Acceleratori e Reattori Nucleari

Click here to load reader

  • date post

    22-Jan-2016
  • Category

    Documents

  • view

    45
  • download

    0

Embed Size (px)

description

Acceleratori e Reattori Nucleari. Saverio Altieri. 2013-14. Dipartimento di Fisica Università degli Studi - Pavia. Il rate di interazione è proporzionale all’intensità I del fascio che è definita come il numero di n che ogni secondo colpiscono l’area unitaria. Distribuzione in energia. - PowerPoint PPT Presentation

Transcript of Acceleratori e Reattori Nucleari

Diapositiva 1

1Acceleratori e Reattori NucleariSaverio AltieriDipartimento di Fisica Universit degli Studi - Pavia2013-14

2

Il rate di interazione proporzionale allintensit I del fascio che definita come il numero di n che ogni secondo colpiscono larea unitaria3

4

Distribuzione in energia

5

Numero netto di neutroni/s che passano attraverso una superficie perpendicolare allasse x

6

7

8

Stato stazionarioDensit neutronica indipendente dalla posizione 9

10

11

12

13Derivazione della Legge di Fick

14Derivazione della Legge di Fick

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

d dipende dal tipo di superficie

25

26

d = 2D27

28

AB

x

AB

29

30x0

lontano dalla sorgente di qualche libero cammino medio

31

al limite per x -->0

32

=S

33

34

35

si sarebbe potuto partire direttamente da una soluzione generale basata sulle funzioni iperboliche

36

37

le sorgenti sono note , quindi le cost. S si ricavano da Restano da calcolare le A; si inseriscono le e le s in

38

39

40

41

Si pu dimostrare che, quando la teoria della diffusione applicabileallora vale la seguente relazione

42

Solo se vale la teoria della diffusione

43

44

45

scattered in gscattered out gabsorbed

46

47

48assorbitori 1/v

49assorbitori non 1/v

diverso

La relazione fra i due tipi di flusso si ottiene

50

51

52Nei moderatori lassorbimento fuori dalle energie termiche pu essere trascurato, quindiil secondo termine non cInoltre dai termici non possono essere mandati neutroni verso i veloci, quindi il quarto termine non cLa sorgente puntiforme e si trova solo nellorigine, quindi s=0 fuori dalloriginePartendo da questa dobbiamo scrivere 2 equazioni; una per i veloci con g=1 e una per i termiciVeloci g=1veloce termico

53Abbiamo un sistema di 2 equazioni; si parte ricavando Fi1 dallequazione dei veloci e sostituendolo in quella dei termici;Data la simmetria sferica del problema scriviamo il lapliaciano in coordinate sferiche

54Si risolve rispetto a e si ottiene:

55

56