Antichi frutti

download Antichi frutti

If you can't read please download the document

  • date post

    01-Jul-2015
  • Category

    Education

  • view

    1.453
  • download

    2

Embed Size (px)

description

Ricerca di antichi alberi da frutto autoctoni

Transcript of Antichi frutti

  • 1. Federica Girolami & Diletta Vannucchi ICS Ferrucci Larciano a.s. 2010/2011 Antichi Frutti

2. Lascuola secondaria di primo grado ha aderito, in accordo con gli Assessori allAmbiente ed alla Pubblica Istruzione del Comune di Larciano, alla Festa dellAlbero promossa da Legambiente che si svolta il giorno 20 novembre 2010. In quella occasione stato deciso di piantare nove alberi da frutto, uno per classe, in uno spazio localizzato allinterno dellarea scolastica. LAmministrazione comunale ha regalato alla Scuola gli alberi da frutto scegliendo delle specie autoctone. 3. Programma iniziativaFesta dellalbero: 20 novembre 2010 ICS F. Ferrucci secondaria di primo grado- Larciano Ore 9,45: cerimoniaalla presenza delSindaco, dellAssessore allAmbiente , dell Assessore alla Pubblica Istruzione, delDirigente Scolastico, delReferente Legambiente ,degliAlunni A seguiremessa a dimora degli alberi, uno per ogni classe iniziando da quelli delle classi terze Ore 10,45: messa a dimora alberi classi seconde Ore 11,30 messa a dimora alberi alunni classi prime Gli alberi scelti , tenendo anche presente che questo lAnno Internazionale della Biodiversit,sono i seguenti:Giuggiolo, Melograno, Corbezzolo, Nocciolo, Fico, Nespolo, Loto, Sorbo, Noce.Lo spazio individuato localizzato allinterno dellarea scolastica in modo che i ragazzi possano accudire le piante. Ad ogni albero sar apposto un cartello indicante le caratteristiche, la classe di riferimentoed ogni alunno legher ai rami un biglietto dove sar indicato cosa far da oggi per lambiente. 4. Con laFesta dellAlberoabbiamo portato la natura nel luogo in cui trascorriamo tanto tempo. I nostri obiettivi: creare una piccola oasi di biodiversit;rendere il giardino della Scuola pi piacevole; osservare da vicino come la natura cresce e si riproduce; osservare e riscoprire la stagionalit del ciclo vegetale; ricostituire un sano equilibrio ambientale. 5. Perdiversit biologicasi intende la variabilit degli organismi viventi, degli ecosistemi terrestri, acquatici e i complessi ecologici che essi costituiscono; la diversit biologica comprende la diversit intraspecifica, interspecifica e degli ecosistemi. Conferenza delle Nazioni Unite sullambiente e sullo sviluppo. Rio de Janeiro, 1992 6. Il 2010 stato proclamato dall'Onu Anno Internazionale della BiodioversitLabiodiversit un patrimonio universale per tutta lumanit per questo conservarla deve diventare la nostra priorit. Molti stati si sono impegnati a ridurre in modo significativo la perdita dibiodiversitentro il 2010. LIUCN (The World Conservation Union), il pi grande network al mondo di esperti ambientali e associazioni non governative, ha lanciato liniziativa Countdown 2010 con lobiettivo di ricordare ai vari governi gli impegni presi e sensibilizzare lopinione pubblica su questo tema. 7. Biossignifica vita. Biodiversit significa diverse forme di vita: linsieme di tutte le forme viventi, animali e vegetali, e dei loro ecosistemi. La Biodiversit il pilastro del nostro Pianeta, fondamentale per noi, per i nostri discendenti e per tutti gli esseri viventi. LItalia il Paese con il livello pi alto di Biodiversit in Europa e conservare questa ricchezza il nostro dovere prioritario. 8. L Italiapu vantarsi di possedere un patrimonio dibiodiversitstraordinario. La biodiversit in Italia infatti molto ricca e varia: laghi, fiumi stagni, zone umide con migliaia di uccelli, pesci e invertebrati, e poi le formazioni boschive, dalle foreste mediterranee fino ai boschi di conifere di alta quota. Persino gli ambienti costieri superstiti ospitano ancora migliaia di specie di pesci, intere colonie di uccelli marini e comunit di invertebrati acquatici. 9. Tutelare la Biodiversit significa anche contrastare il cambiamento climatico. La diversit biologica il fondamento della vita, del benessere umano e delleconomia. Se anche le scienze economiche e con esse la politica non terranno conto del livello di disponibilit delle risorse della Terra non sar possibile intraprendere politiche di sostenibilit. Labiodiversit garantisce la sopravvivenza della vita sulla Terra. Luomo non ha il diritto di estinguere specie viventi. Invece ha il dovere di preservare lambiente e le risorse della Terra per le generazioni future. 10. Ogni albero piantato patrimonio di tutti come umanit e dobbiamo assicurare a queste piante una diffusione ed un habitat adeguato a livello di svilupposostenibile. Noi abitiamo in campagna, in unarea fortunata dal punto di vista ambientale e molti sanno cosa vuol dire lavorare a stretto contatto con la natura, quanto sia importante curare e mantenere un bosco nel modo giusto.Un albero piantato a Larciano, anche se sembra non avere la stessa importanza di un albero piantato in una grande citt dove di alberi ce ne sono pochi, in realt apporter il suo contributo al mondo intero, anche alla grande citt. 11. Coltivare frutti antichi significa ricreare un legame con il nostro passato. Ci aiuta a capire come luomo sia riuscito a vivere sulla terra, scegliendo piante in grado di nutrirlo e capaci di abituarsi alle caratteristiche del territorio. 12. Chi taglia una pianta quella si vendica con la sua ruina ammoniva Leonardo Da Vinci davanti alle frane delle colline toscane private di alberi. 13.

  • Nelle piante con fiore, dopo la fecondazione,si ha la formazione del SEME e del FRUTTO
  • Il seme si origina dallovulo
  • Il frutto si origina dallovario

Origine del seme e del frutto 14. Funzione del frutto

  • I frutti hanno limportante funzione di proteggere i semi durante la loro formazione

15. Tipi fondamentali di frutti frutti carnosi secchi Falsi frutti 16. Frutti carnosi

  • Sono quelli che derivano dalla trasformazione del solo ovario. In essi la parte esterna, PERICARPO, si presenta carnosa e succulenta. Ne sono un esempio la DRUPA delle ciliegie, la BACCA del pomodoro, lESPERIDIO dellarancia e il PEPONIDE della zucca

17. Frutti secchi Frutti secchi deiscenti indeiscenti Si aprono spontaneamente quando Il seme maturo, lasciandolo uscireNon si aprono e conservano al lorointernoi semi fino alla germinazione 18. OSSERVA! 19. Frutti secchi deiscenti

  • Sono frutti secchi deiscenti il baccello del pisello, la siliqua della violaciocca, la capsula del papavero e del tulipano.

20. Frutti secchi indeiscenti

  • Sono frutti secchi indeiscenti la GHIANDA della quercia, la CARIOSSIDE del grano, lACHENIO del castagno e la SAMARA dellacero

21. Falsi frutti

  • I falsi frutti sono quelli che derivano dalla trasformazione non solo dellovario ma anche di altre parti del fiore.
  • Sono falsi frutti il CONOCARPO della fragola, il SICONIO del fico e il POMO del melo.

22. I nostri Alberi da Frutto

  • Corbezzolo
  • Fico
  • Giuggiolo
  • Loto
  • Melograno
  • Nespolo
  • Nocciolo
  • Noce
  • Sorbo

23. Nespolo

  • Alessi non rispose nemmeno; allora Ntoni che era sotto ilnespolo , colla sporta in mano, fece per sedersi, poich le gambe gli tremavano, ma si rizz di botto, balbettando:
  • Addio addio! Lo vedete che devo andarmene?
  • G. Verga, I Malavoglia

24. Fico Che dice la pioggerellina di marzo, che picchia argentina sui tegoli vecchi del tetto, sui bruscoli secchi dellorto, sulficoe sul moro ornati di gmmule doro? A. Silvio Novaro, Che dice la pioggerellina di marzo? 25. Corbezzolo

    • Ti beffi di primavera
    • e fai felici tutti
    • ottobre diCorbezzolocarico di fiori
    • e gravido di frutti
  • A. Barletta, Il corbezzolo

26. Giuggiolo Ulisse e i suoi uomini, portati fuori rotta da una tempesta, approdarono all'isola dei Lotofagi, nel Nord dellAfrica. Alcuni dei suoi uomini, una volta sbarcati per esplorare l'isola, si lasciarono tentare dal frutto del loto, un frutto magico fece loro dimenticare mogli, famiglie e la nostalgia di casa. probabile che il loto di cui parla Omero sia proprio lo Zizyphus lotus, un giuggiolo selvatico, e che l'incantesimo dei Lotofagi non fosse provocato da narcotici, ma soltanto dalla bevanda alcolica che si pu preparare coi frutti delgiuggiolo Omero, Odissea 27. Melograno Vuoi andare gi via? Ancora lontano il giorno: non era lallodola, era lusignolo che trafisse il tuo orecchio timoroso: canta ogni notte laggi dalmelograno ; credimi, amore, era lusignolo. W. Shakespeare, Romeo e Giulietta 28. Nocciolo Come accade al caprifoglio che alnocciolos'attacca: quando vi si intrecciato e avvolto e tutt'attorno al tronco s' messo, assieme possono vivere a lungo Tristano e Isotta 29. Sorbo E se per strada incontra unsorbo se vede un selvatico ciliegio, subito pensa di trapiantare i getti. F. Paoli, Dialoghi con la madre 30. Loto E rimasto solo un albero dicachi . Tondi, pieni brillano di giallo violento frutti pesanti su rami quasi spogli, Restano appesi come palle sullalbero di natale, ma nessuno dice che belli anche se non si stancano di stare immobili per tanto tempo. A. Marton, NonnAdele 31. Noce Perdersi in un vecchionocesterminato, come un palazzo di molti piani e innumerevoli stanze, veniva voglia dimitarlo, dandare a star lass, tant la forza e la certezza che quellalbero mette a essere albero, lostinazione a essere pesante e duro, che gli sesprime persino nelle foglie. I. Calvino, Il barone rampante 32. Un artista della fruttaSe oggi possiamo affermare lesistenza di frutti ora scomparsi, anche grazie ai quadri di un noto pittore fiorentino,Bartolomeo Bimbi . Grande pittore di nature morte, dipin