Articolo ADV “La prima Expo ‘social network oriented’ della storia”

Click here to load reader

Embed Size (px)

description

Per gentile concessione di ADV - Strategie di comunicazione (http://www.advertiser.it); sfoglia qui l'estratto gratuito del magazine: http://www.advertiser.it/magazine. La flotta delle piattaforme digitali che ci aspettano è una delle tante importanti caratterizzazioni dell’edizione milanese dell’Esposizione. Stiamo per“scrivere collettivamente” il grande racconto dell’Expo duezeroquindici.

Transcript of Articolo ADV “La prima Expo ‘social network oriented’ della storia”

  • 1. 74 AdV | strategie di comunicazione | advertiser.itnextLa prima Exposocial network orienteddella storiaLa flotta delle piattaforme digitali che ci aspettano una delle tante importanti caratterizzazionidelledizione milanese dellEsposizione. Stiamo perscrivere collettivamente il grande racconto dellExpoduezeroquindici.di Fabrizio Bellavista

2. ExpOpportunityAdV | strategie di comunicazione | advertiser.it 75k Una enorme texture social - in parteprogettata e in parte spontanea - co-stituirla grande novit dellExpo nostra-na.Anche in questo caso, Milano e lItaliafungeranno da laboratorio globale a cieloaperto. La squadra di Social Media Expo,con alla guida Susanna Legrenzi e StefanoMirti, diventata operativa a gennaio 2014per incentivare e aggregare i canali socialdi Expo e accogliere i racconti intrecciatiin un ambiente multiculturale. Il lavoro dicondivisione pubblica iniziato su tutte lemaggiori piattaforme (Youtube, Facebook,Twitter, Instagram, Pinterest, Linkedin,Slideshare) ma non ancora i progettispeciali.Prima degli ambienti social,altre iniziative semprenellambito digitaleIn ordine di importanza, mi sembra chequesta sia la notizia pi rilevante: Union-cameremetter 560mila imprese agroa-limentarionline su ununica piattaformadigitale. una notizia semplice ed unacosa che avrebbe dovuto essere stata gifatta un decennio fa ma che comunquesegna una svolta senza pari riguardo lavisibilit del Made in Italy nel mondo. Trale altre tante iniziative, il progetto Rise2Up(che parte dalla Cascina Triulza), unop-portunitper le piccole eccellenze delsettore agroalimentare: avranno la possi-bilitdi realizzare video in cui raccontarela storia della propria azienda e i motivi dieccellenza. I filmati saranno poi proiettatisu mega schermi interattivi installati allin-ternodella Cascina Triulza e condivisi,contemporaneamente, sulle piattaformesocial. E poi, ancora: Short Food Movie,unopera darte collettiva aperta a tutti finoal 15 marzo 2015. I video raccolti entreran-nonella narrazione allinterno della megainstallazione del Padiglione Zero; il Wall,con i suoi 752 monitor, sar il pi grandedel mondo. Per finire, la Ricetta per lavita, cio il racconto di un piatto di par-ticolarevalore emotivo, che soprattuttoil racconto di una storia che si nutre dimemoria, suggestioni e vissuto personale.Non si ancora del tuttoconsapevoli dellextra-ordinarietdi questa Expo. Alcuni progettispecialiNei progetti speciali di Expo non stataancora coinvolta la community ma sol-tanto,per il momento, gli attori dellEspo-sizioneUniversale. I cittadini potrannopartecipare interamente a questa narrazio-necollettiva a partire da poche settimaneprima dellinizio. Tutti i progetti speciali diSocial Media Expo sono in ogni caso con-fermatie se ne aggiungeranno di nuovi neiprossimi mesi. Eccoli elencati di seguito.Cluster gameUna storia speciale, raccontata sotto formadi gioco online: il filone narrativo statoinfatti progettato in modalit gamification.Il fine quello di esplorare e comunicarei contenuti tematici dei singoli Cluster at-traversouna serie di domande a caratterenutrizionale, storico, scientifico, geografi-co.expo2015cluster.tumblr.comPeopleI volti, i progetti. Expo2015 raccontata inprima persona da chi lavora giorno dopogiorno per il successo dellEsposizioneUniversale di Milano.expo2015people.tumblr.comBooksDa febbraio 2014 la rubrica settimanale dilibri, saggi illustrati, pubblicazioni a carat-terescientifico. Tutti i titoli scelti vannointesi come uno sguardo trasversale adapprofondire i temi di Expo2015. La callprevede due step. Il primo, gi avviato, un invito rivolto agli attori di Expo2015; ilsecondo - di prossima implementazione - 3. prevede il coinvolgimento della community.expo2015book.tumblr.comDaily hashtagCominciate a marzo 2014 le pillole dinfor-mazionePractices innovative: dalla ricerca scientifi-caal design dei servizi, dallarte alle nuovetecnologie, passando dalla cooperazione. Ilprogetto prevede due step: il primo coin-volgecommunity che sar invitata a segnalare lecase history che ritiene pi significative.expo2015hashtag.tumblr.comExpovintageDa Londra 1851 a Expo2015: oltre 150anni di fiere del mondo cominciato afebbraio 2014. ExpoVintage il primofilone di storytelling progettato per Insta-gram.la storia delle Esposizioni Universali eInternazionali attraverso card, fotografie,souvenir, passaporti, documenti storici ememorabilia varie. Un viaggio dal 1851 aoggi, aspettando Expo2015.instagram.com/expovintageGlobal dictionaryUno speciale dizionario redatto in chiavepartecipativa per coprire le voci principaliconnesse ai temi di Expo2015. In equili-brio76nextche raccontano una serie di Bestgli attori di Expo2015; il secondo laLobiettivo quello di raccontaretra knowledge telling e knowledgetransforming, ha come obiettivo la scrittu-rain chiave partecipativa di un dizionarioSocial Media oriented, in grado di acco-glieree riverberare il punto di vista di tuttigli attori coinvolti in Expo2015. Tutte lekeywords saranno strettamente connesseal tema Nutrire il pianeta, Energia perla Vita. Nutrizione, dunque. Ma ancherisorse, sostenibilit, Smart city, coope-razione,AdV | strategie di comunicazione | advertiser.itetc... La call si articoler in duestep. Il primo un invito rivolto a tuttigli stakeholder di Expo2015 (dai curatorial Terzo Settore, dai Paesi ai partner, aiprogetti dellInclusione). Il secondo - viacall to action - coinvolger la communi-ty.Expo2015, dunque, come portatrice dipensiero collettivo; user writer comeportatori di valori di senso.Lunch BoxIl Lunch Box quotidianit e lavoroattraverso il tema della pausa pranzo.Dove la consumiamo? Quali sistemidi relazione la governano? Con qualiconsuetudini? Lunch Box una call toaction fotografica e internazionale cheintende richiamare lattenzione intornoa pratiche alimentari, quotidianit e la-voro,attraverso il frame pausa pranzo.Lobiettivo un atlante macro-socialein cui idealmente lintera communitydocumenta e condivide fotogrammi di in-terazionetra luoghi, cibo, individui. La call- indirizzata alla community Instagram -chiede agli utenti di documentare con unao pi immagini la propria pausa pranzo,da postare con lhashtag #expo2015_lunchbox. Le immagini potranno esserevotate e condivise. Una mappa in pro-gressgeolocalizzer tutte le immagini.La premialit finale la pubblicazione diun eBook che contiene le 1.000 immaginipi votate. LeBook - sotto forma di app- verr distribuito gratuitamente via AppStore.NumbersIniziato a marzo 2014, un filone distorytelling sviluppato attraverso datie metriche suggerite dagli stakeholderdi Expo2015 e affida ai numeri lappro-fondimentodel tema dellEsposizioneNutrire il pianeta, Energia per la Vita.Lobiettivo raccontare - in chiave SocialMedia oriented - non solo i numeri delpianeta ma anche le esperienze sul campodei singoli attori, raccogliendo dati relativia progetti/campagne/azioni/ricerche chetestimonino limpegno fattivo nella pro-gettazionedi nuovi modelli per un futuromigliore. expo2015number.tumblr.comQuotes una raccolta di pensieri brevi a firmadi opinion leader internazionali (o celebri-ties)e stakeholder di Expo2015; dunquesempre storytelling afferente al temadellEsposizione.expo2015quote.tumblr.comDo it una raccolta di decaloghi suggeriti daipartner volti a sensibilizzare la commu-nity.Tutti i partners sono portatori diBest practices. Do it ha come obiettivoil trasferimento di queste competenze indecaloghi user oriented (es: uso di acquacorrente per le mense scolastiche o rispar-miodellacqua su scala domestica).www.facebook.com/Expo2015Milano.it 4. AdV | strategie di comunicazione | advertiser.it 77PrimoPianoUna piattaformadi comunicazione edi dialogo breve esempliceIntervista aGiacomo BiraghiDigital and Media PR diExpo 2015 e Responsabile deiTavoli Tematici ExpoGiacomo, perch ami e usi cos tantoTwitter?Per Expo in particolare ritengo che siaimportante, in questa grande confusio-nesu cosa sia la manifestazione e comefunzioni, essere chiari, diretti, semplici ebrevi. Sono caratteristiche del mezzoTwitter, che permette inoltre di creareuna relazione diretta con le persone informa di conversazioni e di menzioni.Questa laltra caratteristica di Expo: una piattaforma di comunicazione e didialogo breve e semplice e mi piace perquesto. Io uso il mio account personaleTwitter perch Expo non unorganiz-zazionemonocratica in cui qualcunocoordina e comanda ma una speciedi cordata: non c un account ufficialeche, solo lui, pu comunicare. unastrategia media e social che consiste inuna trama, un intreccio di diversi puntidi vista, tra cui anche il mio personale.Qual la percentuale delle aziende edelle start up presenti ai Tavoli Tema-ticiche possono essere definite digitali?Il 50 per cento. Avevamo il timore e lapercezione che potessero essere tutteApp che non muovono leconomia delmondo reale; dato che il meccanismodei Tavoli Tematici sostanzialmentesenza selezione, non esiste un fil rougen unattivit redazionale e chiunquepu presentare il proprio progetto (e loha fatto: in 4 anni sono pi di 1.000),per queste ragioni avevo il timore chesi raccogliesse una visione parziale delmondo imprenditoriale, ridotta peresempio a start upper senza arte nparte. Quello che invece accaduto stato esattamente il contrario, for-seanche per questa creazione dalbasso molto stile Expo: sono arri-vaterappresentanze di tutta la realtimprenditoriale, dagli agricoltori aglialbergatori, dai ristoratori agli scrittori,da chi fa la pappa per bambini ai servizino profit per i disabili alle applicazioniche riguardano il settore della risto-razioneQuesta metodologia di au-toselezioneha fatto s che, cos comenel caso di Expo in cui c un dialogoorizzontale e paritetico, ci sia successoanche per liniziativa dei Tavoli Tema-ticiche volevano dare voce al mondoimprenditoriale: si sono rappresentatiin modo equanime un po tutti, dai ra-gazzinistart upper del mondo digitaleagli anziani agricoltori degli orti ai solidiristoratori di un tempo. La logica dellastrat