Arm Ida 1817

download Arm Ida 1817

of 37

  • date post

    07-Jul-2018
  • Category

    Documents

  • view

    213
  • download

    0

Embed Size (px)

Transcript of Arm Ida 1817

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    1/37

    ARMIDA

    Dramma per musica.

    testi di

    Giovanni Federico

    Schmidt

    musiche di

    Gioachino Rossini

    Prima esecuzione: 11 novembre 1817, Napoli.

    www.librettidopera.it   1 / 37

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    2/37

     Informazioni Armida

    Cara lettrice, caro lettore, il sito internet www.librettidopera.it è dedicato ai libretti

    d'opera in lingua italiana. Non c'è un intento filologico, troppo complesso per essere

    trattato con le mie risorse: vi è invece un intento divulgativo, la volontà di far

    conoscere i vari aspetti di una parte della nostra cultura.

    Motivazioni per scrivere note di ringraziamento non mancano. Contributi e

    suggerimenti sono giunti da ogni dove, vien da dire «dagli Appennini alle Ande».

    Tutto questo aiuto mi ha dato e mi sta dando entusiasmo per continuare a migliorare e

    ampliare gli orizzonti di quest'impresa. Ringrazio quindi:

    chi mi ha dato consigli su grafica e impostazione del sito, chi ha svolto le operazioni

    di aggiornamento sul portale, tutti coloro che mettono a disposizione testi e materiali

    che riguardano la lirica, chi ha donato tempo, chi mi ha prestato hardware, chi mette a

    disposizione software di qualità a prezzi più che contenuti.

    Infine ringrazio la mia famiglia, per il tempo rubatole e dedicato a questa attività.

    I titoli vengono scelti in base a una serie di criteri: disponibilità del materiale, data

    della prima rappresentazione, autori di testi e musiche, importanza del testo nella

    storia della lirica, difficoltà di reperimento.

    A questo punto viene ampliata la varietà del materiale, e la sua affidabilità, tramite

    acquisti, ricerche in biblioteca, su internet, donazione di materiali da parte di

    appassionati. Il materiale raccolto viene analizzato e messo a confronto: viene

    eseguita una trascrizione in formato elettronico.

    Quindi viene eseguita una revisione del testo tramite rilettura, e con un sistemaautomatico di rilevazione sia delle anomalie strutturali, sia della validità dei lemmi.

    Vengono integrati se disponibili i numeri musicali, e individuati i brani più

    significativi secondo la critica.

    Viene quindi eseguita una conversione in formato stampabile, che state leggendo.

    Grazie ancora.

     Dario Z anotti

    Libretto n. 208, prima stesura per www.librettidopera.it: ottobre 2010.

    Ultimo aggiornamento: 12/12/2015.

    2 / 37 www.librettidopera.it

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    3/37

    G. F. Schmidt / G. Rossini, 1817 Personaggi

    P E R S O N A G G I

    GOFFREDO .......... TENORE

    RINALDO .......... TENORE

    IDRAOTE .......... BASSO

    ARMIDA .......... SOPRANO

    GERNANDO .......... TENORE

    EUSTAZIO .......... TENORE

    UBALDO .......... TENORE

    CARLO .......... TENORE

    ASTAROTTE .......... BASSO

    Cori e comparse:

    Paladini, Guerrieri, Soldati franchi, Damasceni seguaci d'Armida, Demoni, Larve.

    www.librettidopera.it   3 / 37

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    4/37

     Avvertimento Armida

    Avvertimento all'esecuzione del 1836, Milano

    Nel riprodurre quest'opera che il celebre maestro scrisse pe 'l regio teatro S. Carlo di

    Napoli nel 1817, volle l'appalto che fosse riprodotta nella sua originalità, comunque vi

    abbiano alcuni pezzi sentiti in altre opere. Ciò volle che fosse fatto perché difficile

    l'innestarvi de' pezzi, che, se non vincessero, uguagliassero almeno le bellezze

    dell'originale, e perché il genio di Rossini vuol essere in ogni maniera rispettato.

    4 / 37 www.librettidopera.it

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    5/37

    G. F. Schmidt / G. Rossini, 1817 Atto primo

    A T T O P R I M O

    [Sinfonia]

    Scena prima

    Campo di battaglia.

     In distanza la citt à di Gerusalemme.

     Le trombe annunziano la presenza del supremo duce, ed i Franchi,

    uscendo dalle loro rispettive tende, si schierano, facendogli i militari

     onori. Comparisce Goffredo dalla sua tenda, accompagnato da un

     numero di Paladini primari.

    [N. 1 - Introduzione]

    CORO DI PALADINI Lieto, ridente ~ oltre l'usato

    in oriente ~ si mostra il d ì.

    Forse la gloria, ~ di pace allato,

    la tua vittoria ~ previen cos ì.

    GOFFREDO Ah! No: sia questo ~ di tregua il giorno:

    dover funesto ~ si compirà.

    Arditi, all'ire, ~ farem ritorno:

    per or l'ardire ~ ceda a pietà.

    CORO DI PALADINI Arditi, all'ire ~ farem ritorno:

    per or l'ardire ~ ceda a pietà.

    Recitativo

    GOFFREDO S ì, guerrieri, fian sacre

    all'estinto Dudon le nostre cure,

    funebre pompa all'onorata salma

    oggi la tomba dia. Laudi, sospiri

    e tributo di pianto

    abbia l'eroe, che sul finir di vita

    il sentier di virtude agli altri addita.

    Scena seconda

     Eustazio, e i precedenti.

    [N. 2 - Coro di paladini]

    EUSTAZIO Germano, a te richiede

    donna real, piangente,

    or di venirti al piedeaita ad implorar.

    www.librettidopera.it   5 / 37

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    6/37

     Atto primo Armida

    GOFFREDO Venga. Maggior conforto

    che in sollevare un core

    assorto ~ nel dolore,

    alma non può trovar.

    (Eustazio parte)

    CORO Suol di virtude in porto

    l'esempio tuo, signore,

    ogni anima guidar.

    Scena terza

     Preceduta e seguita da Guerrieri, fra' quali Eustazio, comparisce

     Armida sopra un cocchio, accompagnata da Idraote sotto spoglie di

     privato, e da seguito di Damasceni e Donzelle.

    CORO GENERALE

    Quell'astro mattutino,

    forier dei rai del giorno,

    di tanta luce adorno

    non si mostrò finor.

    Del volto peregrino

    l'angelica possanza

    ogni splendore avanza,

    offusca ogni splendor.

    (Armida scende, e guidata da Eustazio, si presenta a Goffredo)

    Recitativo

    ARMIDA Signor, tanto il tuo nome ovunque suona,

    che fino a' tuoi nemici

    avvien che desti in petto

    sensi di meraviglia e di rispetto.

    Del trono di Damasco in me l'erede

    (la cui sventura eccede

    ogni più ria sventura) io ti presento.

    Il barbaro Idraote,

    di sangue a me congiunto, il serto avito

    non sol pensa involarmi,

    che insidia i giorni miei.

    Se magnanimo sei, che tal ti credo,

    quanto sei valoroso,

    da te sperar mi giova il mio riposo.

    GOFFREDO Principessa gentil, che far poss'io?

    Parla.

    6 / 37 www.librettidopera.it

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    7/37

    G. F. Schmidt / G. Rossini, 1817 Atto primo

    ARMIDA La tua pietade

    io reclamo. Fra tanti,

    che qui ti fan corona, eccelsi eroi,

    la desolata Armida

    dieci eletti campioni a te richiede.

    Questi a ripormi in sede bastanti son. Fedele il popol mio

    attende solo chi l'inciti all'armi;

    e se avvien ch'io mi mostri di Damasco

    con tai prodi alle mura,

    duce, la mia fortuna è appien sicura. (aspettando con finta umiltà la risposta di Goffredo)

    IDRAOTE (Che dirà?)

    EUSTAZIO (Quella voce, i mesti accenti

    penetran l'alma mia.)

    GOFFREDO (dopo aver pensato)

    Reina, senti.

    In servigio del cielo,

    sangue e sudor da noi si spande. Rieda

    in libertà Sionne, su quel monte

    di nostra fede ondeggi

    il venerato segno,

    e poi si pensi al tuo perduto regno.

    (Armida mostra di piangere, Idraote freme, Eustazio ed un numero di paladini danno segno di rammarico)

    [N. 3 - Quartetto] ARMIDA Sventurata! Or che mi resta

    se pietà non trovo in te?

    Della morte, più funesta

    è la vita omai per me.

    GOFFREDO Calma il duolo; per te spenta

    la speranza ancor non è.

    La promessa mia rammenta:

    prendi in pegno la mia f é.

    IDRAOTE (Non tradirmi amica speme;

    non stancarti, o mio furor.)

    EUSTAZIO E CORO (Non ha core chi non geme

    al suo pianto, al suo dolor.)

    ARMIDA (Per me ognun sospira e geme

    preda omai d'un folle amor.) (a Idraote)

    Vieni.

    EUSTAZIO Dove?

    ARMIDA Ove mi guida

    il rigor d'avversa stella.

    www.librettidopera.it   7 / 37

  • 8/19/2019 Arm Ida 1817

    8/37

     Atto primo Armida

    EUSTAZIO (ad Armida)

    Ferma...

    IDRAOTE Ahi misera donzella!

    EUSTAZIO Deh! German, pietà d'Armida.

    CORO (a Goffredo)

    Deh! Pietà di lei, signor.

    Insieme

    GOFFREDO (Or che farò?

    Ceder dovrò?

    M'assisti, o ciel.)

    ARMIDA Speme non ho,

    regger non so...

    Fato crudel!

    Insieme

    EUSTAZIO E IDRAOTE (Chi può soffrir il suo martir,

    alma non ha.)

    CORO Veder languir

    in fra' sospir

    real beltà...

    EUSTAZIO, IDRAOTE E

    CORO (Oh crudeltà!)

    GOFFREDO (M'assisti, o ciel.)

    ARMIDA Fato crudel!

    CORO Signor, pietà.

    EUSTAZIO German, se togli al campo

    breve drappel di noi,

    non fia che rechi inciampo

    de' Franchi al trionfar.

    All'oppugnante mura

    restino i duci eroi;

    guerrier