Mahatma Gandhi. Il regime infa- stidito dall’operato della donna e dalla sua organizzazione, nel luglio del 1989 la condanna, con l’accusa di costitui- re un ‘pericolo per lo stato’, agli arre- sti domiciliari. Aung San Suu Kyi è fat- ta anche oggetto di una intensa campa- gna diffamatoria orchestrata dal regime per minarne la credibilità e depotenziare il suo movimento politico, anche in vista delle prime elezioni multipartitiche fissa-
Ban ki-moon visita il Myanmar (Birmania)
2928
stra madre!” hanno urlato molte perso- ne in lacrime quando l’hanno vista affac- ciarsi al cancello della sua abitazione, fi- nalmente libera. Nel 2011, dopo il trasferimento del po- tere a un governo civile considerato co- munque un’emanazione di quello milita- re, Aung San Suu Kyi ha dichiarato di vo- ler rinunciare alla politica di boicottaggio e nel gennaio dell’anno successivo ha ufficializzato la sua candidatura alle ele- zioni suppletive previste per l’aprile del 2012. Alle consultazioni, la ‘Lega Nazio- nale per la Democrazia’ (Nld) si è affer-
news
mata come la principale forza dell’oppo- sizione, e a Kahwmu, la circoscrizione in cui si è presentata, Aung San Suu Kyi è stata eletta con l’82% delle preferenze. Sebbene il Parlamento sia comunque dominato dai soldati dell’esercito, l’op- posizione ha guadagnato consensi e vi- sibilità estremamente utili in vista delle consultazioni presidenziali del 2015, al- le quali Aung San Suu Kyi ha presenta- to ufficialmente la sua candidatura nel giugno del 2013. La forza e la calma in- teriore per affrontare una delle più im- portanti battaglie della sua vita l’ha tro-
vata anche grazie all’incontro con Papa Francesco. Per Aung San Suu Kyi, eroi- na del popolo birmano, lea der politica e icona della dissidenza al tempo del- la dittatura, da due anni rientrata in Par- lamento, le parole di incoraggiamento di Papa Bergoglio, ascoltate in Vaticano nell’ottobre del 2013, hanno rappresen- tato uno snodo cruciale nella scelta, pur sofferta, di continuare nell’impegno poli- tico per il suo Paese. Ponendosi nuova- mente a confronto con i gerarchi milita- ri che tuttora tengono in pungo il Paese, alcuni in uniforme, altri, come l’attua-
Centro Nobel per la Pace di Oslo Aung San Suu Kyi con Papa Francesco e con Barack Obama
30
news
le presidente Thein Sein, trasformatisi in leader civili. La sfida della leader dell’op- posizione birmana oggi è candidarsi al- la presidenza del Pae se, accelerando bruscamente la transizione democrati- ca in atto da circa quattro anni, quan- do i militari hanno lasciato, apparente- mente, il governo a leader civili, avvian- do il percorso per nuove elezioni parla- mentari. Nel voto del 2012 fu consentito ad Aung San Suu Kyi, a capo della ‘Le- ga Nazionale per la Democrazia’ (Ndl), di tornare alla politica attiva dopo quin- dici anni di arresti domiciliari e di esse- re eletta in Parlamento. Il cammino ver- so la leadership nazionale, però, non è per nulla semplice. La tornata elettorale
è prevista a novembre del 2015, ma una clausola ‘ad personam’ della Costituzio- ne, scritta dalla vecchia giunta militare, impedisce di fatto alla lea der della Le- ga di diventare presidente, solo perché madre di due figli con cittadinanza stra- niera (la donna, oggi vedova, era spo- sata con un professore universitario bri- tannico). La Carta, tra l’altro, garantisce ai militari il 25% dei seggi in Parlamen- to, lascia loro potere di veto sulle rifor- me costituzionali, impedisce di accusa- re i generali responsabili di violazione dei diritti umani. La questione oggi all’ordine del giorno in Myanmar – come fu rino- minata la Birmania nel 1990 dalla giun- ta militare – è dunque emendare la Car-
ta costituzionale dagli articoli che servo- no a far restare saldamente il potere nel- le mani dei leader militari. Di qui una pe- tizione popolare, lanciata nei mesi scor- si, per chiedere la revisione della Costi- tuzione: la campagna, guidata da Aung San Suu Kyi, ha raccolto oltre tre milio- ni di firme. Il progetto ha ricevuto un im- pulso dalla comunità internazionale: nel- la recente visita in Birmania, il segretario di Stato Americano, John Kerry, ha chie- sto di procedere con riforme costituzio- nali “per garantire elezioni libere e cre- dibili il prossimo anno”. L’arcivescovo di Yangon (Rangoon), il salesiano Charles Maung Bo, attento osservatore della vi- ta sociale e politica, ha confermato l’ap-
Pagode di Bagan in Myanmar (Birmania)
31
Palazzo del Parlamento a Naypytaw in Myanmar (Birmania) prezzamento della Chiesa per la figura di Aung San Suu Kyi che “può giocare un ruolo di primo piano”. La donna re- sta un punto di riferimento per la popola- zione birmana: vescovi, sacerdoti e laici hanno grande stima di lei e la sostengo- no con convinzione, definendola “la so- la persona credibile, ad oggi, per la gui- da del paese”. L’arcivescovo ha concor- dato nel definire l’incontro col pontefice “fonte di forza e guida per la leader bir- mana”. Proprio l’incontro con Papa Ber- goglio sembra aver rafforzato la convin- zione dei fedeli birmani. In un incontro segnato da “grande sintonia su temi come la demo- crazia e la pace”, infatti, il Pa- pa – ha riferito il portavoce va- ticano Lombardi – ha espresso “tutto il suo apprezzamento” per l’impegno di Aung San Suu Kyi, premio ‘Nobel per la Pace’ nel 1991, nello sviluppo della democrazia in Birmania, “assi- curando il sostegno della Chie- sa per questa causa”, perché “la Chiesa è al servizio di tutti”. Aung San Suu Kyi ha bisogno
di conferme sul sostegno internazionale e quello della Santa Sede è stato certo un ‘endorsement’ di peso e di spessore. Come anche quello espresso da Barack Obama per conto degli U.S.A. La leader punta a rafforzare la riconciliazione na- zionale e a promuovere una democrazia matura e rispettosa delle minoranze. Uti- lizzando, per ora, una strategia persua- siva e pacifica, basata sul consenso po- polare, senza entrare in collisione fron- tale con le forze armate. Sono tanti gli analisti che, però hanno fatto notare che
il clima politico non appare ancora matu- ro per una Aung San Suu Kyi presidente. I più restii sono principalmente le influen- ti forze armate, che occupano il 25% dei seggi in Parlamento e godono quindi di un effettivo potere di veto sui cambia- menti della costituzione. Se le elezioni fossero libere e regolari, è opinione co- mune che la ‘Lega Nazionale per la De- mocrazia’ (Nld) sarebbe la grande favo- rita. “Unità e pace sono vitali per il Myan- mar (Birmania) – ha affermato di recen- te l’arcivescovo di Yangon (Rangoon) in
un messaggio affidato all’agen- zia vaticana ‘Fides’ ed ha ag- giunto – oggi la nazione si trova a un punto cruciale. Cosa fare- mo oggi e nei prossimi cinque anni determinerà il nostro de- stino e la nostra storia. Prospe- rità o povertà? Pace o guerra cronica? Sviluppo o sfollamen- to? Unità o conflitti interminabi- li? Il destino del Myanmar è nel- le mani di tutti noi”.
GianAngelo Pistoia